LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Sgravi sui costi per chi ristruttura vecchi edifici Montanari: così ridurremo il consumo di suolo di Stefano Ambrosini Guccione I costruttori che decidono di ristrutturare e riutilizzare gli edifici esistenti, anziché costruirne nuovi
Gabriele Guccione
Corriere della Sera - Torino 13/5/2018

Montanari: così ridurremo il consumo di suolo

I costruttori che decidono di ristrutturare e riutilizzare gli edifici esistenti, anziché costruirne nuovi fabbricati su terreni liberi, beneficeranno di uno sconto sui costi e gli oneri di urbanizzazione dovuti per legge al Comune. In nome del consumo di suolo zero, Palazzo Civico si prepara a cambiare le regole sugli oneri di urbanizzazione: Introdurremo un sistema annuncia il vicesindaco Guido Montanari che premia chi riutilizza il patrimonio edilizio esistente.

Tutto è ispirato alla parola dordine: Zero consumo di suolo. Ma risponde anche a una priorità, avvertita più a Torino che altrove: recuperare lesistente, e dunque evitare che vecchie abitazioni oppure edifici non più al passo coi tempi restino vuoti, sottoutilizzati o vadano in rovina, perché troppo datati e bisognosi di essere adeguati alle nuove esigenze di chi cerca una casa in città. È per questo che Palazzo Civico cambierà le regole, introducendo una novità destinata a incidere sul mondo delledilizia torinese. I costruttori che decideranno di ristrutturare e riutilizzare gli edifici esistenti, anziché costruirne di nuovi su terreni liberi, beneficeranno di uno sconto sui costi di costruzione e gli oneri di urbanizzazione dovuti per legge al Comune.

Il consumo di suolo libero degli ultimi anni è stato frutto di norme sbagliate, afferma il vicesindaco Guido Montanari. Per questo, anticipa, stiamo lavorando per introdurre un sistema che premi chi decide di riutilizzare il patrimonio edilizio esistente, anziché costruire nuovi edifici. La novità è stata annunciata ieri dal titolare delle deleghe allUrbanistica e rientra nel lungo e complesso processo avviato dallamministrazione Appendino, che entro fine anno dovrebbe portare a una proposta di revisione del piano regolatore. Ma gli incentivi destinati a chi sceglie il consumo di suolo zero arriveranno prima. La rimodulazione del sistema di calcolo degli oneri di urbanizzazione verrà anticipata con una riforma del regolamento comunale, a cui stanno lavorando gli uffici dellassessorato. E che potrebbe vedere la luce prima dellestate.

In concreto il coefficiente usato per determinare le tasse che un costruttore deve pagare al Comune nel caso di una ristrutturazione scenderà dallo 0,8 a 0,5 per cento, mentre il costo di riferimento per chi realizza nuove costruzioni resterà invariato: 50,93 euro al metro quadrato nel caso degli edifici residenziali. Ma cambierà e questa è unaltra novità in base alle zone: attualmente, infatti, il prezzo è uguale in tutta la città, sia che si costruisca in centro, sia che si mettano in moto le betoniere alle Vallette. In futuro non sarà più così. E questo sarà uno strumento nelle mani del Comune per indirizzare la crescita della città, in aggiunta al nuovo piano regolatore che, tra le altre cose, manterrà un pacchetto di aree destinate alla manifattura, anche se non utilizzate preannuncia Montanari , in vista dei progetti sullindustria 4.0.

Il recupero degli edifici esistenti rappresenta un problema per Torino: dal 1991 a oggi sono state costruite oltre 25 mila nuove abitazioni, ma al contempo la città ha continuato a perdere abitanti. E così, mentre una moltitudine di torinesi ha scelto di trasferirsi in alloggi più confortevoli e moderni, decine di migliaia di abitazioni si stima siano almeno 50 mila sono rimaste vuote o inutilizzate. E se adeguare un edificio storico richiede una certa cura, ma è possibile ottenendo buoni risultati anche sul piano dellefficienza energetica fa notare il vicesindaco ; ristrutturare i fabbricati costruiti a cavallo degli anni 60 è difficile e richiede spesso interventi radicali di sostituzione edilizia.

Interventi che a Torino riguarderebbero gran parte del patrimonio edilizio, visto che lespansione della città risale proprio agli anni del boom e tra il 1961 e il 1970 furono edificate 120 mila abitazioni, mentre altre 110 mila risalgono al decennio precedente; tutto questo su un totale di circa 450 mila alloggi.

Per facilitare ladeguamento degli edifici esistenti, poi, Palazzo Civico renderà più convenienti anche i piccoli ampliamenti: la tariffa ridotta di 20,89 euro, prevista oggi per chi non supera i 34 metri, verrà estesa fino ai 100 metri quadrati.




news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news