LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. I pali alla Stazione e non solo, la scomparsa dellestetica
Enrico Nistri
Corriere Fiorentino 8/7/2018

Lo spettacolo della palificazione che stravolge piazza Stazione non può lasciare indifferenti. È motivo di consolazione, di conseguenza, apprendere che il soprintendente Pessina (Corriere Fiorentino del 4 luglio) non intende rimanere fermo impalato dinanzi a una foresta di pali e ad una ragnatela di fili che le risorse della moderna tecnologia avrebbero potuto evitare, anche se è lecito chiedersi quanto i rimedi prospettati basteranno a ridurre limpatto di scelte ormai irreversibili. Decolorare i pali e ridurne il numero non basta a restituire a piazza Stazione ridotta a una piazza-Stazione quel miracoloso equilibrio fra gotico e modernità che è merito universalmente riconosciuto agli architetti del Gruppo Toscano. Più che lamentarsi per la beffa di una piazza addormentatasi con un filare di pini e risvegliatasi con una giungla di pali, sarebbe però opportuno interrogarsi sui motivi per cui in una città come Firenze si sia trovata improvvisamente di fronte allo stravolgimento estetico di troppi luoghi simbolo. Pessina ha lamentato il ridimensionamento delle Soprintendenze in seguito alla riforma Franceschini. Il problema sussiste, ma anche prima della riforma interventi opinabili erano stati operati impunemente, come il riassetto dellarea antistante la Fortezza da Basso, lulcerazione di piazza Vittorio Veneto, la pensilina di Toraldo di Francia. Cè piuttosto da chiedersi se, sulla facilità con cui certe scelte possono passare attraverso il vaglio di più livelli di controllo, non influiscano un allentamento della pressione sociale in materia di interventi urbanistici e una generale atrofizzazione della sensibilità estetica. Viviamo in unepoca di democrazia informatica dominata da un accanito e spesso incattivito interventismo sul web, eppure i fiorentini si scoprono inermi dinanzi al fatto compiuto di scelte mal condivisibili. Vengono proposte, è vero, video anticipazioni dei nuovi assetti, ma i rendering, come i volti secondo Corneille, sono spesso dei dolci impostori. Manca, sulla stampa, quella pubblicistica agguerrita che persino sotto la dittatura accompagnò il concorso per la nuova stazione di Santa Maria Novella. E mancano amministratori capaci di farsi a piedi il greto dellArno alle Cascine per accertarsi che anche nei colori delle facciate il nuovo quartiere dellIsolotto rispettasse lestetica cittadina. Lo faceva negli anni 50 lallora assessore alle Belle Arti Piero Bargellini. Oggi i suoi sarebbero passi perduti, perché da tempo unestetica cittadina condivisa non esiste più.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news