LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli arazzi dei Medici tornano a Firenze
di ILARIA CIUTI
17 aprile 2018 LA REPUBBLICA

A Palazzo Vecchio. Compresi i dieci che erano al Quirinale. La soddisfazione di Nardella


Gli arazzi della Sala dei Duecento di Palazzo Vecchio tornano a casa. Si tratta dei 20 arazzi di Cosimo I de Medici che raccontano le Storie di Giuseppe, realizzati i tra il 1546 e il 1553 dallarazzeria ducale Medicea su disegni di Bronzino, Pontormo e Francesco Salviati e tagliati esattamente sulla sagoma della Sala. Per secoli restarono a Firenze, finché si divisero quando, dopo lUnità dItalia, entrarono a far parte della dotazione della Corona e nel 1882 dieci venenro trasferiti a Roma come arredo delle sale di rappresentanza del Quirinale. Adesso tornano a riunirsi tutti e venti a Firenze, dove saranno esposti a rotazione di quattro per volta, (per preservare arazzi di questo valore si evitano esposizioni troppo lunghe che li danneggerebbero) nella sala dei Duecento, la loro sede originale. La buona notizia arriva da un accordo per i prossimi tre anni, ma rinnovabile tra le parti, firmato ieri al Quirinale dal segretariato generale della presidenza della Repubblica Ugo Zampetti, dal sindaco Dario Nardella e dal segretario generale del Ministero dei beni culturali, Carla Di Francesco.

I dieci arazzi fiorentini sono di proprietà delle Gallerie degli Uffizi in deposito al Comune, gli altri dieci provengono dal dotazione presidenziale. Il sindaco Nardella ringrazia il presidente Mattarella per un accordo che è una conquista non solo per Firenze, ma per la cultura italiana in generale. Dopo quasi due anni di battaglia si possono finalmente riaggregare i 20 arazzi della collezione medicea di Cosimo I. Il sindaco annuncia l esposizione dei primi quattro arazzi nella Sala dei Duecento entro lestate, oltre a eventuali mostre del ciclo a Firenze, al Quirinale o altrove, come previsto dallaccordo. Nel periodo di esposizione degli arazzi la Sala dei Duecento entrerà a far parte del percorso museale di Palazzo Vecchio.

I dieci arazzi conservati a Firenze provengono da un complesso intervento di restauro realizzato dal 1983 al 2012 dellOpificio delle pietre dure. Analogo lavoro, coordinato dallOpificio, è stato fatto tra il 1995 e il 2012 dal Laboratorio restauro arazzi del Quirinale sui dieci arazzi conservati a Roma. Insieme,
i venti capolavori rappresentano una delle più alte testimonianze dellartigianato e dellarte rinascimentale. Sono stati riuniti per la prima volta dopo lo smembramento ottocentesco in occasione della mostra dal titolo Il Principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino, allestita nel Palazzo del Quirinale, al Palazzo Reale di Milano e a Palazzo Vecchio a Firenze, per un anno, nel febbraio 2015-2016.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news