LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lonato. Cubo alla Rocca, il rischio imitazione
Costanzo Gatta
Corriere della Sera - Brescia 12/6/2018

A Lonato non si placa la polemica sulla costruzione: «Ben fatta, ma non ci voleva»
Voluto dalla Fondazione Ugo da Como a Lonato è stato realizzato con cura, ma la polemica resta

In tre mesi e mezzo, nonostante le polemiche iniziali non si siano ancora placate, il cubo trasparente alla Rocca di Lonato ha preso forma. La struttura è meno invasiva di quanto si potesse immaginare, sono state rispettate tutte le indicazioni della Soprintendenza, la copertura è stata rivestita di verde per essere meno impattante. Le cose, in sostanza, sono state realizzate al meglio, ma il rischio è che si crei un precedente.... pericoloso.

È una realtà. Sul prato della rocca di Lonato è spuntato il padiglione voluto dalla Fondazione Ugo da Como e che sarà utilizzato anche dal Comune. Ospiterà ricevimenti, dibattiti. Mentre un valanga di proteste riempiva carte bollate e carte di giornali è cresciuto.

Proviamo a vedere il «cubo della discordia», che poi cubo non è. Ha piuttosto la forma di un parallelepipedo di 26 metri per 13 e occupa 536 metri quadrati. Cerchiamo di osservarlo dimenticando per un attimo il contesto storico-paesaggistico o la «profanazione della rocca» lamentata. Ed in questo esercizio di protesta molti si sono pronunciati. A pieno titolo le associazioni di tutela come l’Istituto Italiano dei Castelli e Italia Nostra. Per ragioni prevalentemente di opposizione politica altri. Lancia in resta si è mosso infine qualche addetto ai lavori che forse avrebbe fatto meglio a tacere perché – lo ricorda il vangelo di Giovanni – chi è senza peccato scagli la prima pietra.

L’opera è costata non poco. «Un milione e 300 mila, spero qualcosa di meno» - precisa Sergio Onger presidente della Fondazione Ugo da Como. «A far lievitare i costi sono stati i numerosi ritocchi apportati in corso d’opera, seguendo i giusti suggerimenti della Soprintendenza» – aggiunge l’architetto Nicole Bonini. La signora, con i colleghi Nick Bellora e Francesco Carli, fa parte dello studio «Top Tag» di Milano che nel 2016 ha elaborato il progetto commissionato dalla Fondazione.

L’accorgimento più interessante riguarda la fascia di un metro che sormonta l’intero padiglione. Nella sua superficie riflettente si specchiano le murature, i merli guelfi della cinta e la cupola del duomo e la Torre del popolo.

Tenendo poi conto delle pareti di vetro alte tre metri e mezzo, l’impatto del grande volume non è certo devastante come si pensava. Un edificio quindi in tutto e per tutto trasparente, soprattutto se non dovrà essere oscurato per proteggere gli ospiti dal sole. Migliore quindi del tendone utilizzato per tre lustri. Quello veramente era simile ad una gigantesca scatola da scarpe poggiata sul prato. A detta dei progettisti il corretto impatto ambientale e la tutela degli strati archeologici sono stati garantiti. La soprintendenza s’è accertata che i 40 paletti ficcati nel terreno per sostenere la struttura non toccassero nulla di storicamente interessante. Una soluzione particolare riguarda il tetto. Per non disturbare la vista dai punti più alti della rocca è stata creata una copertura verde seminata con talee di sedum, piante non scelte a caso, ma presenti nei prati della rocca. Crescono senza bisogno di cure particolari. Ora si attende l’inaugurazione. «A settembre, con ogni probabilità» ipotizza il presidente Sergio Onger. Morale: che si sia fatto tutto al meglio è incontestabile. Vero anche che nella rocca non avrebbe dovuto sorgere nulla. L’augurio è che non diventi un precedente. Sarebbe pericoloso.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news