LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia. Una recita a soggetto
Amelia Crisantino
Repubblica Palermo, 12 agosto 2005

COME spesso capita da queste parti, anche il permesso di ricerca degli idrocarburi rilasciato alla societ texana Panther Oil ci ha messo poco a diventare esempio emblematico di confusione e cattiva politica. Trattandosi di argomento che si presta alle scelte ideologiche, forse necessario cercare di ricostruirne brevemente la storia. Cominciamo ricordando come la concessione alla Panther Oil rientri in un pacchetto di autorizzazioni firmate dopo che - per ben due anni - il Servizio idrocarburi della Regione aveva condotto i suoi studi e dopo il via libera concesso nel settembre del 2003 dal Consiglio regionale delle miniere. Nel giugno di quell'anno era stato pure approvato il disciplinare che exnovo regolamentava il settore, prima prova d'esistenza di una legge regionale sulla ricerca e lo sfruttamento degli idrocarburi risalente al2000.
I SETTE permessi e le cinque concessioni dell'ottobre 2003 servivano a scopi diversi: i permessi per studiare preliminarmente il sottosuolo, le concessioni per le trivellazioni tese alla scoperta di giacimenti di metano e petrolio. Si trattava di dodici nuove autorizzazioni che andavano ad affiancarsi alle tredici gi in vigore in regime di duopolio per conto dellaSarcis e dell'Erri, ma la vera novit erano i permessi. Quello ottenuto dalla Panther interessava un territorio di circa 747 chilometri quadrati, con dentro il barocco di Noto e Mo -dica ma anche le testimonianze ellenistiche del fiume Tellaro. La Panther affermava che nel sottosuolo di Noto aveva individuato una sorta di trappola stratigrafica contenente gas, a una profondit di circa 2000 metri subito battezzata "Eureka gas field". Che si trattasse di un territorio dall'equilibrio fragile si sapeva, ma anche gli altri permessi di ricerca si riferivano a zone a rischio. Basti pensare che uno dei permessi rilasciato all'Eni- riguarda la zona di Morgantina. Del resto, la stessa Eni gi conduce i suoi scavi alla ricerca di gas e petrolio a Noto e a Ragusa.
La Panther aveva buone credenziali, ci si felicitava per l'arrivo di nuovi capitali e per l'interesse degli investitori. Cos il 31 marzo del 2004 l'allora assessore all'industria Marina No firm i decreti di concessione, e nella successiva conferenza stampa sottoline i vantaggi derivanti dalle future royalties. Era presente anche l'amministratore della Panther, che spieg come la sua compagnia fosse specializzata nello sviluppo di campi petroliferi considerati marginali dalle major del settore e cerc di rassicurare gli astanti. Disse che l'impatto sul territorio sarebbe stato minimo e i vantaggi notevoli, che la sua compagnia era interessata solo al gas e non al petrolio, che avrebbe lavorato in collaborazione con la Regione. La sua concessione durava sei anni, gli investimenti previsti ammontavano a 43 milioni di euro e le royalties per la Regione e i Comuni interessati raggiungevano il 7% sul prodotto: anche il grande metanodotto che attraversa la zona sembrava pronto ad accogliere gli eventuali frutti di scavi e ricerche.
Bella o brutta che fosse, la concessione sembrava inserirsi in un ragionamento e forse anche in un embrione di progetto sull'energia e i suoi costi. In ogni caso, non c'era stata nessuna forzatura. Alla Regio-n e avevano avuto tutto il tempo per riflettere, studiare, valutare i pr e i contro e poi decidere. I Comuni interessati non erano stati coinvolti pi di tanto ma nessuno stupore, tutto rientrava nella tradizione accentratri-ce della Regione. Le concessioni risultavano firmate dall'assessore No ma le decisioni erano frutto di un processo durato anni, la firma in calce ai documenti non bastava a stabilire filiazioni.
Il ridicolo balletto successivo ha scavalcato i dati economici e il futuro energetico, piantando le sue bandiere nel fertile humus dell'emotivit. L'assessore No, rea d'aver svenduto la sua terra allo straniero, stata promossa Consulente per gli affari istituzionali anche se nessuno ha provato a difenderla. Il governatore stato d'accordo con le concessioni, poi ci ha ripensato. In futuro, siccome quelli della Panther non intendono giocare a rimpiattino forse sar di nuovo d'accordo. Chiamato a togliere le castagne dal fuoco, il successore della No ha dichiarato tutto a posto, ora dovremo studiare come uscirne. L'Ars s' ritrovata a votare lasciandosi prendere dall'antipatia per Granata che, da parte sua, rivendica primogeniture su ambiente e autonomia e lancia proclami come se a dare i permessi fosse stato un losco governo accentratore e non la coalizione di cui fa parte. Nel frattempo lo scambio d reciproche accuse fra Pagano e Granata diventa perfido, conquistandosi il merito di divertire il cittadino/elettore. Insom-ma, si recita a soggetto. L'unica voce che non si riesce ad ascoltare quella dell'opposizione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news