LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANET ponte tra realismo e impressionismo
di GABRIELE SIMONGINI
26/08/2005 Il Tempo

UNO STIMOLANTE dialogo e un inevitabile confronto tra l’arte italiana e quella internazionale sono forse i motivi di maggior interesse che accomuneranno alcune fra le più importanti mostre dell’autunno romano. Si comincia dalla seconda metà dell’Ottocento con due mostre rispettivamente dedicate al geniale Edouard Manet e al nostro Federico Zandomeneghi (Venezia 1841-Parigi 1917), da molti definito come il grande «impressionista veneziano». Manet approderà dal 7 ottobre al 5 febbraio nel Complesso del Vittoriano per la prima esposizione antologica a lui dedicata in Italia. Sarà esemplificato il suo intero percorso creativo, capace di rivoluzionare la storia della pittura attraverso un uso apparentemente spregiudicato del nudo femminile che in realtà si ricollegava alla grande pittura veneta e spagnola del Cinque-Seicento, tanto che Manet amava definirsi un classico. Fra i capolavori presentati meritano d’essere segnalati fin d’ora «La ninfa sorpresa», del 1861, e «La giovane donna con cappello tondo», del 1879. Federico Zandomeneghi, contemporaneo di Manet, riceverà invece un degno omaggio espositivo dal 5 novembre al 12 marzo nel Chiostro del Bramante, attraverso centodieci tra quadri e pastelli, tecnica nella quale l’artista veneziano eccelleva. Formatosi fra Venezia e la Firenze dei macchiaioli, Zandomeneghi conobbe un grande successo non appena si trasferì a Parigi, nel 1874, l’anno della prima mostra impressionista nello studio del fotografo Nadar. E dal 1878 lo stesso Zandomeneghi partecipò alle mostre impressioniste, divenendo amico di Edgar Degas, a cui era legato dal medesimo carattere burbero oltre che dall’interesse pittorico per il corpo femminile assai più che per l’«en plein air» tanto caro agli altri impressionisti. La seconda metà del ‘900 e in particolare il nuovo uso di materie extra-artistiche, prelevate dalla realtà quotidiana, saranno i protagonisti di due mostre dedicate rispettivamente al grande scultore inglese Tony Cragg e ad Alberto Burri. Gli artisti e la materia dal 1943 al 2004. La prima sarà costituita da un’installazione monumentale presentata dal 17 settembre al 30 ottobre nel Foro di Cesare mentre la seconda avrà luogo dal 17 novembre al 16 febbraio nelle Scuderie del Quirinale. In pratica la ricerca di Tony Cragg, scultore quasi sessantenne e di fama internazionale, è partita proprio dalle sperimentazioni sulla materia che hanno avuto tra i loro pionieri il nostro Alberto Burri, di cui si ricordano con la mostra delle Scuderie i dieci anni dalla scomparsa. Accanto ad una pregevole selezione di opere di Burri, fra sacchi, legni, ferri, plastiche e cellotex, saranno infatti presentati i lavori di artisti che lo hanno affiancato nel clima dell’informale, come Fautrier, Dubuffet, Tàpies, Fontana o del new-dada americano, con nomi come quelli di Rauschenberg e Johns. Cragg ( che, tra l’altro, realizzerà la scultura-simbolo delle Olimpiadi invernali di ìTorino 2006”) è partito proprio dall’uso di materiali quotidiani ed è poi giunto a sculture dalle forme mutanti, in bilico fra geometrizzazione e biomorfismo organico.

sabato 27 agosto 2005



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news