LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Lo strappo al Museo del Cinema
Ilaria Dotta
Corriere della Sera - Torino 31/5/2018

La presidente Laura Milani lascia per i contrasti con il cda sulla nomina del direttore generale

Alla fine Laura Milani è riuscita a stupire tutti. Lascio la presidenza del Museo nazionale del Cinema per tornare a dedicarmi ai miei sogni, ha detto in chiusura della cerimonia per i 40 anni dello Iaad - The Italian University for Design, ospitata ieri mattina nella Centrale della Nuvola Lavazza. Non che la sua partenza non fosse nellaria, ma nessuno sembrava aspettarsi che potesse avvenire in tempi così rapidi. Non mi è stato possibile aspettare ancora ha spiegato . Per me è stata unesperienza significativa, da cui ho avuto modo di imparare molto.

Alla fine Laura Milani è riuscita a stupire tutti. Lascio la presidenza del Museo nazionale del Cinema per tornare a dedicarmi ai miei sogni, ha detto in chiusura della cerimonia per i 40 anni dello Iaad - The Italian University for Design, ospitata ieri mattina nella Centrale della Nuvola Lavazza. Non che la sua partenza non fosse nellaria, ma nessuno sembrava aspettarsi che potesse avvenire in tempi così rapidi. Soprattutto, con la nomina del nuovo direttore ormai (si spera) alle porte. Il bando è scaduto infatti il 31 marzo e il nome del successore di Alberto Barbera, che se nè andato un anno e mezzo fa, era atteso entro due mesi. Ovvero, proprio per questi giorni di fine maggio. Arriverà quasi certamente entro lestate, ha assicurato Milani a chi le chiedeva per quali ragioni abbia deciso di uscire di scena poco prima della nomina, lasciando così il Museo senza vertici. Non mi è stato possibile aspettare ancora ha spiegato . Per me è stata unesperienza significativa, da cui ho avuto modo di imparare molto. E a cui ho dato molto. Ho accettato questo incarico, pro bono, mettendomi al servizio del nostro territorio e rispondendo a una richiesta urgente e precisa. Ha comportato grandi sacrifici, ora voglio tornare a dedicarmi a tempo pieno ai miei studenti, alla direzione e presidenza di Iaad e della Scuola Possibile.

La richiesta, quando Sergio Chiamparino un anno fa la chiamò a sostituire Paolo Damilano, era innanzitutto quella di rimettere a posto la difficile situazione finanziaria della Mole, finita anche sotto la lente della procura. Un obiettivo che è già stato raggiunto ha sottolineato Milani ho preso in mano il Museo con i conti in rosso di 181 mila euro, lo restituisco oggi con un attivo di 545 mila. E con un piano strategico fino al 2020, già presentato ai soci fondatori nello scorso autunno, che il nuovo direttore potrà proseguire, approfondire e realizzare.

In Regione la voce sullimminente addio circolava da alcuni giorni senza aver suscitato troppi dispiaceri, ma la lettera di dimissioni è arrivata sulla scrivania del presidente Sergio Chiamparino solo ieri mattina, poche ore prima dellannuncio di fronte allaffollata platea dello Iaad. Ma non sono state dimissioni a sorpresa ha precisato Milani , ne avevo parlato con lassessora Antonella Parigi.

Da piazza Castello minimizzano parlando di un percorso concordato per garantire che la nomina del nuovo direttore possa essere fatta da un nuovo presidente. Ma qualche ben informato assicura che la notizia è arrivata in realtà come un fulmine a ciel sereno.

Ora il problema è individuare un nome condiviso. E riuscire a farlo, come dicono sia Parigi sia la collega in Comune Francesca Leon, il più in fretta possibile. Dopo le dimissioni di Ugo Nespolo erano trascorsi tre mesi prima dellinsediamento del successore, ma in questo caso a pesare è lassenza di un direttore, dopo che anche la pro tempore Donata Pesenti ha dovuto lasciare lincarico per motivi personali.

La nomina spetta alla Regione, che deve scegliere il proprio rappresentante nel comitato di gestione. Per consuetudine, sarà lui il nuovo presidente del Museo. Ma ci sono diversi fattori da tenere in considerazione nella scelta: innanzitutto, finora il presidente veniva designato dalla Regione e il direttore dal Comune. Ma per trovare il sostituto di Barbera ci si è affidati a un bando ed è probabile che la sindaca Chiara Appendino (dopo aver bloccato la designazione di Alessandro Bianchi, perché considerato troppo vicino al Pd) pretenda di avere quindi voce in capitolo almeno nella scelta del successore di Milani.

Non solo: in Regione presto si andrà a elezioni e per garantire continuità al Museo in molti pensano che sarebbe auspicabile trovare un presidente che accontenti non solo Chiamparino e lassessora Antonella Parigi, ma anche chi potrà venire dopo di loro.

E naturalmente, il nome del successore di Laura Milani dovrà piacere pure alle fondazioni bancarie, i cui rappresentanti siedono in quel comitato di gestione con cui i rapporti erano da tempo diventati piuttosto tesi. Basti pensare lascia intuire un consigliere commentando laccaduto che abbiamo saputo delle sue dimissioni solo attraverso i media.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news