LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Ventennio incancellabile
Costanzo Gatta
Corriere della Sera - Brescia 26/7/2018

In città il fascio campeggia su molti tombini
In provincia gli slogan per unItalia contadina

Toh. Guarda che cosa ci tocca vedere. Riaffiorano tracce di quando cera Lui, logora espressione nostalgica per intendere i tempi di Mussolini. Ecco insegne, scritte, decorazioni. Non sono state cancellate tutte. I graffiti saltano fuori anche in luoghi inattesi.

Diamo unocchiata, trascurando i tanti palazzi, case popolari, villaggi e quartieri sorti nel Ventennio. Segni si trovano anche in luoghi impensabili. Allangolo fra via Battaglie e Contrada del Carmine in città troviamo il grande palazzo che fu dei Calini e venne ereditato dai Gambara. La facciata è stata deturpata da una porta per accedere e ad unantica sala affrescata: un orrore edilizio che guasta larmonia del palazzo. Leggendo sopra larchitrave si capisce a chi sia servito quel salone. Dice: Gruppo rionale Italo Balbo. In diverse città nacquero nuclei nel nome di uno dei quadrumviri della Marcia su Roma ed aviatore precipitato a Tobruk per colpa del fuoco amico.

A ricordarci il fascismo ci sono poi moltissimi tombini dellacqua e della luce. Portano impresso accanto al leone rampante il fascio littorio. Lo calpestiamo e tanto basta. Una crociata per toglierli di mezzo ci costerebbe un occhio della testa. Lasciamoli dove sono: sotto i nostri piedi. E lasciamo perdere anche le vecchie targhe stradali una si nota in via Roma a Gargnano ancora con il fascio littorio in piccolo.

Che piazza della Vittoria sia un inno al fascismo è risaputo. Lo è perfino nei dettagli della decorazione che fa da cornice alla facciata del palazzo delle poste. Proprio sopra la scritta Poste e telegrafi la greca è formata da una sequenza di m. Liniziale di Mussolini viene ripetuta tredici volte.

Segni di un passato morto e sepolto li troviamo pure in provincia. Sulle case sono visibili ancora seppur sbiaditi gli slogan che ci parlano di un Italia governata da uno che ha sempre ragione. Nel bel Paese chi osa vince, magari buttando il cuore oltre lostacolo e chi si ferma è perduto oppure è boia chi molla. Starace e Bottai ordinarono che anche i muri indossarono (metaforicamente) la camicia nera. Ad Acquafredda fu scelta una cascina (a Isorella un palazzo, a Villa di Gargnano la caserma Magnolini) per esortare a obbedire oltre che a credere e combattere. Non si sa se i contadini chiamarono il pittore spontaneamente o perché a conoscenza di un certo chi va là: O con noi o contro di noi. A Botticino mattina chi ha occhi di lince riesce ancora a leggere su un muro che Solo Iddio può piegare la volontà fascista, gli uomini e le cose mai.

Nei paesi a tradizione agricola ecco lindicazione di rigore per il contadino: È la spada che traccia il solco e la spada che lo difende. La scritta, a caratteri ben visibili a distanza, si nota ancora sulla facciata di una vecchia casa di Roncadelle: è alluscita del paese prima dellindicazione per Castelmella. Per restare agli slogan da mondo contadino ecco quello, insolito, in parte visibile su un muro di Cologne: Più profondo è il solco più alto lideale.

Meno comune la rima del Duce poeta, alladunata in Roma del 10 maggio 1932. È rimasta a Campione del Garda: Libro e moschetto, fascista perfetto.

A Ponte Caffaro la sede dei fasci di combattimento era segnalata non da una targa ma da una scritta gigantesca sul muro calcinato.

Disciplina concordia e lavoro per la ricostruzione della Patria si legge su una parete delle elementari di Lavenone. E nello stesso paese campeggia la scritta Noi sognamo lItalia romana (senza la i: scritta apparsa anche in città, su un muro di via Maiera. Sempre senza la i). In Valle Sabbia lo slogan è circondato da un disegno di sapore futurista. Risale al 1982 ed è stato realizzato da un maestro del pennello, Adriano Grasso Caprioli.

Più originale il pensiero visibile a Leno Il popolo italiano ascolta ma giudica dai fatti. Se combatteremo vinceremo per la grandezza presente futura e passata si legge su una casa di Pontenove (Bedizzole). La frase ottimistica è stata pittoricamente rinfrescata, con laggiunta di una svista. Nelloriginale la vittoria era annunciata per la grandezza presente passata e futura.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news