LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, musei. Numeri piccoli se mancano idee e grandi mostre
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 13/7/2018

Due scuole di pensiero si fronteggiano, a proposito della sfiga: gli ottimisti sostengono che quando la notte è più buia lalba è più vicina; ma i pessimisti ribattono che quando si crede di aver toccato il fondo, allora si comincia a scavare. Una sfiga abissale imperversa su ciò che rimane della Fondazione Torino Musei dopo i tagli forsennati dei contributi, la rinuncia alle mostre blockbuster e la dismissione del Borgo Medievale. Nel 2017 la Gam ha stabilito un record, credo mondiale: ha perso in un solo anno il 41,3 per cento dei visitatori rispetto al 2016, dopo aver già perso il 33,3% dal 2017 al 2016; ed è uscita dalla top ten dei dieci musei più visitati del Sistema Metropolitano. Una simile performance è irripetibile: difatti nei primi sei mesi del 2018 la Gam ha racimolato 104 mila visitatori, con una perdita, rispetto ai 109 mila dello stesso periodo dellanno passato, di appena il 5 per cento. E una notizia consolante. Nellinsieme, da gennaio a giugno i musei della Fondazione registrano addirittura una crescita del 2 per cento, grazie alle contenute perdite del Mao (-1%) e soprattutto al colpo di reni di Palazzo Madama, che nel 2017 registrava un terribile -27% sul 2016 e invece nei primi sei mesi del 2018 mette a segno un ottimo +10% rispetto allo stesso periodo del 2017. Attenzione: questi sono i numeri dei primi sei mesi del 2018. Essi ridimensionano il cauto ottimismo dellOsservatorio Culturale Piemontese, il quale proprio ieri segnalava una ripresina dei musei della Fondazione nei primi quattro mesi di questanno (da gennaio ad aprile) a fronte di un serio calo di presenze per Venaria, Egizio e Cinema. In effetti la Gam è andata bene da febbraio ad aprile, con tre mesi in positivo, per poi tornare a inabissarsi a maggio e giugno. In effetti da gennaio ad aprile le presenze alberghiere sono ancora diminuite, come negli ultimi mesi del 2017; per poi risollevarsi in maggio. La flessione di Venaria, Egizio e Cinema - mete predilette di chi arriva da fuori Torino - può dipendere, giusto in quei quattro mesi, dal concomitante calo del turismo: mentre Gam e Palazzo Madama non ne risentono proprio perché meno popolari fra i turisti. Sia come sia, mi pare evidente che musei come la Gam e Palazzo Madama non brillano - come invece Venaria, Egizio e Cinema - di luce propria. I grandi numeri li fanno soltanto con le grandi mostre, tipo Monet. Ma alla Gam e a Palazzo Madama le grandi mostre non si fanno più. Perché mancano i soldi, o perché così piace ai nuovi padroni del vapore, non importa: non si fanno e basta. Unalternativa che sembra dare buoni risultati sono le piccole mostre intelligenti e fatte in casa, a basso costo, come quelle che propone a raffica Palazzo Madama: non attirano le folle, però un po di movimento lo creano. Lo stesso accade ai Musei Reali; e la controprova viene dallexploit del Museo del Risorgimento, che nel 2017 è cresciuto dell11,7% per cento sul 2016: anche lì, un nuovo direttore intraprendente ha puntato sulle mostre temporanee a basso costo ma interessanti, e la risposta cè stata. Le mezze misure, invece, tradiscono. Penso alla mostra di Guttuso, sulla quale la Gam tanto contava per rilanciarsi: ha chiuso a 55 mila visitatori, più o meno quanti ne ha totalizzati - con un investimento ben inferiore - la Pop Art al Museo del Risorgimento. Ovvio che la Gam sconta la sua posizione defilata rispetto al centro città: ma le scelte espositive influiscono, e non poco. E difatti il neodirettore della Gam Riccardo Passoni adesso esordisce con una mostra fotografica molto bella, Suggestioni dItalia, che ha le carte in regola per piacere e costa appena 11 mila euro. Quando il gioco si fa duro si gioca in difesa e si cerca di portare a casa il risultato. Attenzione, però: le piccole mostre intelligenti salvano i bilanci e magari rilanceranno pure la Gam, come Palazzo Madama: però con quelle mostre non si va da nessuna parte. Si sopravvive. Non si entra nei circuiti che contano, non si sta nella serie A dei musei, non si dà visibilità internazionale a Torino. Ma già, che stupido, adesso la visibilità internazionale ce la dà Ronaldo. Chissenefrega di Caravaggio. Quello lo fanno a Milano. Però si devono accontentare di Nainggolan, poveretti. Cicca cicca.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news