LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cos i quadri di Munch si salvarono dai nazisti
LA STAMPA 27 agosto 2005



I dipinti di uno dei pi famosi artisti europei, Eduard Munch - opere condannate come degenerate da Hitler - vennero salvati dalla distruzione durante la seconda guerra mondiale e nascosti in una grotta nel centro della Norvegia, secondo quanto rivela un nuovo studio.
Lo studio dimostra che numerosi suoi dipinti, inclusa una delle migliori versioni del famoso, Urlo, requisiti dai Nazisti vennero acquistati da una serie di amici del pittore e poi nascosti in una grotta in una sperduta fattoria nel centro della Norvegia. Queste rivelazioni sono pubblicate in una nuova biografia di Munch, Eduard Munch: Behind the Scream, (Munch dietro l'Urlo) della storica dell'arte anglonorvegese, Sue Prideaux, che risulta essere la nipote del proprietario del terreno su cui vennero nascosti i dipinti. Lei rivela come suo prozio, tale Thomas Olsen, un vicino di casa di Munch, che viveva nel villaggio di Hvitsten, nel sud della Norvegia, era tra gli amici dell'artista che nel 1938 acquist i suoi principali dipinti dai Nazisti per evitare che venissero bruciati. Olsen poi cedette i lavori che aveva salvato, insieme ad alcuni altri dipinti, a suo fratello, Fritz Olsen, proprietario della fattoria, situata nel distretto di Jotenheimen nella Norvegia centrale.
Hitler odiava l'arte espressionista, la considerava un'arte degenerata. Una delle sue prime azioni politiche dopo l'avvento al potere nel 1933 fu intraprendere una ricerca pubblica sull'arte in Germania gestita dal governo nazista. I ricercatori scrissero un noto documento dal titolo Deutscher Kunstbericht che condannava 16.000 dipinti raccolti in decine di gallerie d'arte in Germania come antitedesche. Nel 1937, il ministro della propaganda Goebbels si impossess di migliaia di dipinti, tra cui 82 opere di Munch, conservati presso gallerie e musei pubblici sparsi in tutta la Germania e riun centinaia di opere d'arte considerate offensive in una mostra destinata a incitare l'odio del pubblico contro l'espressionismo e altre forme d'arte non convenzionali. Nelle didascalie si diceva che l'acquisto di arte degenerata era stato realizzato da curatori di gallerie d'arte pubbliche ebrei. Due milioni di visitatori, tra cui molti gruppi organizzati di giovani nazisti, visitarono la mostra.
Intorno al 1938, la campagna anti-arte aveva raggiunto il punto culminante di odio e i Nazisti decisero di ottenere altra valuta estera vendendo le opere d'arte ad acquirenti stranieri. Tutte le opere invendute dovevano essere bruciate. Fu in questa fase che intervennero gli amici di Edvard Munch, i quali organizzarono una campagna di salvataggio per acquistare molte delle grandi opere dell'artista. Quando la Germania invase la Norvegia nell'aprile del 1940, i dipinti di Munch che erano stati salvati, tra cui L'urlo, vennero nascosti nella grotta nella propriet di Fritz Olsen.
L'opera di Munch non solo era deplorata da Hitler, ma l'artista stesso non piaceva al governo fantoccio nazista della Norvegia. Il capo del regime collaborazionista, Vidkun Quisling, aveva preteso l'appoggio morale di Munch, che aveva rifiutato e quindi viveva con la paura di essere arrestato. Tuttavia l'odio di Hitler per i dipinti di Munch era in evidente contraddizione con i sentimenti assolutamente privati del ministero della propaganda del Fuhrer, Joseph Goebbels, l'uomo responsabile della campagna ufficiale nazista contro Munch ed altri creatori dell'arte degenerata. Ma la verit nascosta era che Goebbels segretamente adorava il lavoro di Munch, la sua opera preferita era Life, uno dei dipinti pi famosi dell'artista norvegese, che fin con l'essere nascosto nella propriet di Fritz Olsen.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news