LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. La città trasformata in marchio
Gennaro Ascione
Corriere del Mezzogiorno - Campania 14/7/2018

Nel marzo del 2017, il Corriere del Mezzogiorno fu lunica voce della stampa cittadina a lanciare lallarme turistificazione del Centro storico pardon antico. Il caroaffitti, la concentrazione della proprietà immobiliare, lomologazione dellofferta commerciale, laumento dei prezzi al dettaglio, la saturazione di unarea di circa dieci chilometri quadrati già molto popolosa, lo sfruttamento del lavoro grigio e nero, erano fenomeni già evidenti. Oggi, questi stessi fenomeni appaiono accelerati e i loro esiti dannosi acutizzati. Leffetto combinato dellaumento dei voli low-cost su Capodichino (27 nuove rotte per un obiettivo di due milioni di passeggeri lanno) e della diffusione degli affiti short-term tramite la piattaforma AirB&B (+65% di alloggi in affitto ogni anno), sta rapidamente cambiando la fisionomia della città, con ricadute socio-economiche e culturali irreversibili. Da più parti ci si premura di non demonizzare il turismo tout court, perché potenzialmente foriero di economie di scala di cui una città deindustrializzata come Napoli potrebbe beneficiare. Eppure in molti si ostinano a non voler fare i conti con la realtà: limpatto dellindustria del turismo di massa su una città dal tessuto metropolitano fragilissimo e sfibrato come Napoli è già, e non mancherà di essere, dirompente sotto il profilo delle disuguaglianze strutturali di Napoli.

Tanto più se di fronte a unindustria così invasiva, mossa da interessi economici enormi, e animata da macro-attori dalla poderosa capacità dinfluire sulla vita delle persone comuni (dagli speculatori del settore immobiliare, alle compagnie aeree, ai franchising) questo tessuto resta indifeso, abbandonato a se stesso dalle istituzioni che pur dovrebbero essere preposte a mitigare gli effetti più deleteri del neoliberismo, nella forma specifica del capitalismo di piattaforma.

Latita il Comune di Napoli che, anzi, si fregia da sempre dellaumento dei turisti, senza preoccuparsi di spingersi oltre la riscossione della tassa di soggiorno. Del resto, al di là della retorica movimentista che ha accompagnato lamministrazione arancione negli ultimi anni, buona parte dellelettorato di de Magistris si colloca entro i ranghi del ceto benestante che sta speculando con successo sullaumento del valore delle rendite immobiliari, per lo più in regime di elusione fiscale. Eppure, sulla scorta dellesperienza di altre città europee, il Comune potrebbe intervenire: concordando con AirB&B delle modalità di limitare labuso degli affitti a breve termine, tutelando laddove possibile le situazioni di sfratto esecutivo maggiormente a rischio perché a danno di soggetti particolarmente vulnerabili, vincolando con risolutezza gli introiti della tassa di soggiorno al rilancio delle politiche abitative o di sostegno al reddito, intensificando i controlli sullo sfruttamento del lavoro nero nellindotto.

Sono lontani i tempi in cui la Napoli di de Magistris pensava a se stessa come lavanguardia culturale di una incipiente sollevazione di popolo che ne avrebbe fatto lavamposto morale della rinata speranza nella forza politica di un nuovo municipalismo europeo dal basso. Anche perché, al netto di diffusissime amnesie collettive, il sindaco de Magistris, al pari dellassessore al Turismo e alla Cultura Daniele, si è sempre riempito la bocca di city branding. Espressione, questultima, che designa una volontà politica chiara: fare di Napoli un marchio con cui etichettare la città per metterla in vendita, a scapito di tutta quella parte della cittadinanza che dal turismo non trae alcun beneficio. Se non altro, almeno, le orecchie e lintelligenza delle napoletane e dei napoletani non subiscono più una reiterata violenza verbale: quella di associare la messa in vendita di Napoli alla parola più nobile di tutte. Quella che rende imperiture le gesta di chi in nome dei propri ideali di uguaglianza e giustizia ha sfidato la morte, in tutte le epoche, a ogni latitudine. Rivoluzione.



news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news