LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GALLARATE (VARESE) Il paese in trincea Non toglieteci lo skyline di Milano
3 APRILE 2018 la repubblica




Laggiù, molto laggiù, cè Milano, e qualcuno assicura che nelle giornate di vento si vede la madonnina del Duomo, che brilla nel sole. E se non si vede la madonnina, si vedono i grattacieli. E insomma perché privarsi di questo panorama, avendolo?
Però ce lo vogliono togliere e proprio qui, nellunico punto della città da cui si vede Milano, costruiranno tre brutte ville, uno scempio.
Bisogna dire che il paesaggio intorno a Gallarate non è quello toscano o marchigiano, e che guardando in là si vedono bene lautostrada dei Laghi, e lospedale di Busto Arsizio, e pure il carcere, e anche le ciminiere di mattoni che ricordano il passato glorioso dei cento cotonifici, e persino il grosso residence di Paolo Berlusconi che ospitò molti del Milan tra cui Maldini e Inzaghi, quindi la città più smart dItalia è poco più di un miraggio, quasi sempre nascosta da una trapunta di foschia misto smog. Ma questo è il nostro panorama, e noi stiamo lottando per difenderlo, in una città e in un Paese che consuma allegramente il suolo, e se anche ne è rimasto un ultimo pezzetto, lo divora. Molti di Gallarate e soprattutto i residenti di Crenna, che è la collina della città, stanno firmando una petizione per chiedere al Comune di annullare il permesso di costruzione, ma il Comune risponde che la proprietà ha il diritto a costruire per bocca dellassessore Alessandro Petrone, e daltra parte a Gallarate ci sono cose più importanti a cui pensare.
Esempio: spedire a Milano i migranti che ancora stazionavano da queste parti, il 20 marzo il sindaco Andrea Cassani (Lega) ha pagato di tasca sua i 90 euro di biglietti di treno dicendo loro Milano è molto meglio di Gallarate, quindi sciò. In più, Elia Fasoli di Vivere Crenna racconta che giusto qualche giorno fa il sindaco ha cercato di far saltare il corteo del 25 aprile, proponendo una cerimonia allinterno del cimitero, con la scusa che i vigili erano già tutti impegnati per una gara ciclistica. Importante, ma il 25 aprile lo è di più, o no?. Anna Colombo, 76 anni, confinante con la proprietà su cui verranno costruite le ville, per adesso è riuscita a bloccare il progetto. Nel 2015 si è rivolta al giudice chiedendo il diritto di paesaggio, e lui ha fermato il cantiere. In più, essendo diventata esperta di urbanistica, rivendica la legge 1444/68, che impone una distanza di 10 metri dal finestrato. Il suo. E anche quello dei vicini, che però hanno affittato a una ditta di pompe funebri, e lì nessuno si lamenta. Un tempo la collina di Crenna era bella, dice Giorgio Locarno, rappresentante locale di Legambiente, con ville non patrizie ma di industriali come il Carminati, cotoniere che piantò molti abeti, ora saliti a 30 metri di altezza, e quindi così alti da impedire la visuale dal belvedere che pure cè in piazza Repubblica, perciò o li si tira via o il belvedere resta così, poco leopardiano. Poi cera lEnrico Macchi, che a Berlino vide lUnter den Linden, e decise di farlo anche qui, nel 1911, piantando centinaia di tigli che ancora definiscono la salita fino a Crenna. Labitato storico è già rappresentato nel catasto teresiano del 1730, e non è cambiato di molto da allora. Perché già allora i tecnici di Teresina, come qui viene chiamata limperatrice dAustria, capirono che la collina era morenica, quindi soggetta a frane e in più piena dacqua.
La scarpata, perché di questo si tratta, su cui si andranno a costruire le ville bianche in stile minimalista come va di moda ora, è stata terrazzata a forza di cemento e terra di riporto. Chi ha permesso tutto questo? Nel 1987 quel pendio era zona verde pubblico non edificabile. Ma già nel 91 si era trasformata in verde privato e una giunta dopo laltra, un sindaco via laltro (Udc, Lega, Forza Italia, poi di nuovo FI, poi Pd e ora Lega), quel pezzo di terra in discesa si è modificato e addirittura appianato. Sono i miracoli del progresso, basta mettere giù dei plinti di cemento, dice Fasoli. In una città che è cresciuta fino a superare i 50mila abitanti, vive grazie allaeroporto di Malpensa e negli anni ha riempito tutti gli spazi vuoti di villette e supermercati, alberghi e autentici ecomostri come quello di via Monte San Martino, opera discutibile di un architetto megalomane.
Naturalmente questa malagestione del territorio, così la definisce Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia, non è solo di Gallarate o della Lombardia o del Nord, ma cronico male italiano, dove si rosicchia ogni angolo libero e si costruiscono capannoni vicino a chiese romaniche.
Oppure si promuovono progetti di piscinette travestite da vasconi, come si vede nei primi rendering di questo progetto a Crenna, poi qualcuno le ha eliminate, forse da ultimo è stato fulminato dal buon senso. Ha lasciato però le ville bianche, che non si capisce dove possano stare essendo larea striminzita oltre che parecchio in discesa, quindi forse saranno cucce per cani, o casette per nani, con vista Milano.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news