LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Piazza san Felice. Cè un tesoro nascosto nella farmacia a rischio sfratto
Corriere Fiorentino 25/3/2018

Probabilmente è della fine del 700, un caso unico in Italia. Si tratta del teatro anatomico nel retro della farmacia di piazza San Felice a rischio sfratto per far posto a un resort di lusso. Un piccolo giallo, perché quel teatro è chiuso da venti anni.

Antonio Passanese

Cè un piccolo gioiello di architettura in Oltrarno, sconosciuto ai più e chiuso al pubblico da circa venti anni, in cui si intrecciano la storia della medicina con quella di Firenze. Si trova nel retro della Farmacia Pitti, la storica attività di piazza San Felice a cui è stato disdetto il contratto di affitto per fare posto alla reception della residenza di lusso che nascerà al civico 2. Quello che si sa è che si tratta di un teatro anatomico, ma non esistono saggi, studi o libri che ne facciano cenno.

Realizzato tra la fine del Settecento e gli inizi dellOttocento secondo i canoni stilistici del Rinascimento, il teatro è a forma di cono rovesciato e a pianta ellittica. Sui muri ci sono affreschi (attribuiti al Poccianti) oggi di difficile lettura a causa del degrado, dellabbandono e di alcune muffe che stanno prendendo il sopravvento; poi ci sono due alte colonne in pietra serena e un camino incassato di pregevole fattura. Nella parte superiore della sala cè il ballatoio in legno e ferro battuto da cui presumibilmente i giovani studenti di medicina assistevano alle lezioni e alla dissezione dei cadaveri che veniva eseguita su un tavolo in marmo (ancora in buono stato), posto tra i due pilastri allentrata dello stanzone.

Il titolare della farmacia, il dottor Piero Piacenti, non entra nel gabinetto anatomico da almeno due decenni, ovvero da quando gli attuali proprietari hanno chiuso a chiave la porta dingresso senza più darci lopportunità di vedere in che stato è ridotta quella saletta. La soprintendenza fiorentina, però, ha chiesto di poter fare un sopralluogo per rendersi conto dello stato del locale: Visiteremo il teatro anatomico nei prossimi giorni fanno sapere da piazza Pitti stiamo aspettando che ci comunichino la data per il sopralluogo.

Nel frattempo la petizione organizzata dai residenti dellOltrarno che chiede tutele per la Farmacia Pitti è arrivata a quasi 5.000 firme, ma il dottor Piacenti ora ha un asso in più da giocarsi: è il parere con cui il ministero dei Beni Culturali conferma il vincolo su arredi e destinazione duso posto nel 1993 dallallora ministro Ronchey. Da Roma hanno confermato che in quei locali possa starci solo una farmacia aggiungono dalla soprintendenza quindi appare assai difficile che il 4 rosso possa essere occupato da unaltra attività o, come qualcuno dice, dalla reception della residenza.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news