LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Palazzo Positano torna a splendere con gli affreschi teatrali di Del Po
Giovanna Mozzillo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 12/5/2018

Su Napoli si è detto tanto e i pareri son più che mai discordanti. Ma una cosa è certa: questa nostra città rappresenta una miniera ancora in parte inesplorata. Tantè vero che alla mia età io pensavo di conoscerla da capo a fondo, e invece, quando mai!, scopro che ci son tesori di cui non sospettavo lesistenza. Come gli affreschi di Giacomo del Po da cui è impreziosito palazzo Positano.

Affreschi che credo fossero ignoti non solo a me, ma a quasi tutti i napoletani. Perché a lungo il palazzo è stato abbandonato a un micidiale degrado. Finché il miracolo è avvenuto: il nuovo (benemerito) proprietario, Pierluigi Ciapparelli, vi ha avviato degli oculati lavori di restauro e lha riportato alla vita. Per cui nel corso della visita (organizzata da Guido Donatone per Italia Nostra) allemozione causata da dipinti così belli si è aggiunto lorgoglio di esser tra i primi a poterli ammirare. Belli perché? Beh, non sono una storica dellarte, quindi mi limito a dire che quelli del salone ovale rinfrancano occhi e cuore con scenari onirici nel cui ambito corpi beatamente affrancati dalla legge di gravità e ammantati in drappi gonfi di vento si librano nella vastità del cielo, offrendosi alla luce che, investendoli, li vitalizza e sublima.

E pure negli altri due ambienti affrescati, la cosiddetta alcova e il salotto con vista su palazzo Maddaloni, le decorazioni offrono uno spettacolo talmente accattivante che è impossibile non starsene a contemplarle a testa in su. Non a caso ho usato il termine spettacolo, perché, se è vero che spesso pittura e teatralità son andate a braccetto, a Palazzo Positano la dimensione teatrale è così incisivamente percepibile che chi vi entra si sente non visitatore, ma spettatore. A parte che Giacomo del Po nel mondo del teatro si trovava in famiglia, perché il fratellastro Andrea era impresario del famoso San Bartolomeo (per le cui messe in scena egli elaborò varie scenografie).

A riferircelo è il padrone di casa il quale narra anche che, se a inizio 700 il duca Positano proprio qui volle la sua dimora (singolare per come si incunea tra via Pasquale Scura e via Forno Vecchio), fu perché, a partire da centocinquanta anni prima, questa zona, vicina alla Porta Reale (oggi scomparsa) e al Largo del Mercatello, risultava assai appetibile allaristocrazia (fra gli altri vi sorsero il già citato palazzo Maddaloni e palazzo Doria dAngri). Ma torno sul tema della teatralità, in quanto (e non cè da stupirsene, dato che per secoli le chiese cattoliche son state magisteri di scenografia) nel suo segno si caratterizza anche San Nicola alla Carità (sede della prima sosta prevista dal nostro programma): infatti, a mostrare la genialità della regia che ne ha ideato la creazione, basta il modo in cui il rosone irradiato dalla luce esterna si incastona sulla tela del De Matteis che sovrasta laltar maggiore. Ma la visita è stata interessante soprattutto perché Renato Ruotolo, che ci ha fatto da cicerone, ha delineato un vivacissimo ritratto del Solimena, di cui nella chiesa son presenti alcune tele. In pratica Solimena, dopo essersi svincolato dallinfluenza del Lanfranco e di Mattia Preti, riuscì a imbroccare uno stile personale così rispondente ai gusti del tempo che i suoi quadri vennero magnificati e acquistati in tutta Europa, la sua bottega divenne unazienda in cui agiva una folla di lavoranti e, in conseguenza, i soldi arrivarono a palate. E allora volle un palazzo a San Potito sul cui portone il suo nome spiccava a caratteri cubitali e, ritrovandosi conteso e coccolato da tutta laristocrazia, e ospite ambito pure ai convegni letterari, perché, beato lui, era bravo anche a verseggiare, a un certo punto cosa si inventò? Di discendere dai baroni Solimene di Altavilla Silentina.

Insomma una mattinata ricca di emozioni e notizie intriganti e di cui dobbiamo dir grazie a Italia Nostra. E tuttavia, tornandomene, ho avvertito un sussulto di malinconia. Cioè, mi son chiesta: ma comè possibile che epoche in cui, indiscusse, trionfavano ingiustizia e ipocrisia, perché i potenti si genuflettevano in chiesa, ma poi, sicuri del loro buon diritto, sfruttavano a sangue i sottoposti, abbiano albergato una così sconfinata capacità di creare e apprezzare la bellezza, mentre in quella che noi viviamo la quale, malgrado i suoi orrori, è comunque molto più aperta al rispetto del prossimo, e quindi, ammettiamolo, più progredita, la bellezza sta uscendo di scena? Allora accadeva spesso che gli apprendisti, entrati ragazzi nella bottega di un maestro, in virtù di un processo che non è eccessivo definire magico, in breve si mettessero in grado non solo di raffigurare il reale (e il sogno che del reale fa parte), ma di renderne mistero e portento. E che i committenti, laici ed ecclesiastici, a gara si contendessero quei capolavori.

Oggi sgomentarsi è dobbligo: perché i vip esigono dimore fastose e originali, ma in cui quasi mai cè traccia di bellezza, gli ordini monastici costruiscono strutture a dir poco raccapriccianti, e le chiese moderne hanno sagome non solo sgraziate ma del tutto inadeguate a esprimere spiritualità. E, allora, attenzione! La situazione non è da sottovalutare. Perché la bellezza è una cosa seria, offenderla è un sacrilegio, e un mondo in cui essa sia scomparsa (quello a cui temo ci stiamo avviando) non sarà più a misura duomo.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news