LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arte Sella si fa fragile. Il tema è Handling with care. Quando la bellezza sposa natura e cura
Ugo Morelli
Corriere del Trentino 31/3/2018

Perché si può sostenere che la bellezza fa bene? Quali sono le condizioni che consentono di affermare che il rapporto con larte e la natura aiutano a stare meglio e aumentano la qualità della vita, sia di chi vive unesistenza sufficientemente normale, sia di chi ha difficoltà e disagi di diversa origine e manifestazione?

Non si tratta di unidea nuova se si fa riferimento alla dimensione contemplativa, a quella particolare esperienza che ognuno di noi conosce e che ci trattiene a volte anche a lungo di fronte a un paesaggio, a unopera darte visiva o ad ascoltare un brano musicale.

Se però vogliamo approfondire le ragioni di questa evidenza diffusa, allora dobbiamo andare oltre la semplice contemplazione e il singolo momento di coinvolgimento contemplativo. Scopriremo allora, grazie ai contributi di ricerca delle neuroscienze cognitive e della pedagogia clinica che la bellezza può estendere e aumentare le capacità personali, anche quelle residue a causa di malattie, in quanto la particolare e profonda risonanza con gli altri e il mondo che la genera, agisce sul sistema corpo-cervello-mente e ne espande e incrementa le possibilità.

Mediante lesperienza di bellezza ognuno di noi può accedere a sentire e vivere quello che senza quellesperienza non avrebbe mai vissuto. Quelle stesse esperienze possono favorire una relativa e significativa valorizzazione delle capacità individuali anche in situazioni patologiche di particolare gravità. In questo senso la bellezza può far bene e può fare del bene.

In Trentino vi è un luogo che da trentanni combina due delle fonti più rilevanti di bellezza per noi esseri umani: larte e la natura. Quel luogo è Arte Sella e ad accorgersene sono in molti in Italia e in Europa. Da qualche anno un originale progetto di ampliamento del ruolo di Arte Sella ha portato a interrogarsi su cosa si potesse fare per connettere larte e la natura alla cura. La ricerca ha prodotto unazione mirata che giunge ora alla sua seconda edizione: Handling with Care , maneggiare con cura.

Il percorso di formazione e intervento vuole connettere la bellezza alla fragilità, come accade per un cristallo particolarmente bello sulla cui confezione si scrive di solito proprio quella frase. La fragilità è un tratto distintivo del vivente e di noi umani in particolare.

Se ci si pensa sono proprio le forze fragili a rendere possibili le cose umane: quelle forze che mentre si esprimono sono in grado di riconoscere il limite delle proprie possibilità.

Il progetto Handling with Care è nato nel 2006 con lo scopo di valorizzare attraverso la comunicazione artistica e la formazione il senso e le competenze del prendersi cura, sia delle persone sia dellambiente, con scelte di metodo e contenuto innovativi e di particolare rilevanza.

Con Handling with Care II , la seconda edizione, Arte Sella ha stabilito una partnership con Tsm, Trentino School of Management, intendendo dare seguito a un percorso strutturato, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento, dedicato alla relazione tra bellezza, natura e cura. Il percorso formativo si articola tra seminari e laboratori di formazione coerenti con il contesto naturale di riferimento: da questa sinergia si possono generare azioni capaci di innovare le strategie di cura mettendo al centro arte, natura, cura; riconoscere il potenziale educativo della creatività artistica; individuare le opportunità di cura e sostegno derivanti dallarte in natura; combinare i metodi di cura e di sostegno allapprendimento con limmersione nellarte e nella natura; sviluppare metodologie originali di intervento.

Il percorso si rivolge a venticinque partecipanti: insegnanti di qualsiasi ordine e grado, in particolare di educazione musicale, artistica, motoria, lettere, italiano, docenti che si trovano a lavorare con persone in difficoltà, insegnanti di sostegno, operatori socio-assistenziali, professionisti che utilizzano larte quale strumento terapeutico. Saranno riservati cinque posti a frequentanti individuati dalle amministrazioni socie della Fondazione Dolomiti - Dolomiten - Dolomites - Dolomitis Unesco selezionati sulla base delle competenze professionali che dovranno essere il più possibile prossime alla progettazione di azioni di cura.

Il metodo formativo combina lezioni frontali e lavori di gruppo con momenti di laboratorio. Mentre le lezioni frontali saranno dedicate a creare aggiornamenti dei contenuti in funzione dello sviluppo delle attività in laboratorio, i lavori di gruppo saranno basati sullelaborazione dellesperienza dei partecipanti al fine di innestare su quellesperienza contenuti e metodi innovativi, e i laboratori di esercitazioni consentiranno di appropriarsi di metodi e strumenti direttamente applicabili nellesperienza professionale.

Nellesecuzione delle attività laboratoriali verrà utilizzato il metodo RBL - Research Based Learning. Ogni partecipante definirà le linee essenziali di un progetto applicativo che servirà come valutazione degli apprendimenti. Il progetto verrà valutato mediante una griglia predefinita in grado di verificarne la pertinenza, la coerenza con gli obiettivi e il livello di innovazione.

Tra i docenti della seconda edizione figurano artisti come il gruppo Dance Well e Roberto Conte, una ricercatrice in pedagogia clinica come Emanuela Fellin e studiosi tra i più importanti della ricerca neuroscientifica e culturale sullapprendimento, lo sviluppo umano e la cultura, come Marco Aime e Vittorio Gallese.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news