LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arezzo. Le carte e le lettere dellartista definitivamente assicurate allItalia
Salvatore Settis
Il Sole 24 Ore, domenica, 5 agosto 2018


Archivio Vasari: è arrivato lesproprio

Nel passaggio dallera Franceschini alla fase Bonisoli, il panorama del Ministero dei Beni Culturali è assai variegato, ma qualche buona notizia non manca. Per esempio, e di questi tempi non è poco, la politica degli acquisti svolta in questi anni dalla Direzione generale degli Archivi (retta con mente lungimirante da Gino Famiglietti). I lettori del Sole 24 Ore già conoscono, da un articolo di Giulio Busi, il notevolissimo acquisto del manoscritto di Mosé Maimonide; ma non meno sensazionale è stata lacquisizione allArchivio di Stato di Mantova dellintero archivio Castiglione, che contiene tra laltro il manoscritto più importante della Lettera di Raffaello a Leone X, vera profezia della tutela in Italia, che Raffaello scrisse con lo stesso Baldassarre Castiglione. Altre acquisizioni si sono rivolte a materiali di epoca più vicina a noi: così le carte dei fratelli Rosselli, ma anche larchivio Federzoni (che include il verbale manoscritto della seduta del Gran Consiglio del Fascismo del 25 luglio 1943, che esautorò Mussolini). Così le operazioni di tutela dellarchivio di Giuseppe Verdi, delle carte Cavour e di una parte consistente e trascurata di quelle della Domus Mazziniana a Pisa. Così il recupero di una porzione degli archivi fotografici della rivista Difesa della razza: momento certo non felice della storia nazionale, ma che va scrupolosamente documentato come ogni altro. È questo dunque, con ogni evidenza, un organico progetto di forte affermazione della funzione pubblica degli archivi non come passivo e polveroso deposito di vecchie cartacce, ma come vivo strumento di ricerca per intendere la nostra storia e il nostro presente. Una nuova tappa in questo percorso meritorio sembra ormai essere dietro langolo: e sono le carte di Giorgio Vasari, di proprietà privata per intricate vicende ereditarie, ma conservate in casa Vasari ad Arezzo con un solido vincolo pertinenziale per cui non possono in nessun caso esserne allontanate. Tutte, o quasi tutte: tre faldoni infatti, in una vicenda assai oscura, sono finiti attraverso un mercante svizzero alla Beinecke Library di Yale. Ottima biblioteca, certo: ma cè poco di che esser fieri se un archivio tanto importante finisce, un pezzo qua e uno là, in giro per il mondo. Certo non era questa lintenzione di Vasari, che nel suo testamento (1568, lo stesso anno della seconda edizione delle Vite) aveva disposto che le sue carte, in caso di estinzione della discendenza maschile, andassero in blocco alla Fraternita dei Laici di Arezzo. Così non fu, giacché uno degli esecutori testamentari dellultimo Vasari (1687) tenne larchivio per sé, sepolto per secoli fra le carte di famiglia (Spinelli, poi Rasponi Spinelli), finché venne riscoperto da Giovanni Poggi nel 1908, e notificato nel 1917 evitando la vendita allestero. Del 1921 è il deposito presso Casa Vasari, del 1994 il vincolo pertinenziale che lega per sempre larchivio alla casa da dove proviene. Per ulteriori passaggi ereditari, le carte Vasari sono dal 1985 in proprietà Festari, e hanno da allora subito strane vicissitudini, dal pignoramento per debiti del proprietario (2004) alla favoleggiata vendita, per improbabili cifre astronomiche, a un vero o presunto magnate russo (2009). Trattativa, questultima, forse mediata da quello stesso Marino Massimo De Caro, già consigliere dei ministri Galan e Ornaghi, ben noto in quanto condannato per lenorme furto di libri nella biblioteca dei Gerolamini a Napoli. Negli ultimi anni le cronache ricordano le carte Vasari (che non comprendono i manoscritti delle Vite, ma includono importanti lettere, anche di Michelangelo) quasi solo per periodici e confusi tentativi di vendita o di messa allasta, pignoramenti per far fronte a debiti, mostre d'ogni sorta, anche se il vincolo pertinenziale impedisce che si allontanino dal loro naturale (e legale) luogo di conservazione. Con una storia come questa, e i rischi che comporta il suo indefinito protrarsi, ben si capisce il provvedimento di esproprio emesso dalla Direzione degli Archivi. Una volta portata a termine la procedura per la determinazione definitiva dellindennità di esproprio secondo le norme di legge (e si spera che avvenga presto), potrà dirsi assicurato in perpetuo alla pubblica fruizione e alla ricerca un archivio preziosissimo e a continuo rischio di dispersione. E chissà che, una volta assicurato allo Stato il grosso dellarchivio, anche i tre faldoni (su 34) finiti a Yale non possano tornare in buona compagnia, e nellunica sede consona: Casa Vasari di Arezzo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news