LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non sa vendere lo Chagall rubato. Dopo trentanni lo porta alla polizia
Matteo Persivale
Corriere della Sera 14/4/2018

Otello e Desdemona era stato sottratto dalla casa di un gioielliere a New York

Ci sono i ladri dopere darte improvvisati che non riescono a rubare i quadri che vorrebbero, quelli che riescono a rubarli ma li danneggiano durante il furto (conservandoli male o semplicemente avvolgendoli nel verso sbagliato durante la fuga), e quelli che non riescono a rivendere la refurtiva. Il caso del furto di Otello e Desdemona (1911) di Marc Chagall, avvenuto trentanni fa e appena risolto, è un po un riassunto di (quasi) tutte le cose che un ladro dopere darte non dovrebbe fare, il dizionario dei luoghi comuni del ladro dilettante. Fortunatamente: visto che il quadro è salvo e verrà prossimamente messo allasta (i proprietari sono nel frattempo morti, e avevano comunque incassato i soldi dellassicurazione) con ricavato devoluto in parte in beneficenza e in parte alla compagnia assicurativa.

Scomparso nel 1988 dallappartamento newyorchese (nel quartiere dei ricchi di una volta, lUpper East Side) del gioielliere Ernest Heller e della moglie Rose, lo Chagall è rimasto fino allanno scorso nascosto in una soffitta del Maryland, poco lontano da Washington: il ladro per lFbi, che non ha diffuso il nome, lavorava nel palazzo dove vivevano gli Heller non era mai riuscito a venderlo e si era rassegnato a affidarlo a un conoscente (che aveva, secondo gli investigatori, conoscenze nel mondo del crimine organizzato). Vari tentativi di vendere il dipinto a galleristi si erano ovviamente scontrati con limpossibilità, da parte del ladro, di certificarne la provenienza.

Ecco così il quadro nascosto in una cassa di legno, in una soffitta del Maryland, perché neanche il conoscente del ladro era riuscito a piazzarlo (e, anzi, diffidava del ladro: temeva che non gli pagasse la commissione pattuita in caso di vendita). In questo quadro vagamente da Soliti ignoti alla fine il ricettatore sfortunato si è rassegnato a consegnare il dipinto di Chagall al Fbi (i federali indagano anche, nel vasto portfolio di crimini loro affidati, sui grandi furti darte). Il ladro? I trentanni passati dal giorno del furto gli garantiscono la prescrizione almeno per quel reato, così Otello e Desdemona finirà allasta: a beneficio della MacDowell Colony un centro non profit per artisti nel verde del New Hampshire la Columbia University e il Nyu Medical Center.

Quanto vale Otello e Desdemona? Chagall può raggiungere quotazioni molto alte il record è di 23 milioni di euro per Les Amoureux, del 1928 ma secondo Artnet il quadro ritrovato difficilmente verrà battuto per una cifra superiore ai 450mila euro. Non è unopera importante, tra quelle del pittore, e secondo il consulente Todd Levin dalle immagini sorge il sospetto che il quadro sia rimasto danneggiato durante il furto e la sua lunga permanenza in soffitta.

Al Fbi, invece, si sono comprensibilmente detti felici per il ritrovamento (già il semplice fatto che dopo l11 settembre 2001 riescano a trovare ancora budget e agenti per indagare sui furti dopere darte ha del miracoloso); e possono tornare a indagare sul più grande furto darte dAmerica, quello del Museo Gardner a Boston del 1990. Vermeer e Rembrandt scomparsi nel nulla, e davvero speranze inesistenti che si sia trattato di un ladro incapace come quello di Chagall.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news