LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La logica dei piani paesistici
Francesco Manfredi-Selvaggi
Altromolise, 09 agosto 2005

Gli attuali strumenti di governo del paesaggio moderno rispondono a criteri metodologici molto definiti, fissati dalla legge regionale in materia che lasciano poco spazio all’interpretazione dei loro progettisti e, quindi, alla creatività.

L’esame delle caratteristiche degli attuali piani paesistici della Regione Molise deve partire dalla metodologia che hanno improntato la loro formazione. La prima fase nella redazione dei piani è stata quella della effettuazione delle analisi sul paesaggio. Le analisi sono state condotte rispetto ai vari interessi che la legge regionale sulla pianificazione paesistica, la L.R. n. 24 del 1989, riconosce legati al paesaggio. Essi sono l’interesse naturalistico, quello percettivo, quello storico-urbanistico, quello legato alla pericolosità geologica e quello connesso alla produttività agronomica. Ad ognuno degli elementi che costituiscono il paesaggio in relazione ai diversi valori elencati sopra viene attribuito un valore che va da quello eccezionale, a quello elevato, a quello medio, a quello basso. Il valore viene assegnato in relazione all’importanza che un determinato elemento possiede rispetto alla totalità del paesaggio, piuttosto che nei confronti della particolare disciplina che lo valuta (per esempio, un gruppo di piante è significativo per la sua rilevanza nel sistema paesistico invece che per la sua peculiarità dal punto di vista esclusivamente botanico). I criteri di attribuzione del valore sono stabiliti in uno specifico paragrafo di ciascun piano, ma generalmente sono stati adottati criteri simili per tutti i piani. Deve essere segnalata una carenza nella valutazione degli elementi che essendo limitata solo a riconoscere la loro particolare qualità non tiene conto della loro vulnerabilità, uno degli aspetti, invece, considerato essenziale dalla Convenzione Europea del Paesaggio almeno a livello di ambito. È evidente che già nella fase delle analisi vengono compiute scelte progettuali perché è, di certo, una decisione di tipo progettuale a stabilire quali sono i valori da tutelare. La selezione delle componenti paesaggistiche significative è funzionale all’attribuzione a ognuna di queste di un peso che dipende dal ruolo che esse svolgono nel configurare il paesaggio. Il giudizio di valore mira ad individuare i fatti biologici, geomorfologici e insediativi che rappresentano gli elementi ordinatori rimasti fissi nelle varie fasi di trasformazione della struttura del paesaggio; detto diversamente, le analisi vanno alla ricerca delle “invarianti” nel sistema paesaggistico che sono quelle componenti che hanno dimostrato una capacità di persistenza e inerzia al cambiamento oltre che una capacità di condizionamento. Se si può trovare un limite in questa impostazione è che non vengono studiate le relazioni tra queste componenti ma i singoli elementi separatamente fa loro. La legge regionale citata distingue poi gli elementi del paesaggio non solo in base al valore, ma anche in relazione alla dimensione, rispetto al quale gli elementi vengono definiti puntuali, lineari, areali. Anche elementi puntuali che sono elementi di piccole dimensioni nei confronti della dimensione dell’ambito al quale appartengono possono essere anch’essi dei segni paesaggistici primari e, pertanto, opportunamente non vengono confusi con le “bellezze individue”. Quello che completerebbe il lavoro di analisi è una descrizione accurata dei vari elementi. Non si ritiene, infatti, sufficiente averli riportati in cartografie tematiche e di aver compilato schede di catalogazione, più o meno dettagliate; manca una illustrazione completa del significato del particolare elemento la quale consentirebbe di rendere esplicito alla collettività il giudizio di valore. Le valutazioni che scaturiscono dalle analisi portano a delimitare le aree sulla base delle qualità. Si ha così la disaggregazione del territorio in zone di interesse differenziato da cui scaturisce il livello di tutela. In effetti solo nel piano paesistico n. 4, quello relativo alla zona di Frosolone, vi è per ogni zona un’unica modalità di tutela, mentre generalmente le modalità di tutela sono diverse a seconda dell’intervento antropico preso in esame. Ciò non vuol dire che anche negli altri piani paesistici non si tenga conto del valore globale dell’area, ma non si ha una unica risposta in termini di tutela per tutte le possibili attività dell’uomo che è immaginabile si proporranno in quell’area. Vi sono, poi, piani paesistici come quello del Matese che assomigliano molto alla zonizzazione dei parchi in quanto vi è una maggiore esclusione delle attività man mano che l’altitudine decresce: questa non è intenzionalità esplicita, bensì traspare dalla lettura della tavola di progetto (identificata con la sigla P1). È implicito, inoltre, che le scelte di pianificazione sono state condizionate dal maggiore o minore grado di apertura alla trasformazione delle singole zone: mancando analisi sulla fragilità dell’assetto paesaggistico delle varie aree non è possibile distinguere le zone da modificare e quelle, all’opposto, da trasformare. L’unico parametro di giudizio per stabilire il livello di tutela per ogni area rimane il grado di interesse paesaggistico individuato in quell’area. Nei nuovi piani che si dovranno redigere in base al Codice Urbani le aree sono suddivise a seconda degli "obiettivi di qualità", ma questo è tutto un altro discorso.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news