LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La distruzione di Venezia
Eddyburg, 23/11/2018

Dalla grande acqua alta del 1966, che minacciò di distruggere Venezia e la sua Laguna si è compreso che una delle cause principali della catastrofe era costituita dal Canale dei Petroli, e perciò il parlamento decise che andava dismesso e la naturalità dei fondali ripristinati. Mezzo secolo dopo, ci si propone addirittura di raddoppiarlo per far passere le grandi navi, che entrando dalla bocca di Malamocco si dirigono a Marghera, dove il nuovo governo pensa di spostare il crocerismo! Non a caso questo passaggio è chiamato l'autostrada del mare, per le colate di cemento che saranno necessarie.
Per saperne di più sull'importanza strategica della dismissione del Canale dei Petroli nell'equilibrio della Laguna e sulle opere di allargamento e irrigidimento che si ritornano a proporre, si legga la lettera di Stefano Boato "Dal canale dei petroli".

Dal Canale dei Petroli
RIEQUILIBRARE LA LAGUNA A COMINCIARE DAL CANALE DEI PETROLI (Stefano Boato)

Ben cinque leggi speciali dal 1973 al 95, il Piano morfologico del 1993 e il PALAV del 1995 hanno dettato prescrizioni per il riequilibrio della laguna, in particolare per ridurre la portata idraulica delle bocche di porto e dei canali portuali e lasciare fuori dalla laguna le navi sempre più grandi incompatibili.
Ancora una decina di anni dopo, nel 2003 la Commissione di Salvaguardia, dopo mesi di approfondimenti, ha approvato (qui) allunanimità le prescrizioni e le direttive per il progetto di riqualificazione del Canale dei Petroli che precisano quanto segue.
Riduzione dellofficiosità (portata idraulica) del canale fin dalla bocca di Malamocco.
Opere rimovibili e sperimentali al prosieguo degli interventi programmati con il piano morfologico del 92-93
Marginamenti per la Cassa di colmata B con un intervento maggiormente sensibile e meno impattante con il contesto ambientale.
Le energie anomale ed eccessive dovute alla innaturalità dellassetto attuale e ai passaggi delle navi vengano ridotte al minimo sulla base di progetti di uso e riassetto dellarea (navi meno grandi e meno veloci).
Riduzione dellinvaso del Canale dei Petroli nel primo tratto in esame a una profondità massima di 12-13 m (da -15 m).
Le energie anomale non riducibili dovranno comunque essere inglobate nei nuovi assetti in modo da divenire fattori di vivificazione, di rinaturazione e di nuovo equilibrio dinamico.
Nel tratto intermedio sul lato acque libere del Canale, la protezione delle sponde non limiti la funzionalità delle nuove superfici a barena e velma consentire la circolazione delle acque in corrispondenza dei canali preesistenti in modo da ricevere le onde provocate dalle navi trasformandole da elementi di aggressione ad elementi di vivificazione delle aree lagunari retrostanti.
Sul lato delle casse di colmata creare dei chiari interni per costituire piccole casse di espansione per londa prodotta dalla nave innescheranno processi evolutivi di rimodellamento spontaneo e rinaturazione progressiva in equilibrio con un nuovo assetto morfologico ed energetico.
Il Progetto generale di riqualificazione del Canale dei Petroli, che doveva essere presentato quanto prima, da allora non è più stato elaborato dal Magistrato alle Acque.
Al contrario il Porto ripresenta oggi un progetto (già fermato una prima volta nel 2013) che vuol irrigidire il Canale dei Petroli (con enormi scogliere e palancolate) per separarlo dalla laguna come una autostrada nella quale le energie anomale ed eccessive, causate da navi sempre più grandi e numerose, non vengono ridotte ma aumentate.
Invece, dopo un periodo di impazzimento, ora lo Stato con le sue strutture (Provveditorato OO.PP., Distretto idrografico, Soprintendenza) e la Regione possono riprendere in mano la responsabilità di rispettare e attuare le norme che prescrivono di riequilibrare e riqualificare la laguna e portare allesterno le navi incompatibili con la funzionalità morfologica ed ecosistemica della laguna.

Venezia 8.11.2018

prof. Stefano Boato
già membro della Commissione di Salvaguardia
https://www.italianostravenezia.org/2018/11/13/dal-canale-dei-petroli/


http://www.eddyburg.it/2018/11/la-distruzione-di-venezia.html


news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news