LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia. Il ricettatore pianse
. Poi tagliò il Caravaggio
per poterlo vendere
Francesco Grignetti
La Stampa, 19/05/2018

Il capomafia aveva nascosto il grande quadro in una sua proprietà a Cinisi, vicino Palermo. Non centrava con il furto, ma siccome aveva scoperto quanto valeva, aveva preteso che gli fosse consegnato. E poi ci pensò lui a venderlo attraverso un ricettatore svizzero, uno che lo aveva già servito bene in altre occasioni. Il quadro era un famoso Caravaggio. Il capomafia, Gaetano Badalamenti, era il boss che decise la morte di Peppino Impastato. Lintermediario, un uomo già anziano, ricchissimo, grande conoscitore di arte. Si incontrarono a Cinisi e lì, davanti alla grande tela del Seicento, il ricettatore si commosse. Quasi un sussulto morale. O forse il brivido di avere messo le mani sulla preda più magnifica. Una scena degna di Caravaggio, con un malfattore che sembra toccato dal rimorso e il boia che ride di lui.
Il racconto del pentito
Cè un pentito di mafia, Gaetano Drago, che era un latitante al servizio del boss Stefano Bontade e aveva avuto lincarico di sovrintendere sui criminali di Palermo, che ha finalmente parlato. Ebbene, qualche giorno dopo il furto, Badalamenti lo mise in pista. Sentendo le persone giuste, Drago recuperò il Caravaggio. Badalamenti poi lo nascose in una sua proprietà e chiamò lintermediario dalla Svizzera. Questo vecchio - di cui non so precisare il nome ma che era molto anziano, sui settantanni e più - gli dice: Lo compro io, però sappiate che non si può vendere perché è di un valore inestimabile. Gaetano Badalamenti dice: E che te ne fai ? Lo divido. Ma come lo dividi ? Lo taglio. Dipende da quanti acquirenti trovo. Poi ho saputo, sempre tramite Gaetano Badalamenti, che questo quadro è stato tagliato in quattro parti e venduto. 
Il quadro, ancora intero, i mafiosi lo portarono a Lugano nascosto nel doppio fondo di un camion frigorifero. Gaetano Badalamenti mi dice poi che in Svizzera questo quadro è stato diviso, è stato venduto... Loro lì hanno dei collezionisti, persone che hanno dei musei privati e che se lo sono divisi in quattro, in pratica, per la megalomania di dire - e Gaetano Badalamenti non si capacitava - io ho un pezzo del Caravaggio. 
Lincontro finisce tra le lacrime dellesperto darte. Perché poi Gaetano Badalamenti mi ha fatto ridere. Dice: Stu scimunito... - detto in siciliano - guardava il Caravaggio... Mi ha chiesto il permesso di restare un po di più a guardarlo. Gli abbiamo dato una sedia. Gli sono spuntate le lacrime. Era appassionato proprio.
Il depistaggio
I carabinieri del Nucleo Tutela patrimonio artistico lo cercano da allora. Da cinquanta anni. E cera la convinzione che fosse una ricerca vana, perché un altro famoso pentito di mafia, Marino Mannoia, uno che diede un impulso decisivo alle indagini di Giovanni Falcone, aveva raccontato di averlo bruciato. Già, perché Mannoia era uno dei ladruncoli del 1969. Ma era falso. Mannoia aveva raccontato una bufala e ora, dopo avere depistato le indagini per trentanni, lo ha ammesso. Perché? Risposta del pentito: Ero stressato dalle situazioni... Avevano ammazzato i miei familiari... Con Falcone notte e giorno... Non si stancava mai Falcone ! Si è presentato un colonnello... E gli ho detto: Lho bruciato io personalmente. Per non essere più disturbato.
Cinquanta anni di ricerche
La vera storia del Caravaggio rubato, del ruolo di Badalamenti, e di come il mercante svizzero lo sezionò, è un dono della commissione Antimafia, presidenza Rosy Bindi. Sono i consulenti della commissione che hanno sentito tanti pentiti finché non hanno trovato quello giusto. Nel frattempo i carabinieri hanno sottoposto a Grado una serie di foto segnaletiche, e quello avrebbe riconosciuto il famoso intermediario svizzero, che nel frattempo è morto, ma magari si riuscirà a ricostruire chi erano i suoi clienti. Chissà.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news