LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caserta. Terrae Motus, la Reggia e i lasciti culturali
Paolo Conti
Corriere del Mezzogiorno - Campania 26/6/2018

Cè un caso di scuola, tra i tanti che testimoniano come vengano ben rispettati taluni lasciti culturali. Si tratta della Fondazione Burri. Quando si trattò di dar seguito alle indicazioni del Maestro Alberto Burri con il lascito (in vita) alla sua Città di Castello, la Cassa di Risparmio di Città di Castello comperò Palazzo Albizzini.
Un gioiello del XV secolo, che fu restaurato e consegnato in comodato gratuito novantanovennale alla Fondazione Burri per esporre, nella sequenza da lui indicata, nel Museo Burri le 130 opere prodotte dal 1948 al 1989 (tra Catrami, Muffe, Gobbi, Sacchi, Legni, Ferri, Combustioni, Cretti e Cellotex).

Con la morte del Maestro nel 1995 nulla è cambiato, anzi la vita della Fondazione e del Museo è andata avanti, per esempio con le ricche manifestazioni del 2015 per il centenario della nascita dellartista.

È solo un esempio ma dimostra bene come la morte non cancelli le volontà di chi affida un bene a una istituzione culturale. A Roma cè addirittura il clamoroso caso dellospedale san Giacomo, colosso rinascimentale nel cuore di via del Corso, dismesso come centro di cura dalla Regione Lazio nel 2008. Si parlò a lungo di vendita dellimmobile ai privati, si sussurrò di trattative con grandi gruppi per la realizzazione di un albergo a chissà quante stelle. Poi arrivarono gli eredi contemporanei del cardinal Salviati, che donò il complesso alla città di Roma alla fine del 500 vincolando la donazione alla destinazione duso di ospedale. La duchessa Olivia Salviati riuscì a bloccare ogni speculazione. E ora lospedale è in attesa di una nuova destinazione comunque sanitaria: ma non diventerà mai un albergo.

Tutti materiali ottimi per le (amare) riflessioni di questi giorni intorno al gioiello di Terrae Motus lasciato da Lucio Amelio nel 1993 alla Reggia di Caserta, un bene che Vincenzo Trione su queste pagine ha giustamente definito la più ampia e importante collezione darte contemporanea a tema del secondo Novecento, rapidamente allestita da Mauro Felicori, direttore della Reggia, sempre come scrive Trione, negli inadeguati appartamenti occupati fino a poco prima dallareonautica e dalla scuola della pubblica amministrazione. Il risultato drammatico, lo sanno bene i nostri lettori, è il trafugamento di parti dellinstallazione Ex voto di Christian Boltanski.

Ma era questa la volontà di Amelio? Aveva concepito così il suo lascito? Avrebbe accettato tale collocazione, priva di qualsiasi controllo a distanza con le telecamere? E avrebbe dato via libera a quella che Felicori ha sempre definito non un allestimento stabile ma un cantiere-progetto? Domande legittime che non sono figlie dellamor di polemica per la polemica ma dalla preoccupazione che un bene così significativo e importante non solo per la storia dellarte contemporanea del Sud ma anche come documento di una grande tragedia, il Terremoto del 1980, possa subire altri oltraggi e svilirsi.

Anna Amelio, sorella di Lucio, chiede urgenti chiarimenti e garanzie. E forse pensa al cardinale Salviati, che ha vinto più di quattrocento anni dopo sui piani sanitari della Regione Lazio.



news

24-04-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 aprile 2019

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

Archivio news