LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II declino culturale e la voglia di riscossa
DI DANIELE MARINI
Il Sole 24 Ore, 11 agosto 2005




L' economia italiana sta faticosamente cercando di risollevarsi e trovare la spinta necessaria per agganciarsi alla crescita presente fuori dai confini nazionali ed europei. Si cominciano, qui e l, a scorgere alcuni indicatori, peraltro timidi, di leggero miglioramento nelle attese delle imprese e delle famiglie, anche se non mancano, come dimostra la decisione di Standard & Poor's, nuovi segnali di allarme. Servirebbe ora una vera e propria scossa: la realizzazione di misure utili a generare le precondizioni per un rilancio rapido dello sviluppo. Invece, la scossa arriva dalle vicende bancarie. Una scossa che tramortisce. Quasi stordita, l'Italia si trova fra le mani un problema ormai crescente: il diffondersi del "relativismo culturale".

Il riferimento, in questo caso, non alle questioni delia bioetica sottolineate a suo tempo dal Papa. Ma, a ben vedere, la radice identica: l'allentarsi di un insieme di vincoli sociali ed etici attorno ai quali si costruisce un senso civico, un Paese trova un'identit, un orizzonte condiviso di comportamenti. Lo sfilacciamento di questi riferimenti di valore (con colpevole disattenzione di molti attori pubblici, privati e della societ civile) tende a rendere leciti tutti i comportamenti, anche le pratiche in precedenza sancite negativamente. Ci rende tutti pi indifferenti e disincantati di fronte alle regole stabilite. A maggior ragione quando simili comportamenti investono anche le istituzioni, i simboli autorevoli di un Paese. O, peggio ancora, sono loro stessi a sancirne, anche indirettamente, la legittimit, come nel caso della prassi di condonare i reati commessi, nel legiferare ad personam, nei conflitti d'interesse non risolti (pratica, quest'ultima, ormai invalsa e diffusa non solo nell'area del pubblico: senza che ci generi pi scandalo, se non nei commenti privati).
Certamente, lo spirito civico del nostro Paese ha momenti di appannamento e di scarsa visibilit, per quanto siamo capaci di trovare l'impennata d'orgoglio al momento opportuno o quando le difficolt toccano il punto limite.-La fase della concertazione sulle politiche dei redditi, il percorso stretto per l'adesione ai vincoli di Maastricht, la tenuta delle istituzioni durante la fase di Tan-gentopoli e il crollo dei partiti tradizionali: sono alcuni eventi che, nei tempi recenti, hanno dimostrato come sia possibile trovare un'unit d'intenti e dei valori condivisi.
L'insinuarsi del "relativismo culturale" mette a repentaglio l'ordito della convivenza civica, quel filo sottile, ma essenziale che consente di tenere assieme una societ: la fiducia reciproca delle relazioni, l'autorevolezza dei soggetti e delle istituzioni, la loro reputazione.
L'economia per potere funzionare ha bisogno certamente di politiche pubbliche adeguate, di investimenti da parte delle imprese di riforme strutturali. Ma perch questi abbiano un'efficacia diffusa necessitano dell'humus generato da relazioni improntate alla fiducia reciproca fra gli attori. Abbisognano di un sistema di regole certe e relativamente stabili nel tempo; il sapere che vengano rispettate e, in caso contrario, immediatamente sanzionate; che non vi siano aree protette dove le regole vengono "sospese" a vantaggio di pochi.
La fiducia e la reputazione sono fattori che tanto si sedimentano lentamente, quanto rapidamente si bruciano. E ripristinarli, successivamente, necessita di molto tempo. Nel momento in cui essi
vengono intaccati fondamentale sapere intervenire rapidamente, manifestando una capacit di decisione. L'incertezza nell'offrire segnali concreti rende ulteriormente plausibili i comportamenti lesivi delle regole. Invece, si mostra il pugno di ferro sulL immigrazione, ma si tergiversa sulle politiche industriali cos come nel caso della legge sul risparmio (come dopo il caso Parmalat, solo ora messa all'ordine del giorno della discussione parlamentare).
La riscossa dell'Italia delle imprese passa attraverso segnali concreti, pi decisi e immediati sotto il profilo delle politiche. Ma, allo stesso tempo, l'economia ha bisogno di contrastare comportamenti ispirati al "relativismo culturale" rinforzando l'ordito della fiducia. Progettando un nuovo orizzonte di valori condiviso, ispirato
L'installazione di metal detector nei musei statali come misura antiterrorismo va bene come deterrente, ma non sufficiente se manca il personale di sorveglianza: 6mila unit, secondo la Uil. Il ministro ButtigliOne sa bene, ma fa finta di dimenticare. E la Uil lo ha invitato a proporre al governo l'approvazione di un decreto legge per l'assunzione stabile di 2.500 precari



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news