LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A due anni dal terremoto in centro Italia

Punti di vista sul recupero del patrimonio dopo il terremoto del 2016.

Di seguito un comunicato da Agcult del 24 agosto (https://agcult.it/2018/08/24/sisma-bonisoli-buona-parte-del-patrimonio-culturale-e-artistico-e-stata-salvata/) e un articolo del 23 agosto da inform@zione.tv (http://www.informazione.tv/it/Attualita/art/78371-sisma-due-anni-dopo-la-legambiente-lancia-l-allarme-sulla-conservazione-dei-beni-sottratti-alle-macerie-siamo-ancora-in-emergenza/)

Da segnalare anche l'articolo di Stefano Miliani "Amatrice oggi: monumenti puntellati, ricostruzione lontana" ne "Il Giornale dell'arte" (http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=134049)


da AGcult
Sisma, Bonisoli: buona parte del patrimonio culturale e artistico è stata salvata

Due anni fa il terremoto che ha sconvolto il centro Italia. Mibac: oltre 22mila le opere darte recuperate e più di 15mila i libri, mentre i beni archivistici superano i 5mila metri lineari
A due anni dal terremoto in centro Italia, sono oltre 22mila le opere darte recuperate e più di 15mila i libri, mentre i beni archivistici superano i 5mila metri lineari. Dopo essere stato salvato dalle macerie e dal rischio di nuovi crolli, questo immenso patrimonio è attualmente custodito nei depositi allestiti nelle quattro regioni colpite, dove viene sottoposto ai necessari interventi conservativi. Intanto, oltre 1.600 edifici di interesse culturale sono già stati messi in sicurezza.
Tutto questo ricorda il ministero dei Beni culturali è stato possibile grazie al lavoro delle diverse professionalità del Mibac e allimpegno dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri del Nucleo Tutela, della Protezione Civile e dei volontari che lavorano ogni giorno in un territorio ferito per restituire ai cittadini quel patrimonio culturale che è seme e radice della loro identità.
BONISOLI: BUONA PARTE DELLIMMENSO PATRIMONIO CULTURALE E ARTISTICO È STATA SALVATA
Nel giorno del secondo anniversario del sisma che ha sconvolto il centro Italia, il mio primo pensiero va alle vittime e ai loro familiari, ha commentato il ministro Alberto Bonisoli. Una delle mie prime visite ufficiali da ministro è stata proprio nelle zone così duramente colpite, per testimoniare la vicinanza del governo a chi è stato messo a dura prova. Per quanto di nostra competenza, in questi due anni, la macchina del recupero e della messa in sicurezza dei beni culturali ha lavorato tanto e bene.
Buona parte dellimmenso patrimonio culturale e artistico è stata salvata. Per questo ringrazio i professionisti del Mibac e tutti coloro che si sono adoperati in tal senso con abnegazione e impegno. Restituire alla popolazione un Crocifisso, davanti al quale in tanti hanno pregato, o un quadro o altri preziosi reperti, significa restituire la memoria alla comunità e parte della sua identità.
Come già annunciato durante la mia visita, a partire da oggi, sarà accelerata la fase di completamento delle residue attività emergenziali di competenza delle unità di coordinamento regionale Uccr Mibac, con il conseguente trasferimento alle strutture ordinarie del Mibac competenti a sovrintendere alla fase di ricostruzione.
VACCA
Nei prossimi giorni ha dichiarato il sottosegretario al Mibac, Gianluca Vacca mi recherò in visita nei territori colpiti dal sisma per fare il punto della situazione e per avviare, dopo il salvataggio e la messa in sicurezza, la ricostruzione e completare il restauro dei beni culturali.


da inform@azione.tv
Sisma, due anni dopo. La Legambiente lancia l'allarme: "Sulla conservazione dei beni sottratti alle macerie siamo ancora in emergenza"

