LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Litorale Domizio-Flegreo. Quattro miliardi di euro per vincere il degrado e rilanciare il turismo
Angelo Agrippa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 25/2/2018

De Luca: la sfida della vita, salviamo i giovani

CASTEL VOLTURNO. È il desiderio frustrato e ingiuriato per decenni che ora potrebbe diventare prospettiva reale di riscatto. «Una sfida che impegna una intera generazione», ha sottolineato il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, giusto per dire che si parte facendo «un passo alla volta». Dunque, niente illusioni. Soprattutto di questi tempi gonfi di promesse elettorali. Ma la necessità è di stabilire una cornice di massima dentro la quale inserire investimenti e operazioni coordinate. «Qui si gioca il destino di un’intera generazione di ragazze e ragazzi ai quali offriremo importanti opportunità di lavoro invece di condannarli ad emigrare». Il governatore ha ieri mattina presentato il Masterplan del Litorale Domizio-Flegreo alla presenza dei quattordici sindaci dei Comuni dell’area.
4 miliardi, 14 Comuni

Quattro miliardi di investimenti per infrangere definitivamente un tabù e trasformare il Litorale «nella riviera romagnola del Sud». Con un sistema di depurazione finalmente efficiente, reti fognarie adeguate, collegamenti stradali in grado di connettere velocemente Capua a Mondragone e quest’ultima località al confine regionale del Garigliano. I Comuni coinvolti sono Sessa Aurunca, Cellole, Mondragone, Castel Volturno, Giugliano, Pozzuoli, Monte di Procida, Bacoli, Carinola, Falciano del Massico, Cancello ed Arnone, Villa Literno, Parete e Francolise. È in corso di selezione una proposta di riqualificazione, valorizzazione e sviluppo del Litorale (il Masterplan Domizio-Flegreo). Ma De Luca ha già avvertito che «faremo in modo di lasciarci la possibilità di intervenire liberamente su singole aree se si riterrà opportuno far ricorso ad archistar o a particolari progettazioni. Da qui a dieci giorni — ha sottolineato — sarà scelto il gruppo di progettisti che dovrà delineare le linee generali di assetto urbanistico del territorio, che verranno poi inserite nel Piano Paesaggistico che stiamo predisponendo insieme al ministero per i Beni culturali. Non vogliamo trovarci nella condizione in cui mi sono trovato parecchie volte a Salerno, con le Soprintendenze che bloccano i progetti di sviluppo».
I grandi progetti

La Regione si impegna a portare avanti i progetti finanziati ma incagliati, come il grande progetto Bandiera blu, avviare nuove procedure come il protocollo di Castel Volturno e l’avviso per la mobilità. Intanto, la ricognizione delle iniziative di manifestazione di pubblico interesse da realizzarsi da privati su aree interamente di proprietà privata si è conclusa a dicembre 2017. Sono già pervenute 154 richieste per le quali la Regione ha svolto, ai fini di una prima schedatura, attività di georeferenziazione. Mentre 1,680 miliardi sono già finanziati per interventi di risanamento ambientale, sicurezza e legalità e rischio idrogeologico. «Il cofinanziamento della Regione — ha specificato il governatore — dove sarà possibile è rappresentato dalle aree di proprietà regionale che potremo mettere a disposizione».
Le proposte dei privati

Analizzando le 154 proposte si nota che a mostrare una maggiore vivacità territoriale è il comune di Mondragone (con 46 proposte presentate), seguito da Giugliano (26 proposte) e Castel Volturno (23 proposte). A superare le dieci proposte presentate sono gli interventi allocati nei comuni di Sessa Aurunca (15) e Bacoli (12). «In riferimento alle linee strategiche del Masterplan risultano prevalenti per numero — è scritto nella relazione — le istanze pervenute sulla linea strategica della Rigenerazione urbana con 131 istanze su 154 presentate per un controvalore pari a 1,85 miliardi di euro (85% del totale): in esse preponderano con ben 102 proposte, quelle relative alla realizzazione di interventi di carattere “turistico-ricettivo”. In relazione al contributo richiesto sul totale delle operazioni sulla Rigenerazione urbana e territoriale si evince che i progetti presentati necessitano di un finanziamento pubblico di circa 540 milioni di euro. Seguono gli interventi per la Rigenerazione ambientale (15) di un controvalore dell’investimento pari a circa 139 milioni di euro. A fronte di tale valore, è richiesto un incentivo di circa 26 milioni di euro pari al 27% dell’investimento. In questo caso, risulta più numeroso il gruppo di progetti richiedenti un contributo pubblico nella misura del 30%. Infine, gli interventi per la sicurezza e legalità (2) per un valore di circa 20 milioni» .
Modello esportabile

De Luca ha annunciato che «nelle prossime settimane partiranno subito i lavori che si possono già fare . E se tutto dovesse andare bene siamo pronti ad estendere ed applicare questo modello di sviluppo all’area Nord di Napoli e all’Agro Nocerino-Sarnese. È una sfida immane, ma la affrontiamo con grande entusiasmo».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news