LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Consumo di suolo e dintorni
Attilio Belli
Corriere del Mezzogiorno - Campania 23/2/2018

La legislatura si chiude con un indecoroso flop della legge sul consumo di suolo. Dopo quasi duemila giorni di discussione in Parlamento, una iniziativa che aveva avuto inizio a fine 2012 non ha approdato a nulla. In Italia, quando si tratta di regolamentare l’uso del suolo, quello del Bel Paese, è difficilissimo trovare un punto di mediazione riformista. Troppi interessi in conflitto, troppe culture difformi. E nei mesi prima delle elezioni, poi, nessuna forza politica si azzarda a correre rischi di perdere consensi. Anzi succede proprio il contrario: c’è sempre chi avanza condoni o cose simili. E questo, nonostante gli appelli ripetuti delle associazioni (Coldiretti, Fai, Inu, Lega Ambiente, Slow Food, Tci, Wwf Italia) e le proposte di legge d’iniziativa popolare come quella avanzata dal Forum Salviamo il Paesaggio. E soprattutto nonostante una macroscopica dimensione del fenomeno del consumo ripetutamente documentata. Tanto per ripetere una cifra: dal 2013 al 2015 le nuove coperture di suolo hanno intaccato ben 35 ettari al giorno, con effetti indubbiamente nefasti su biodiversità, paesaggio, qualità della vita, agricoltura e speranze di rigenerazione urbana. Un consumo particolarmente rilevante nella pianura padana e nell’area metropolitana di Napoli, dove supera il 56.8%, secondo dati Ispra già invecchiati. Nel frattempo le Regioni assumono in materia orientamenti molto diversi tra loro, dotandosi di proprie normative. Su alcune, come quella lombarda, il Consiglio di Stato ha sollevato la questione della legittimità costituzionale.

Eppure grande rilievo assume nel disegno di legge sul consumo di suolo la questione della rigenerazione urbana. In esso vengono proposte alcune cose interessanti, non tutte condivise dal fronte ambientalista. Per migliorare l’uso del suolo è previsto il censimento da parte dei Comuni degli edifici e delle aree dismesse, non utilizzate o abbandonate. Si pensa ad una banca dati per reperire in modo unitario informazioni sulla proprietà, la dimensione dei beni, lo stato di compromis-sione ambientale, il regime urbanistico. Si tratterebbe di agire con prontezza per evitare che la progressiva cronicizzazione della dismissione finisca per produrre una sorta di desertificazione dei territori. Particolarmente importante il riuso del patrimonio industriale dismesso, per l’acquisizione di nuove funzioni come leva per un generale miglioramento sociale ed economico. Alle Regioni vengono affidati compiti rilevanti. Come l’adozione delle disposizioni per la realizzazione da parte dei Comuni del censimento degli edifici e delle aree dismesse, non utilizzate o abbandonate. Ma soprattutto l’indicazione, per l’iniziativa di queste amministrazioni, a «fornire nel proprio strumento di pianificazione specifiche e puntuali motivazioni relative all’effettiva necessità di consumo di suolo inedificato» eventualmente non soddisfatto nel riuso dell’edificato. Cosa importante, anche se inevitabilmente sul controllo dell’adeguatezza di tali motivazioni andrà a giocarsi la partita fondamentale nel rapporto tra Regioni e Comuni.

Questo fenomeno degli edifici dismessi è particolarmente intenso nel Veneto, dove ha spinto la Regione ad approvare una legge, la 14/2017, che prevede l’uso temporaneo (3-5 anni) degli innumerevoli capannoni industriali (circa 92.000) disseminati sul territorio, per centri ricreativi, scuole private e altri usi diversi dalla destinazione esistente, in accordo con i Comuni cui viene affidato il controllo su possibili abusi.

Un provvedimento analogo risulterebbe utile anche in Campania, in sintonia con il Piano Paesaggistico in corso di redazione e i Masterplan della Costa Campana promossi dalla Regione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news