LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Con la cultura non si mangia? Falso. La tesi controcorrente di Paola Dubini
Fabrizio Versienti
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 21/11/2018

Lautrice, economista della Bocconi, ne discute oggi da Laterza con operatori e amministratori

Già Flaubert annotava nel suo Dizionario dei luoghi comuni , raccolto per tutta una vita e pubblicato solo postumo un secolo fa, che la letteratura è loccupazione degli oziosi. La famosa frase del ministro Tremonti, Con la cultura non si mangia, è dunque solo lultima di una lunga serie. La frase (apocrifa, che lex ministro ha disconosciuto in favore di una ancor più truce Non è che la gente la cultura se la mangi), campeggia sulla copertina del pamphlet di Paola Dubini edito da Laterza nella collana Idòla, accompagnata dal timbro Falso!. Smentire i luoghi comuni riscoprendo la nobile arte della polemica è lobiettivo della collana, e smentire quelli che riguardano la cultura è appunto il compito di Paola Dubini; praticamente, uneconomista della cultura, professore di Management alla Bocconi, studiosa delle tante trasformazioni in atto nelle aziende editoriali e culturali, insomma la persona giusta (e tra le più documentate) per farlo.

Nei sette capitoli del testo Dubini mette in fila i principali luoghi comuni sul tema, per smentirli uno a uno: La cultura non è reale, La cultura non serve, La cultura interessa a (troppo) pochi, La cultura non ha mercato, Dietro la cultura non cè attività dimpresa, La cultura non rende, Il lavoro culturale non paga. Solo questultima affermazione merita un dubitativo Dipende!, tutte le altre sono bollate senza esitazioni come false.

Già lantropologo Tylor nel 1871 forniva una definizione di cultura come insieme complesso fatto di conoscenze, credenze, arti, morale, diritto, costume; un concetto, ricorda Dubini, che comprende fatti di ordine materiale e spirituale, pratico e simbolico che vanno a costruire unidentità, un senso di appartenenza, una comunità. Ma è proprio questa complessità a far sì che la visione dinsieme spesso si perda, e che la cultura agli occhi dei più finisca per essere come quella cosa che, a furia di stare sempre lì sotto il naso di chi guarda, non viene più neanche vista. La si dà troppo spesso per scontata, ma provate a chiudere una scuola o un museo, ad abbattere un monumento, a bruciare dei libri; è nella privazione che si scopre la sua importanza, la sua natura di bene fondamentale come lacqua e laria.

La cultura non crea valore? Il contributo economico dei settori culturali, artistici e creativi al Pil europeo, secondo Eurostat, è intorno al 4,2%. Negli Stati Uniti la cifra è pressoché analoga, in Italia secondo Symbola-Unioncamere (dati del 2016) è addirittura superiore: siamo al 6%. Poco? Mica tanto, tanto più che linvestimento pubblico in materia è bassissimo, nellordine dello zero virgola. Ciò nonostante, la cultura cresce e dà da mangiare a un sacco di gente. Magari in molti casi in modo precario, ma pensate ai dipendenti di musei, biblioteche e tutto il sistema di conservazione del patrimonio artistico-culturale, ai professori e ai ricercatori, ai dipendenti delle fondazioni liriche, delle case editrici, delle imprese che producono contenuti multimediali per il broadcasting o per la rete. Il punto è che, quando si parla di cultura, ci si rifiuta di misurare le evidenze: a cominciare dal fatto che lutilità della cultura per la società tutta non si misura unicamente in Pil e non si misura solo sul breve periodo.

Il punto, semmai, è che si potrebbe raccogliere molto di più, soprattutto in un Paese come lItalia che si vanta di possedere una percentuale imponente del patrimonio culturale dellumanità (ma anche questo è un luogo comune: siamo il paese con la maggior quantità di beni Unesco, daccordo, ma ne abbiamo solo il 5%, che detto tra noi è comunque tantissimo). Per raccogliere di più, però, occorrerebbe investire di più in cultura, un settore che può assicurare benefici di lungo periodo a tutta la società. A chi ragiona solo in termini di fatturati, daltronde, basta far capire che le società più competitive di oggi e del prossimo futuro sono quelle che investono di più in cultura, ricerca, innovazione. E sono anche le società più vivibili, quelle a cui gli esseri umani del resto del mondo guardano come mete ideali.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news