"Nella nostra regione è ancora in corso una vera e propria emergenza sullo stato di conservazione dei beni sottratti alle macerie. Aspettiamo ancora un piano concreto di messa in sicurezza, di gestione dei beni recuperati e una prospettiva per la loro fruibilità futura. È giunto il momento di pensare e ragionare, insieme alla comunità e a tutti i portatori di interesse, su quella che sarà la nuova geografia dei beni culturali in questa regione e di disegnare uno scenario di nuovi edifici e contenitori in cui mettere in mostra le opere, che già ora sono in condizione di essere esposte, che veda il coinvolgimento delle comunità locali. Ciò significherebbe dare una prospettiva forte e concreta per costruire piani di promozione turistica e punti di riferimento per la cittadinanza colpita".
Questo il commento di Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche, a due anni dal sisma che ha colpito fortemente il Centro Italia e le Marche.
Dalla relazione sulle attività di resoconto dell'UCCR Marche all'UCCN, datata 17 luglio 2018, emerge, infatti, che sono 13.211 i beni mobili complessivamente recuperati e solo 1.563 si trovano in 2 depositi gestiti dal MIBACT.
Uno è situato presso la Mole Vanvitelliana di Ancona, data in concessione gratuita al MIBACT dal Comune e ospita 1.423 beni, l'altro è il Forte Malatesta di Ascoli Piceno, di proprietà del Demanio, dato in concessione al Comune di Ascoli Piceno, sede del Museo Civico che ai piani inferiori ospita i restanti 140 beni.
Gli altri 11.648 sono in luoghi di ricovero dispersi: tre depositi nella Diocesi di Camerino, due in quella di Ascoli Piceno, uno in quella di Fermo, un deposito nel comune di Amandola, uno nell'Istituto Campana a Osimo. Altri addirittura si trovano attualmente in "luoghi di ricovero temporaneo", come "conventi annessi alle chiese danneggiate", siti non tutti adeguatamente attrezzati per garantire la sicurezza dei beni salvati. Nella relazione, inoltre, riguardo il deposito della Mole Vanvitelliana di Ancona è specificato che solo per una parte delle opere, quelle in condizioni più "gravi", si è provveduto a sostituire gli imballi di prima emergenza e a un pronto intervento in attesa del restauro definitivo.
I tre eventi sismici che si sono succeduti a partire dal 24 agosto 2016 hanno inferto enormi colpi al patrimonio culturale, tra cui chiese, monumenti, edifici storici, affreschi, tele, statue, materiale archivistico e librario e organi musicali storici, presenti in migliaia di edifici ecclesiastici, nei numerosi musei civici e diocesani e nei palazzi sia pubblici che privati. Ma se è vero che la successione degli eventi e la vastità dell'area colpita sono stati eccezionali, è altrettanto vero le Marche si sono fatte trovare impreparate. Molte le falle che non hanno permesso il massimo dell'efficienza e dell'efficacia nell'affrontare l'emergenza del recupero, salvaguardia e fruizione del patrimonio culturale.
"Nonostante il nostro gruppo di volontari, il primo organizzato e formato per operare in emergenza e che è nato proprio in risposta al terremoto di Marche e Umbria del 1997, sia stato un valore aggiunto straordinario per la comunità e per le istituzioni, continua Pulcini l'azione svolta dal mondo del volontariato è stata contrastata e bloccata per molti mesi, mentre le opere rimanevano sotto macerie e neve, e ad oggi continua a non essere considerata, nonostante la dichiarata disponibilità. Una forte criticità, inoltre, è stata rappresentata dalla distanza tra il centro organizzativo (Ancona) e i territori colpiti, con enormi perdite di tempo e in alcuni casi persino duplicazioni di sopralluoghi. A questo va aggiunta l'ostinata incapacità di creare una vera collaborazione sia in fase di emergenza che post emergenziale tra enti e ed istituzioni, fra l'UCCR, la Regione e la CEI, causando rallentamenti e ostacoli su un lavoro che potrebbe trovare soluzioni adeguate anche per la ripartenza del territorio. Sollecitiamo, quindi, una seria analisi di ciò che non ha funzionato, sia per porre subito rimedio sia per attrezzarsi meglio in caso di altre emergenze".
La relazione evidenzia, inoltre, che, a causa della mancata individuazione del deposito, non è possibile esaudire le richieste di trasferimento di fondi archivistici e librari per permettere gli interventi sugli edifici, provocando ulteriori ritardi nella ricostruzione. Mancano spazi adeguati per ricoverare i numerosi organi storici che giacciono nelle chiese danneggiate e numerosi sono gli affreschi su cui intervenire con velinature o con la raccolta dei frammenti dalle macerie.
In tutto ciò, dal 2015 l'Unità di Crisi delle Marche, così come previsto dalla Direttiva Franceschini del 23 aprile di quell'anno, si è attivata per cercare un luogo da destinare a deposito dei beni recuperati da eventi calamitosi di proprietà statale-demaniale ma, nonostante gli ultimi solleciti (14/03/2018), non ha ancora ricevuto risposte.
"Ci preme ricordare al Ministro Bonisoli che le Marche sono ancora in emergenza conclude Pulcini e ci aspettiamo un suo deciso interessamento, perché una buona parte del patrimonio culturale marchigiano aspetta ancora di essere messo in sicurezza. Chiediamo anche che le Iitituzioni regionali vengano aiutate dal Governo a predisporre un piano di gestione dei beni recuperati, rendendoli fruibili nei territori di appartenenza in depositi attrezzati con laboratori e spazi polifunzionali, aperti alle scuole, alla popolazione, ai restauratori, alle università, capaci di creare occupazione e flussi turistici. Salvaguardare il patrimonio culturale di una comunità per restituirlo ai cittadini, anche attraverso il loro coinvolgimento, rappresenta uno dei modi per garantire risorse per una futura rinascita del territorio e dello spirito della comunità marchigiana".



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news