LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castello di Ottaviano, il sogno dei Medici
Mario De Cunzo
20-AGO-2005 IL MATTINO






Nel 1567 Bernardetto de Medici e la moglie Giulia lasciarono Firenze e acquistarono il castello e il feudo di Ottaviano per cinquantamila ducati. Bernardetto era cugino del grande Cosimo de Medici, grande per capacit di governo, un po' meno forse per coerenza morale, tanto che nel 1566 aveva consegnato al Papa l'amico protestante Pietro Carnesecchi. Per non parlare poi dell'altra parente di Bernardetto, la regina di Francia Caterina de Medici che nel 1571, la notte di San Bartolomeo, aveva massacrato i protestanti Ugonotti, tremila morti a Parigi, dodicimila nel resto del regno. Il raffinato e colto Bernardetto aveva nutrito simpatie per la Riforma, come tanti intellettuali italiani, e nel napoletano l'atmosfera era relativamente pi tollerante e libera. A Napoli, anzi ad Ischia, aveva vissuto indisturbata Vittoria Colonna amica di Valdes, e l'Inquisizione non avrebbe attecchito. Poi, in punto di morte, Bernardetto affid l'anima al domenicano Pietro Feulo di Ottati e la moglie, rimasta vedova, costru per i domenicani in Ottaviano il convento del Rosario nella cui chiesa riposano con belle lapidi diversi membri della famiglia de Medici. I domenicani, si sa, erano i grandi predicatori dell'Inquisizione Spagnola. La pia vedova Giulia de Medici aveva comprato in territorio di Ottaviano due cappelle semidirute, poi trasformate in chiese, e le cappelle erano intitolate a San Giovanni e San Lorenzo, nomi che lasciavano trapelare struggenti nostalgie di Firenze.
Per le notizie sui Medici, principi di Ottaviano, vi sono due testi ben curati da Raffaele D'Avino, in una ricerca della Scuola Media Statale di Ottaviano, e da Carmine Cimmino. Ma il massimo dell' affetto per il nobile castello e la sua storia si deve al principe Giovanni Battista de Medici, diretto discendente della famiglia di Lorenzo il Magnifico.
Raffaello Causa, il pi grande Soprintendente per i Beni Culturali che Napoli abbia avuto, era cresciuto ad Ottaviano ed era solito scherzare sul fatto di essere conterraneo di un altro personaggio dal nome simile: Raffaele Cutolo, tristo e malvagio per ventura e vicende. Vi un film, noto se non altro perch molto spesso si replica nei programmi notturni di emittenti locali: II camorrista, di Giuseppe Tornatore (regista di Nuovo Cinema Paradiso, e Malena). Il film II camorrista maestosamente interpretato da Ben Gazzara; il romanzo pubblicato da Tullio Pironti. Durante la lunga latitanza, Cutolo compr il castello dal quale prima lui, poi la sorella tessevano prosperi affari. Il palazzo con saloni e meravigliosi affreschi del Muzzillo era ben restaurato ed efficiente per lo scopo al quale era stato adibito. Poi lo Stato lo ha confiscato, lo ha affidato al Comune e questo a sua volta la ha concesso all'Ente Parco Nazionale del Vesuvio. Ma nessuno vi ha fatto lavori n disposto custodia, tanto che tutti hanno rubato di tutto, statue, lapidi, dipinti e distrutto affreschi, fino a che, per fortuna ancora in tempo, l'architetto Lilly Foglia, della Soprintendenza per i Beni Architettonici, il Paesaggio e per il Patrimonio Storico Artistico e Demoantropologico di Napoli, ha ripreso e completato i restauri. Tutto ora risplende, gli affreschi rimasti, i solai e le capriate in legno, gli alberi dei giardini ed i colori della facciata.
Pensate che per ritrovare il colore originale della settecentesca facciata Lilly Foglia ha fatto restaurare il celebre quadro dipinto da Pierre Jacques Volaire nel 1776, raffigurante Maria Giovanna de Medici e Sigismondo Chigi che partono da Ottaviano dopo le nozze, dove ritratto il castello con il suo colore originale, che nel dipinto era un colore chiaro luminoso e festante. Ma quanto durer tanta meraviglia? Poco, perch il palazzo continua ad essere abbandonato e senza custodia, l'Ente Parco Nazionale ha messo la targa ma non un custode, non vero quanto affermato dalla Provincia - in un recente convegno sulle confische - che l'Ente Parco usa il castello, almeno fino a poco tempo fa, e speriamo di essere presto smentiti.
Molto bello sarebbe invece se nel castello dei principi tornassero i Medici. Antonio Paolucci, gi Ministro per i Beni Ambientali e Culturali e Soprintendente di Firenze, uno che di Medici se ne intende, ha detto che ne sarebbe stato felice. E aveva anche proposto una mostra, con materiale degli Uffizi.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news