LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archivio Zinzi, parte dallUnical la nuova vita del fondo librario della docente scomparsa nel 2004
Andrea Trapasso
Il Quotidiano del Sud 31/1/2018

Catanzaro Il fondo librario-archivistico appartenuto alla compianta professoressa Emilia Zinzi è pervenuto presso la Biblioteca di Area Umanistica F. E. Fagiani dellUniversità della Calabria. Dopo anni di polemiche sulla futura collocazione del patrimonio documentale della docente catanzarese scomparsa nel 2004, è lUnical stessa a mettere il punto esclamativo sulla vicenda, con un comunicato in cui viene ufficializzata lacquisizione del fondo e illustrati i dettagli su come lo stesso sarà gestito.
Il Fondo spiegano dallateneo cosentino - rappresenta un notevole giacimento documentale per gli studi storico-artistici e di storia del territorio calabrese, in particolare per quanto attiene alla storia e allarcheologia medievale della Calabria e allassetto dei suoi territori in epoca antica e moderna. Si iscrive perciò in modo ottimale nelle raccolte della Biblioteca, già arricchite da precedenti donazioni di fondi privati specialistici (Tanino De Santis, Goffredo Gambarara, Ilario Principe, Luigi Spezzaferro) di particolare interesse per gli studi sulla Calabria.

Il Fondo librario-archivistico Emilia Zinzi si compone di una sezione di materiali bibliografici a stampa, di circa 4.500 volumi a stampa e 165 pubblicazioni seriali, e di una sezione archivistica di circa 16.000 unità, incluse fotografie, diapositive e negativi che documentano levoluzione di alcuni siti culturali calabresi tra gli anni 70 e 90. Insomma, un patrimonio di inestimabile valore messo insieme dalla storica catanzarese, già docente di Storia dellArte presso la Facoltà di Architettura dellUniversità di Reggio Calabria, durante una vita di studi e di ricerche. E che la stessa aveva disposto fosse reso fruibile dopo la sua morte.

La donazione del Fondo - spiegano dalla biblioteca di Arcavacata - è stata vincolata da parte degli eredi al raggiungimento di precisi obiettivi di valorizzazione scientifica e culturale. Secondo gli intendimenti espressi in vita dalla professoressa Emilia Zinzi, la donazione dovrà incrementare la conoscenza del patrimonio artistico e culturale e la consapevolezza della storia regionale della Calabria, soprattutto tra gli studenti e i giovani ricercatori, ai quali la professoressa Zinzi si è dedicata per tutto larco della sua attività di docente universitaria e di ricercatrice.

In particolare, lUniversità si è impegnata a porre in essere, attraverso la Biblioteca di Area Umanistica le seguenti linee di azione: Preservare lunità e lintegrità del fondo documentario; intitolare il complesso librario-archivistico Fondo Emilia Zinzi; istituire un Comitato scientifico, con funzioni di consulenza e di proposta; assicurarne in tempi rapidi la catalogazione; garantire la fruibilità del fondo da parte di studiosi e ricercatori; valorizzare il fondo mediante opportune iniziative culturali e scientifiche; promuovere la digitalizzazione del materiale iconografico e archivistico di particolare interesse, potenzialmente a rischio di degrado, previo reperimento di fondi anche esterni; sviluppare forme laboratoriali di studio dei materiali documentari del Fondo, anche mediante tirocini didattici; proseguire lincremento del patrimonio bibliografico della Biblioteca nei settori disciplinari maggiormente rappresentati nel Fondo Zinzi (storia dellarte, archeologia, storia del territorio calabrese).

Insomma un vero e proprio progetto che pone al suo centro la valorizzazione di quel patrimonio librario. Mentre la città Catanzaro ha perso tanto, troppo tempo nella sterile diatriba legata all'individuazione della semplice collocazione. Non sono bastati 13 anni e mezzo, infatti, dalla morte di Emilia Zinzi, per trovare una sistemazione ideale nel capoluogo, visto che per tutto questo periodo il fondo è rimasto chiuso nella villa familiare di Pontepiccolo. Qualcosa sembrava essersi mosso lo scorso mese di marzo, in occasione della scopertura della targa al complesso del San Giovanni (sede dellarchivio comunale), evento nel corso del quale sia il sindaco Abramo che gli autorevoli studiosi intervenuti avevano aperto la prospettiva della sistemazione definitiva della biblioteca e dei preziosi documenti a Catanzaro. Tuttavia, proprio in quelloccasione, Matilde Zinzi, nipote della professoressa, aveva spiegato senza mezzi termini: Il nostro desiderio è quello di collocare il patrimonio letterario di mia zia in una sede universitaria che, dopotutto, è stato il suo ambito di lavoro. Limportante, alla fine, è far capire che gli archivi, le biblioteche, non sono trofei da attaccare alle pareti.

Nei mesi seguenti, invece, al di là delle buone intenzioni e del solito rimpallo di responsabilità, nulla si è sbloccato nel concreto. Qualche giorno fa era stato il vicesindaco e assessore alla Cultura, Ivan Cardamone a puntare il dito contro il silenzio della famiglia della professoressa, che avrebbe ignorato lapertura manifestata dallamministrazione comunale ad individuare unidonea collocazione per quellimportante patrimonio. Nel corso degli ultimi mesi ha precisato Cardamone - sono state effettuate anche le dovute verifiche tecniche per un eventuale allestimento presso la Biblioteca comunale o gli spazi dellArchivio storico comunale che è stato intitolato proprio alla memoria di Emilia Zinzi e che tornerà ad essere fruibile da parte degli utenti nei prossimi giorni, ultimati i lavori di sistemazione e una volta definiti turni e orari di apertura al pubblico.
Unuscita che a questo punto sembra tardiva e quasi di difesa preventiva. Perché il fondo era già da tempo allUnical. Pronto a rinascere a nuova vita.

http://www.quotidianodelsud.it/calabria/societa-cultura/2018/01/31/archivio-zinzi-parte-dall-unical-nuova-vita-fondo-librario


news

24-04-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 aprile 2019

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

Archivio news