LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quanto rende la bellezza italiana
di Silvia Dell'Orso
10/04/2005 Il Sole 24 Ore

Diamo i numeri - L'analisi dei dati relativi all'economia della cultura dal 1990 al 2000

L'andamento è stato positivo, la spesa pubblica aumentata, ma i privati si sono defilati
Silvia Dell'Orso



Non c'è da rallegrarsi, ma neppure di che rattristarsi troppo a osservare l'andamento dell'economia e della politica della cultura in Italia negli anni 90. La cultura è stata riscattata dalla marginalità in cui era confinata e considerata a tutti gli effetti un settore rilevante dell'attività economica, il ministero per i Beni culturali, forte dell'ampliamento delle sue competenze, è stato ammesso al tavolo del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) e la spesa pubblica per la cultura - a tutti i livelli, ma soprattutto quello locale - è aumentata del 40%, con un relativo incremento del valore aggiunto superiore al Pil nazionale.
É l'Italia del decennio compreso fra il 1990 e il 2000 quella passata al setaccio nel Rapporto sull'economia della cultura, curato da Carla Bodo e Celestino Spada. Seguito ideale dell'analoga ricognizione effettuata sugli anni 80, quando peraltro si era registrato un aumento della spesa per la cultura decisamente superiore (+90%) rispetto a quello che ha caratterizzato i due lustri ora esaminati (+32,6%). Un affondo nei variegati territori delle attività e delle produzioni culturali che, secondo una recente e programmatica indicazione dell'Unione europea, comprendono i beni culturali, lo spettacolo dal vivo, gli audiovisivi e l'industria editoriale (in più il nostro ministero si occupa di sport!).
Il Rapporto sottolinea come gli anni 90 abbiano visto da un lato un nuovo protagonismo delle Regioni e degli enti locali nel campo della cultura e dall'altro un federalismo rimasto sostanzialmente sulla carta. Così come fa notare che se la spesa pubblica è aumentata, non altrettanto si è verificato con quella privata che, invece, vuoi per l'inadeguatezza del pubblico, vuoi per la mancanza di regole chiare, stenta a decollare. Ciò non toglie che l'andamento economico del settore sia in generale positivo, anche se colpisce la sperequazione tra lo sviluppo del comparto relativo ai beni e alle attività culturali - che ha beneficiato degli investimenti pubblici nei restauri, del rinnovamento del sistema dei musei e della complessiva valorizzazione del nostro patrimonio - e la debolezza delle industrie culturali, tra radiotelevisione, cinema, editoria, musica registrata e nuovi media. A questo proposito il decennio ha assistito a una forte riduzione dell'intervento pubblico che non ha coincis#o con un incremento dell'apporto privato, creando una situazione tutt'altro che rosea sia nel settore televisivo, dove permane inamovibile il duopolio, sia in quello audiovisivo e nell'editoria. Per non dire che gli anni 90 hanno visto fra l'altro la vendita di casa Ricordi, Fonit-Cetra e non solo, segnando di fatto il tramonto nel cinema e nella musica delle imprese italiane non collegate alla tv.
Un dato, però, colpisce più di altri ed è che, da tutti i punti di vista, la divaricazione tra Centro-Nord e Mezzogiorno si è ulteriormente aggravata. Soprattutto sul piano della domanda di consumi culturali che è rimasta ben al di sotto dell'incremento medio nazionale anche in settori, come musei e spettacoli, nei quali si è avuta una tendenza positiva. Mentre i consumi sono addirittura crollati laddove in altre zone la domanda è regredita: per esempio nella diffusione dei giornali.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news