LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli Uffizi colpiti al cuore: quella conta fra i detriti
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 27/5/2018

I quadri, le sculture e i danni alledificio nel primo bilancio. E Roma sbloccò subito 30 miliardi

Mezza città era al buio e così tra le macerie della strage di via dei Georgofili si procedeva con lausilio di torce. Venticinque anni dopo, listantanea della notte del 27 maggio 93 emerge da queste e altre parole dellarchitetto Antonio Godoli che, ancora a caldo, su la Nuova Antologia del trimestre luglio-settembre 93, faceva il primo bilancio puntale delle vittime della bomba mafiosa. Lui, che quella notte cera, elenca prima i caduti con nomi, volti, e e progetti di vita, e poi quegli altri, le opere darte custodite agli Uffizi, quindi le mura, le finestre, le volte della galleria.

Con onestà e senza enfasi se è vero che si legge: è stato ormai definito quel doveroso consuntivo degli effetti dellattentato, doveroso anche per ridimensionare certe valutazioni tratte dalla drammatica impressione delle prime ore: devastati gli Uffizi, unala degli Uffizi pressoché distrutta, danni inestimabili per larte titolavano in prima pagina alcuni quotidiani nazionali. Ecco cosa videro Godoli, Anna Maria Petrioli Tofani, allora direttrice degli Uffizi, Antonio Paolucci che era soprintendente, e quanti accorsero nellimmediato: il primo impatto è con il grande vuoto nella torre dei Pulci. Il vuoto, si seppe poco dopo, corrispondeva allabitazione dei custodi dellAccademia dei Georgofili: qui morirono tutti i componenti della famiglia Nencioni (Fabrizio, Angela, Nadia e Caterina). Se della loro morte si sa già di notte è con le prime luci dellalba che si ritrova il corpo della quinta vittima, Dario Capolicchio, 22 anni, studente di architettura che non sfugge alla furia dellincendio. Contati i morti cè da stimare i danni materiali.

Nellala di levante londa durto dello scoppio non ha causato danni terribili. Certo sul pavimento della Sala dei Primitivi e di Giotto sono arrivati molti frammenti di vetro, lo stesso dicasi per la Sala del Lippi e per la Tribuna, ma i quadri sono salvi. È arrivando a ponente che laria si fa più acre per il fumo ed è qui che i danni sono palpabili: finestre e lucernari sono distrutti, molte porte scardinate. Si sono salvati il Tondo Doni di Michelangelo e La Madonna col collo lungo del Parmigianino, ma nella parte superiore della Morte di Adone di Sebastiano del Piombo cè uno squarcio. È colpito nelle sue strutture architettoniche anche il Corridoio del Cinquecento. Ma è scendendo per lo scalone che collega lala di ponente al Corridoio Vasariano che i danni si rivelano ingentissimi. Gli stipiti della porta di accesso alla scalinata, cadendo, hanno rotto gli arti del Discobolo , copia romana di Mirone. Giù le opere più colpite risulteranno LAdorazione dei Pastori di Gherardo delle Notti, e, a dieci metri dal luogo dellesplosione, I Giocatori di carte e il Concerto di Bartolomeo Manfredi, ridotti i mille pezzi. Tra le opere variamente danneggiate ci sono anche: la Giuditta di Artemisia Gentileschi, tre tele di Rubens, quella con Enrico IV alla battaglia di Ivry, Lingresso trionfale di Enrico IV a Parigi e il ritratto equestre di Filippo IV di Spagna.

Qualche preoccupazione statica scrive Godoli presenta langolata esterna del Corridoio allaltezza dellinnesto con larco sul Lungarno Annamaria de Medici e danni al tetto sono evidenti nel Corridoio verso Lungarno Archibusieri. Non basta: è colpita anche la sala di Niobe dove una delle statue ha le gambe spezzate. Risulteranno danneggiati anche gli uffici della Soprintendenza su via Lambertesca e la copertura ottocentesca in ferro e vetro della Sala delle Reali Poste. Il giorno dopo, allora è ministro Alberto Ronchey, viene approvato un decreto urgente per stornare 30 miliardi sul restauro degli Uffizi. Si parla del progetto dei Nuovi Uffizi. Ma quel progetto, 25 anni dopo, non è stato ultimato.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news