LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La sfida del Carroccio per non dare a Parigi le opere di Leonardo
Maria Teresa Meli
Corriere della Sera 17/11/2018

Il no della sottosegretaria Borgonzoni: È italiano Niente prestiti al Louvre per la mostra sui 500 anni

ROMA. La guerra tra Francia e Italia non si gioca solo a Bruxelles. La Lega, che non ha mai amato troppo Macron, ora ha ingaggiato un nuovo braccio di ferro con i fratelli dOltralpe. Il bersaglio è grosso: addirittura il Louvre.

La storia è questa: nel 2017 lItalia aveva stipulato un accordo con il museo parigino, che a settembre del 2019 organizzerà una mostra monografica per celebrare il quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci. Per questa iniziativa il Louvre ha chiesto la totalità dei dipinti di proprietà dello Stato italiano ad eccezione dellAdorazione dei magi, che si trova agli Uffizi e che è inamovibile, e i principali disegni leonardeschi delle collezioni pubbliche italiane.

Per dare unidea: lUomo vitruviano e gli studi della Battaglia di Anghiari dellAccademia di Venezia, la Scapigliata della Galleria nazionale di Parma, il Musico della Biblioteca Ambrosiana, oltre ai fogli del Codice Atlantico, il San Girolamo dei Musei Vaticani e lAnnunciazione degli Uffizi. In più sono stati richiesti anche dei dipinti della scuola di Leonardo come la Leda della Galleria Borghese.

Ma adesso, il nuovo governo gialloverde vuole rivedere laccordo stipulato tra musei allepoca in cui era ministro Dario Franceschini. Il perché lo spiega la sottosegretaria ai Beni culturali Lucia Borgonzoni, della Lega: Leonardo è italiano, in Francia ci è solo morto. Lui non è Leonardò come lo chiamano loro ma Leonardo, e dare al Louvre tutti quei quadri significa mettere lItalia ai margini di un grande evento culturale, anche perché pure i Lincei stanno preparando una loro mostra per agosto. Bisogna rimettere tutto in discussione. Nel rispetto dellautonomia dei musei, linteresse nazionale non può essere messo in secondordine. I francesi non possono avere tutto.

Borgonzoni è un fiume in piena mentre legge la circolare del ministero del 2017 riguardante questo accordo franco-italiano: Cè scritto addirittura che per il programma leonardesco italiano del 2019 bisogna scegliere tempi e modi tali da non entrare in concorrenza con la grande mostra del Louvre programmata per lautunno, con cui lItalia intende collaborare attivamente. Incredibile.

Ma fonti della passata gestione del ministero dei Beni culturali fanno presente che quello siglato non era un patto unilaterale tra musei: in compenso, il Louvre ci darà i suoi Raffaello per la grande mostra sul pittore urbinate in programma alle Scuderie del Quirinale nel 2020.

Ma questo scambio non sembra bastare alla sottosegretaria leghista: La maggioranza del lavoro di Raffaello è già in Italia. E, peraltro, Parigi spiega che arriverebbero a noi solo i quadri spostabili, senza specificare quali.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news