LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Università, i tagli del ministero riducono i professori a mendicanti
di Salvatore Settis
IL FATTO QUOTIDIANO | 27 febbraio 2018


Definanziando ricerca, laboratori, biblioteche, lItalia si allontana dai Paesi civili divenendo serbatoio in cui pescare talenti: così studiosi di primordine, formati a spese del contribuente, emigrano

Lospizio di mendicità meglio noto come università italiana fu inaugurato festosamente dal duo Tremonti-Gelmini fra leggi, tagli di bilancio, mortaretti e champagne. Prima di quel raid punitivo, alluniversità si riconoscevano pregi e difetti. Fra i pregi, un alto livello di produttività scientifica, vicino a quello di Paesi con ben maggiori investimenti di settore (pubblici e privati), e unalta capacità formativa, di cui è prova la prestigiosa collocazione in tutto il mondo degli studiosi formati in Italia. Fra i difetti, una crescente auto-referenzialità e la tendenza al nepotismo di scuola e talora di famiglia.

I due picchiatori allora al governo, contando sulla passività di docenti e studenti, misero in atto un piano ben congegnato, perseguito dai loro successori fino a oggi. Da un lato deplorare, con laiuto di accoglienti media, difetti e scandali delle università, reclamando una riforma purificatrice. Dallaltro sbandierare la retorica delle eccellenze, attribuendone il merito a se stessi: alle riforme, a nuove procedure di valutazione, a nuove istituzioni, dallIit (Istituto Italiano di Tecnologia) di Berlusconi al Technopole di Renzi che dovrebbe giustificare post factum le spese pazze per lExpo. La politica delluniversità e della ricerca si svolge dunque ormai allinsegna dello slogan abbasso le università, viva le eccellenze!. In questa tenaglia, i tagli di bilancio si trasformano in saggia condanna di sprechi e intrighi, anzi in paterni inviti alla virtù e alla penitenza rivolti a una classe accademica di per sé dedita al vizio e allo sperpero.

Definanziando la ricerca lItalia si allontana dai Paesi più fortunati e civili, che vi vedono ormai un serbatoio in cui pescare talenti: studiosi formati a spese del contribuente italiano emigrano in tutto il mondo, senza che a compensare lemorragia intervenga un flusso in senso contrario. Fatti evidenti, che tuttavia sfuggono alla maggior parte dei cittadini. Luniversità, luogo deputato della progettazione del futuro, si allontana non solo dai suoi omologhi dei Paesi più avanzati, ma anche dalla società per cui continua a lavorare. Per essere competitiva, luniversità deve rispettare alcune regole generali, quelle dei Paesi con cui confrontarci. Primo, garantire la stabilità delle strutture, convogliando le energie degli studiosi nella ricerca. Secondo, rinnovare di continuo il corpo insegnante, garantendone la qualità sulla base del merito. Terzo, competere con le università degli altri Paesi assicurando salari e fondi di ricerca concorrenziali. Su questi tre fronti, lItalia fa lesatto opposto. La struttura delle università è stata sconvolta da una riforma pedante e ottusa, che ha modificato la topografia delle discipline raggruppandole in Dipartimenti di estensione e contenuto sempre diversi, con nomi di fantasia per cui a esempio le vecchie, oneste Facoltà di Lettere e Filosofia ora sono dipartimenti di Studi Interculturali in una città, Civiltà e forme del sapere in unaltra, Studi Linguistici e Culturali in una terza. Un balletto di etichette a cui non corrisponde nessun progresso di conoscenza ma la moltiplicazione di organi, riunioni, regolamenti, adempimenti che costringono chi vorrebbe far ricerca entro la camicia di forza di una miope burocrazia.

Intanto il turnover del corpo docente è vietato per legge, sostituito da un complicato meccanismo di punti-organico basato non sui contenuti disciplinari ma sui costi (un ordinario vale 1, un associato 0,70, un ricercatore 0,50 e così via). Quando un docente va in pensione è spesso impossibile sostituirlo, e discipline importanti non sono più insegnate o vengono affidate a contrattisti pagati poco o niente; per non dire delle tortuose modalità daccesso ai ruoli, giustificate come garanzia di qualità e di trasparenza: ma è arduo dimostrare che quel che a Harvard si può verbalizzare in una pagina a Roma ne richieda duecento. La verità è che la complessità delliter di accesso ai ruoli apre la porta a una valanga di ricorsi, e sempre più spesso a decidere chi va in cattedra non sono gli esperti (che giudicano nel merito), ma il Tar o il Consiglio di Stato (che guardano solo agli aspetti formali).

Su questo scenario sconfortante cala il pesante sipario di una valutazione sempre più ciecamente basata su criteri esterni e sempre meno sul merito delle singole ricerche. Un articolo scientifico viene valutato non per i risultati raggiunti in proprio ma in base alla qualità della rivista che lo pubblica: un mediocre articolo su una rivista di fascia A vale molto più di un ottimo articolo in una rivista di fascia B. La stolta idea che criteri esterni come questo siano più obiettivi del giudizio di merito si è imposta perché spoglia chi giudica di ogni responsabilità etica e professionale. Ma è proprio qui la debolezza intrinseca del sistema: perché luniversità e la ricerca, in quanto luoghi supremi del pensiero e dellinnovazione, devono educare prima di tutto alla responsabilità scientifica e morale. E vengono invece spinte ad abdicare a questa loro vocazione, essenziale per il futuro della società. La moltiplicazione del precariato, lenorme difficoltà di inserimento dei giovani (anche i migliori), le alchimie interne ai Dipartimenti che spesso tendono a distribuire gli scarsi fondi e le poche cattedre secondo meccanismi non di qualità ma di potere, il continuo inseguimento di fondi aggiuntivi mediante criteri invariabilmente etichettati come eccellenza (una delle parole più inflazionate della lingua italiana): questi e altri meccanismi risentono di unaziendalizzazione delluniversità che ne erode la funzione culturale e sociale.

Luniversità nel suo insieme, le singole sedi e i loro dipartimenti, i docenti sono ridotti a un esercito di postulanti, che tendono la mano chiedendo lelemosina di qualche decimo di punto organico, di qualche etichetta di eccellenza, di qualche spicciolo in più. Ma anche chi crede di vincere questa difficile battaglia fra poveri sta in verità perdendo la guerra: perché per conquistare qualche posizione avrà dovuto piegarsi alla cinica burocratizzazione di ideali e istituzioni come la scienza, linsegnamento e la ricerca, che dovrebbero essere il luogo dove si coltiva e si esercita la piena libertà intellettuale, la formazione di uno spirito critico, la cittadinanza responsabile. Per centinaia di migliaia di studenti e di docenti luniversità è ancora questo: quando tornerà ad esserlo per il Superiore Ministero?

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/universita-tagli-ministero-riducono-i-professori-a-mendicanti/


news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news