LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa. Che paura il Trionfo della Morte. Aspettando lo svelamento del restauro
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 6/4/2018

Aspettando lo svelamento del restauro, Antonio Paolucci racconta i segreti dellaffresco di Buffalmacco Lo sgomento dei giovanetti e dei cavalli davanti alle tre bare è la chiave per afferrare il senso dellopera

Dieci anni per dieci restauratori capitanati da Gianluigi Colalucci e Carlo Giantomassi e guidati da una commissione presieduta da Antonio Paolucci. È unimpresa quella che va a presentarsi domani a Pisa, quella del compiuto restauro di tutto il ciclo del Trionfo della Morte di Buonamico Buffalmacco. Lultimo tassello di questo intervento, unico al mondo per la sua complessità, era proprio quello che doveva recuperare la porzione del ciclo che dà il titolo a tutti gli affreschi commissionati dai domenicani allartista fiorentino a metà del Trecento e che comprendono anche una scena col Giudizio Universale e con lInferno e una con la Tebaide con lesaltazione, questultima, della vita degli anacoreti, una sorta di programma pedagogico per i visitatori del Camposanto di Pisa.

Ora che abbiamo concluso un lavoro iniziato nel 2008 grazie alla volontà del presidente dellOpera della Primaziale Piefrancesco Pacini dice Paolucci nel suo studio fiorentino dove i volumi, solo di storia dellarte, sono divisi per aree geografiche e poi ancora per generi e periodi abbiamo saldato il conto con una storia iniziata 74 anni fa e sanato lultima ferita della guerra. Era lestate del 44 quando, mentre i tedeschi entravano a Firenze, gli americani e gli inglesi bombardavano in modo sistematico. Il fronte di guerra arrivò a Pisa e uno spezzone incendiario di una granata alleata colpì il Camposanto di Pisa determinandone il crollo delle capriate e la fusione della lastre di piombo e in definitiva cuocendo gli affreschi di Buffalmacco. Allora ricorda lo stesso Paolucci: Il ciclo non era ancora stato attribuito al maestro fiorentino, piuttosto si parlava genericamente del maestro del Trionfo della Morte . La paternità definitiva sarebbe arrivata nel 1974 grazie a Leonardo Bellosi che su questo studio avrebbe pubblicato un libro che gli sarebbe valso il premio Viareggio. Il libro si intitola Buffalmacco e il Trionfo della morte , ed era edito da Einaudi. Il restauro è stato molto complesso ma Colalucci e Giantomassi sono i più bravi in questo campo aggiunge lex direttore dei musei Vaticani, ex soprintendente qui a Firenze, ex ministro dei Beni Culturali ma soprattutto lo studioso che in tanti ci invidiano domani sarà presentata lultima sua parte, poi il 17 giugno tutto sarà riposto nella collocazione originale. Non dite, per carità, che è stato restituito allantico splendore, però posso dirle che la pellicola pittorica di questultima parte degli affreschi era piuttosto ben conservata e ora, dopo un intervento di pulitura e piccole integrazioni, sarà possibile leggere la forza espressionista dellartista. Da ora in poi il complesso ciclo di affreschi sarà protetto in un modo mai sperimentato prima. È stato fissato su supporti dotati di sensori computerizzati che regolano la temperatura per evitare che condense di umidità lo danneggino. A conti fatti sono trascorsi circa 70 anni da quando Leonetto Tintori, il primo restauratore incaricato di prendersi cura del ciclo di affreschi, lo prese in cura. Fu lui che recuperò le sinopie e iniziò il lavoro del distacco degli affreschi.

Sfoglia il grosso volume dedicato allopera Antonio Paolucci (La Umana Commedia nel Trionfo della Morte di Buffalmacco nel Camposanto di Pisa di Maria Laura Testi Cristiani) e ci mostra alcune delle sue parti più intense. Guardi sul lato sinistro del Trionfo della Morte osserva ci sono dei giovani pronti ad andare a caccia, sorridono ignari di quanto li aspetta. Poco più avanti tre bare dove sono deposti tre cadaveri in stadi di decomposizione differenti. La vista di questa scena blocca questa allegra brigata. Anche uno dei cavalli volta la testa mentre uno dei giovani si accosta un fazzoletto al naso per non sentire il puzzo. È una scena di una naturalismo straordinario. In cui Buffalmacco si dimostra erede di Giotto e però va oltre la sua pittura conferendo una drammaticità notevole alla sua opera. Ed è unimmagine che fa da contraltare a quella che vede sul lato opposto dove un gruppo di dieci giovinette si trastulla in una scena cortese, un gruppo in cui una di loro viene rappresentata col suo cagnolino in braccio. Un salto indietro e ci mostra il terrore dei dannati nel Giudizio Universale e la distaccata compostezza che fa da modello di vita della Tebaide . Ricordiamoci che siamo in un Camposanto aggiunge lopera doveva fornire una riflessione apocalittica del Giudizio Universale, mostrare, con la rappresentazione della vita dei santi fatta di preghiera e penitenza, quale era la via per la salvezza e focalizzare lattenzione sulla morte che trionfa su tutti, papi, imperatori e gente comune. È un discorso completo perfettamente interpretato e che si trova in un contesto, ricorda ancora lo storico dellarte, che è unantologia della grande pittura toscana del Trecento e del Quattrocento con capolavori di Benozzo Gozzoli, Taddeo Gaddi, Antonio Veneziano, Andrea da Firenze, Piero di Puccio. Poi divaga sul Buffalmacco Boccaccesco e sulla bella Firenze trasformata in Disneyland del Rinascimento. Una deriva per la quale ha una ricetta che si riassume in due consigli. Il primo: fermare luso delle piazze storiche della città per esporre il contemporaneo perché: si tratta di un uso mediatico di contesti fragili, e muoversi verso il numero chiuso dei musei. Due milioni e 200 mila visitatori agli Uffizi sono troppi. Si rischia il collasso. Forse non siamo ancora pronti ma si arriverà a questa soluzione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news