LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una strada romana a San Bartolomeo
Roberto Copparoni
L'UNIONE SARDA 29-AGO-2005

La scoperta di due cippi viari nel borgo di San Bartolomeo, a pochi passi dalla parrocchia, aggiunge nuovi tasselli alla conoscenza di quella parte periferica di Cagliari frequentata sin dalla preistoria. Il primo, datato 1868, probabilmente collegato al rifacimento di un tratto stradale che univa San Bartolomeo a Calamosca. Il secondo, rinvenuto di fronte al cippo piemontese, ben pi antico: tutto fa pensare che risalga all'epoca romana. Nella pietra appena ritrovata si riesce a leggere la scritta "Sulci" ed ora all'esame degli esperti della Soprintendenza archeologica. I due cippi sono stati scoperti di recente dai soci dell'associazione "Amici di Sardegna" nel corso delle periodiche attivit di ricerca e di studio effettuate in numerose localit dell'Isola e anche a Cagliari.
La scoperta, se avvalorata da ulteriori ricerche, confermerebbe la presenza di una vera rete viaria che collegava il porto di Calamosca con il borgo di San Bartolomeo. Il motivo che determin la realizzazione di questa strada, molto probabilmente, deve ricondursi al traffico delle merci che venivano scaricate dalle navi che trovavano un approdo sicuro nelle baie di Calamosca e dalla circostanza che in questi colli sono ancora oggi presenti e visibili i segni di antiche cave dalle quali si estraevano dei blocchi di arenaria, tufo e calcaree utili, per la realizzazione di numerose costruzioni della Karalis romana.
Per l'occasione il parroco di San Bartolomeo don Antonio Sconamila, che tanto sta facendo per valorizzare questo quartiere, ha voluto ricordare che tempo addietro quando si stava ripulendo un cortile interno della parrocchia vennero alla luce numerosi frammenti di pietra lavorata. Tali reperti, secondo gli esperti che hanno avuto modo di esaminarli, erano parti di colonne e di capitelli di epoca romana. Il ritrovamento del cippo viario - sottolinea padre Sconamila - conferma quanto sostengo da tempo che il borgo di San Bartolomeo esistesse gi in epoca romana. Spetter ora agli archeologi "ufficiali" della Soprintendenza e dell'Universit di dare un'attribuzione sicura ai due cippi, soprattutto a quello romano, e quindi di poter aggiungere un nuovo capitolo sulla storia di Cagliari antica.
Che San Bartolomeo fosse un luogo frequentato sin dai primi albori della presenza dell'uomo, era fatto noto sin dall'Ottocento. La presenza di antiche vestigia nell'area di San
Bartolomeo e nel colle di Sant'Elia stata confermata dal ritrovamento, talvolta fortuito e accidentale, di antiche costruzioni, nascoste nel sottosuolo e avvalorata dalle ricerche di valenti studiosi che nel corso di questi ultimi secoli si sono spesso occupati di questa zona, spesso andando a ricercare in angusti anfratti e grotte tracce della prime presenze umane.
Tra gli studiosi pi noti che scavarono nei campi del borgo, figura per primo il Canonico Giovanni Spano che nella met dell'Ottocento visit in lungo e in largo l'intera area. Poi il celebre archeologo Antonio Taramelli che concentr le sue ricerche nella Grotta dei Colombi, posta fra Cala Fighera e Marina Piccola. Pi di recente il professor Enrico Atzeni ha mirato i suoi studi sulle primitive civilt dell'epoca neolitica, che utilizzarono le grotte e le cavit naturali di cui questa area particolarmente ricca.
Prima di arrivare alla Chiesa si trova un'antica colonna di marmo con sopra la croce di ferro scrive lo Spano nella "Guida di Cagliari edita nel 1861: Questa colonna venne trasportata da San Francesco di Stampace. Antico parimenti il piedistallo di marmo di Bonaria su cui posa la detta colonna, il quale era un cippo votivo all'Imperatore Claudio Gothico, e sopra vi stava la statua a lui dedicata, come si rileva dalla mutila iscrizione. Il cippo dimezzato n si sa se sia stato scoperto in quella localit, p trasportato da altro sito. certo, per, che al tempo romano stava col una parte dell'antica Karalis, giacch vi si trovano molte monete dell'alto e basso impero, e quando si edific lo stabilimento dei bagni si scopersero molte fondamenta di edifizj, un acquedotto, e molto prima, un monastero.
A questo proposito, bisogna citare anche lo storico Giorgio Aleo che fu tra i primi a segnalare la presenza in questa localit di un monastero dei Benedettini, probabilmente ubicato in prossimit della attuale chiesa di San Bartolomeo o sul colle di Capo Sant'Elia. Peraltro, ancora oggi, osservando con attenzione i grossi blocchi di pietra calcarea, sapientemente lavorati che affiorano alla base dell'edificio posto a lato della chiesa, fra la piazza e viale Calamosca, si pu ipotizzare la presenza di edifici romani o quanto meno un riutilizzo di materiale lapideo di epoca romana proveniente da edifici non troppo lontani dalla attuale ubicazione.
Gli anni passarano e circa un secolo pi tarai giunsero le scoperte del professor Taramelli che, soprattutto nella Grotta dei Colombi, scopr una serie di preziosi reperti dell'era prenuragica, ascrivibili al neolitico antico. Oltre a del pregevole materiale ceramico pare siano state rinvenute anche delle statuette di bronzo, punte di freccia e lance. Alcune caratteristiche di questa grotta sono la grande presenza di guano di colombi, particolarmente apprezzato come fertilizzante, e l'impressionante quantit di ossa umane che si rinvengono. Nel corso della pestilenza che nel 1600 colp Cagliari molti cadaveri venivano lasciati proprio in questa grotta e portati sopra delle grandi chiatte e, successivamente, anche dal vicino Lazzaretto di Sant'Elia. Dalla stratigrafia del terreno si rilevano una grande quantit di osse umane accatastate.
Altre importanti scoperte si devono al professor Enrico Atzeni che ha studiato con attenzione vari ripari sotto la roccia calcarea nei quali, molto probabilmente, i primi abitanti di Cagliari trovarono protezione e rifugio. In questo contesto ha saputo ritrovare le tracce di civilt antichissime che si cibavano di patelle e di Prolagus Sardus, un particolare tipo di roditore di cui i nostri antenati si cibavano che cacciavano utilizzando strumenti litici, come mazze, frecce e lame in ossidiana. Tracce che risalgono sino a 10 mila anni fa.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news