LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Il fantasma delle mura greche a San Domenico
Marco Molino
Corriere del Mezzogiorno - Campania 23/5/2018

A 75 anni dal progetto dellarcheologo Maiuri si torna a parlare di una copertura in vetro

NAPOLI. Un poderoso arco di tufo giallo poggiato su solidi blocchi squadrati. Forse così larcheologo Amedeo Maiuri cominciò a figurarsi la leggendaria Porta Cumana, che dal cuore della Neapolis greca immetteva sulla via per colles diretta allarea flegrea.

Oggi limponente varco che si apriva nellantica cinta muraria rimane unombra, una somma dipotesi formulate nello spazio luminoso di piazza San Domenico Maggiore, tra i tavolini dei bar e i fregi del seicentesco obelisco. Eppure quel fantasma delle origini aveva lasciato una testimonianza tangibile che ancora vibra sotto i piedi degli inconsapevoli turisti impegnati in un selfie. Proprio qui i ruderi di quel mitico ingresso cittadino erano stati riscoperti durante la Seconda guerra mondiale. Ma fu giusto un attimo di luce, il tempo di rinfocolare le fantasie dellautorevole studioso per poi tornare nelle oscure viscere dei decumani, dove riposano dimenticate. Gli elementi architettonici eretti cinquecento anni prima di Cristo continuarono a far parte della convulsa vita del quartiere almeno fino al XVII secolo. Carlo Celano vide con i suoi occhi i resti dellantica porta cumana o puteolana nel 1692, durante gli infiniti lavori della grande guglia realizzata dallOrdine dei domenicani come ex voto per scampare al flagello della peste. Pare che Francesco Picchiatti, allepoca direttore dei lavori, avesse diligentemente disegnato i resti greci, prima di interrarli. Ma i suoi schizzi furono smarriti. E con essi si annacquò la memoria della struttura che riemerse, soltanto per caso, nel corso degli interventi per una condotta idrica allinizio del 1943, nel pieno del secondo conflitto mondiale. Avvertito del ritrovamento, il Soprintendente Maiuri si precipitò a verificare.

Poco sotto il livello della piazza, ai piedi dellobelisco, cerano grossi blocchi intagliati che dividevano ambienti regolari. La manifattura di tipo greco era inconfondibile. Fortificazioni, forse parte della struttura che cingeva la famosa porta cittadina. Il più importante monumento storico che vanti ora Napoli, scrisse convinto Maiuri in una delle missive indirizzate al Podestà cittadino Giovanni Orgera. Nella accorata comunicazione rinvenuta dalla ricercatrice Maria Oreto nellArchivio della Soprintendenza per i Beni Archeologici lo studioso sollecitò lavvio di una esplorazione adeguata allimportanza del monumento. Invocazione giusta al momento sbagliato. Per capirlo, entriamo un attimo nelle stanze dellavocato Podestà Orgera, eroe della Prima guerra mondiale e dAbissinia, fascista della prima ora. Lennesima lettera dellarcheologo gli arriva sulla scrivania il 23 luglio del 1943. Chiede il completamento dei lavori di scavo e propone una copertura in cemento e vetro per assicurare al pubblico godimento queste venerande memorie cittadine. Ma il gerarca ha altro per la testa. Il conflitto volge al peggio, tanto che appena due giorni dopo il Duce verrà destituito dal Gran Consiglio e fatto subito arrestare dal Re.

Tira una cattiva aria, con le bombe e gli alleati alle porte, e questo professore parla degli antichi ruderi. Orgera piuttosto pensa a come sloggiare indenne dalla città che di lì a due mesi verrà lacerata dalla rivolta delle Quattro Giornate.

E nel frastuono della guerra, ovviamente le mura rimasero mute: non avevano più nulla da raccontare. Neanche si pensò a fotografarle prima che terra e mondezza tornassero a ricoprirle. Solo nel 1954, in una città ritornata alla civile convivenza, il sindaco Achille Lauro disseppellì lidea (solo quella) di un possibile recupero, ma alla tragedia del conflitto si era nel frattempo già sostituita una paralizzante macchina burocratica che fece naufragare il progetto, nonostante le incoraggianti osservazioni del professor Roberto Pane che aveva descritto, ricorda lo storico Gianpasquale Greco, i blocchi quadrangolari, connessi senza calce che limitavano piccoli ambienti e il principio di una scala di piccoli gradini e di un vano di porta ad arco.

Neppure gli interessanti ritrovamenti dei primi anni 80 sotto il vicino Palazzo Corigliano - un tratto di strada e un collettore fognario di epoca greca e pozzi di scarico romani, attualmente visibili nella Aula delle Antichità dellUniversità Orientale sono bastati a sollecitare una ripresa degli scavi in prossimità dellobelisco. Eppure proprio lallestimento allinterno dellateneo, con i percorsi illustrativi curati dallarcheologa Anna Maria DOnofrio, suggeriscono la via per una possibile valorizzazione del sito oggi nascosto sotto il selciato di piazza San Domenico. Magari rendendo di nuovo visibili le mura con una copertura in vetro che pure al Maiuri non dispiacerebbe.




news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news