LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Fuori il nome di chi ha autorizzato quella dismissione irresponsabile
VITTORIO EMILIANI
Repubblica-Roma, 13/04/2018

Franceschini e Zingaretti eviteranno grazie a Prosperetti una gaffe. Nel documento manca ogni motivazione scientifica o artistica

Il soprintendente Francesco Prosperetti lo sappiano sia il ministro Franceschini che il presidente della Regione Lazio Zingaretti ponendo di nuovo il vincolo di inalienabilità sul quattrocentesco Palazzo del cardinale Stefano Nardini, primo governatore di Roma con Sisto IV ha evitato ad entrambi una pessima figura, nazionale e internazionale.
Per me la vendita di Palazzo Nardini sarebbe equivalsa allalienazione di Palazzo Madama, ha dichiarato ieri mattina Prosperetti annunciando il vincolo immediatamente operante.
La tremontiana Invimit pur definendolo pomposamente restaurato (ed è vero solo in parte) lo aveva acquisito per appena 18 milioni di euro, mentre nel 2001 la Regione Lazio (Giunta Storace) lo aveva acquistato dalle Asl del Lazio per 37.520.000 euro e altri 5.000.000 vi aveva speso la Giunta Marrazzo (assessore alla Cultura Giulia Rodano) per rifare i tetti il cui sfondamento preludeva alla totale rovina del Palazzo, allinterno ancora sano.
Quei 18 milioni decantati da Invimit costituiscono appena il 45 % del valore determinato anni fa (senza contare la svalutazione delleuro) da acquisto+restauri. Questa sarebbe la valorizzazione targata Invimit a favore della Regione? E, come sostiene il suo presidente, Massimo Ferrarese, lo strumento efficace di riduzione del debito pubblico? Ne è tanto convinto da minacciare di interrompere queste valorizzazioni di beni culturali.
Una buona notizia. Meno male che i comitati di cittadini non hanno mollato e che Repubblica, soprattutto con Arianna Di Cori, illuminando questi retroscena, ha scongiurato il peggio.
Ferrarese scivola malamente allorché afferma di venire bloccato dalla stessa Soprintendenza Archeologica del Ministero che solo due anni fa, tramite il Segretariato Regionale, aveva autorizzato lalienazione e la valorizzazione del bene culturale (...) ora diventato misteriosamente un Monumento.
Punto primo: la Soprintendenza Archeologica non cè mai entrata nulla trattandosi di un Palazzo di fine 400 e non di un edificio romano, e questo il manager Ferrarese con lo stipendio che riceve dovrebbe saperlo.
Punto secondo: Palazzo Nardini era da decenni un monumento vincolato, tranne una piccola parte verso via della Fossa.
Al MiBact qualcuno e chi sia lo vorremmo tanto sapere anche noi ha concesso a fine 2015 la rimozione del vincolo sulla inalienabilità del Palazzo del Governatore (poi Pretura penale, quindi sempre immobile demaniale).
Non lo dice il documento firmato dallallora segretario generale Daniela Porro presidente della Commissione regionale per la tutela del patrimonio culturale del Lazio. In esso non cè uno straccio di motivazione tecnico-scientifica, storico-artistica. Come se trattasse di una casaccia qualunque.
Tutto ciò è inaccettabile per il Codice del Beni Culturali.
Dobbiamo sapere per quali ragioni, e da chi, è stato reso vendibile a privati un pezzo della storia architettonica e politica di Roma, poi svenduto per 18 milioni.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news