LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Olio, mercurio o marmo: se il pittore fa l'alchimista
di ARTURO CARLO QUINTAVALLE
27 AGO 2005 CORRIERE DELLA SERA



Provate ad andare nella sala di Tintoretto alle Gallerie dell'Accademia a Venezia oppure alla Scuola Grande di San Rocco: quei filamenti luminosi, quei barbagli di luce che segnano le figure, gli alberi, i notturni, stupiscono ancora, eppure questa pittura Giorgio Vasari (Le Vite, 1568) non la poteva capire; per lui infatti l'artista «ha superata la stravaganza con le nuove e capricciose invenzioni e strani ghiribizzi del suo intelletto». Certo, a confronto con questo vibrante «Cristo sul mare di Galilea» di Washington qualsiasi dipinto della scuola di Raffaello e fino a Giulio Romano appare diverso, dipinto con tutti gli strumenti tradizionali.
Dunque vetro polverizzato nel colore? Possibile, ma nessuna meraviglia. Gioito agli Scrovegni, lo ha scoperto Giuseppe Basile, utilizza la polvere di marmo dentro la calce del buon fresco, lo fa quando rappresenta edifici antichi, rivestimenti, si chiama marmorìno, è duro e liscio, ed è la ripresa di una tecnica antica. Dunque gli
artisti inventano, anche troppo, come nel caso della Battaglia di Anghiari di Leonardo per Palazzo Vecchio, del 1505, mai finita. Racconta ancora Vasari: «Immaginandosi (Leonardo) di volere a olio colorire in muro, fece una composizione d'una mistura sì grossa per lo incollato del muro, che continuando a dipìngere in detta sala, cominciò a colare di maniera, che in breve tempo abbandonò quella, vedendola guastare».
Certo, le fonti raccontano, degli artisti, la sperimentazione, ma si tratta a volte di pittori ai margini della tradizione accademica, come nel caso del Pqrmigianino che interrompe gli affreschi della Steccata a Parma, scrive sempre Vasari, «perché avendo cominciato a studiare le cose d'alchimia, aveva tralasciato del tutto le cose della pittura, pensando di dover arricchire congelando mercurio»; forse però «carboni, legne, boccie di vetro», fra le quali bruciava il suo tempo Parmigianino sono esperimenti sul colore, sul mercurio, sui rossi, sulle combustioni? Non sappiamo, certo è che la sperimentazione attraversa tutta l'arte rinascimentale, e tocca anche gli scultori, da Donatello a Benvenuto Cellini come racconta lui stesso drammatizzando la fusione del suo Perseo.
Adesso però questa scoperta fa riflettere: arte è invenzione, ma è sempre scoperta, sperimentazione delle tecniche. Dunque ben venga la polvere di vetro che illumina le notti di Tintoretto e gli incarnati tersi e assoluti dì Lorenzo Lotto.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news