LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE: Le copie, rimedio sbagliato
di Mario Spezi
11-AGO-2005 LA NAZIONE cronaca Firenze




■ -" L'ex direttore dell'Accademia Domenico Viggiano replica alla proposta di sostituire il Perseo

Guardate Orsanmichele: orribile con i calchi al posto delle statue
Io evito di passare davanti a Orsanmichele per non vedere quei calchi orribili che sostituiscono le statue originali. Il professore Domenico Viggiano, dal 1983 al 2002 direttore deh" Accademia di Belle arti di piazza San Marco, interviene, sollecitato, sulla querelle suscitata dalla professoressa Mina Gregori. che, dopo 1' atto vandalico subito dal Biancone, ha proposto sulle pagine de La Nazione di ritirare subito dalla piazza il Perseo del Cellini, e il sovrintendente al Polo museale fiorentino Antonio Paolucci. che ha replicato:
Pensare a una citt antica trasformata in una Disneyland piena di cloni mi fa accapponare la pelle. Viggiano il direttore che nel 1991 fece chiudere con un' alta inferriata la loggia che davanti ali' ingresso dell' Accademia, per allontanare chi vi si accampava di notte e, peggio, chi si divertiva a tirare bottiglie vuote di birra contro il bassorilievo robbiano sopra la porta. Sostanzialmente il professor Viggiano d' accordo con il sovrintendente Paolucci, ma il problema riprende - quello della sicurezza. Fermo restando che togliere tutti gli originali ridicolo nei confronti dei visitatori, e anche culturalmente non valido, resta il fatto che non esiste alcuna soluzione per i danni che possono essere provocati. Per F ex direttore dell'
Accademia, il problema della sicurezza resta comunque di difficile soluzione, vista anche la straordinaria quantit di opere d' arte che sono dislocate in citt. Io ricordo che tanti anni fa - dice -, quando fu arrestato un brigatista, questi confess che lui e i suoi compagni avevano preparato un attentato contro non so quale generale. Lo volevano colpire ali' uscita della chiesa e l 1" aspettarono. Quando, per, lo videro, notarono che aveva una mano in tasca e pensarono che avesse una pistola. Rinunciarono ali" attentato e cambiarono obbiettivo. Con questo voglio dire che per un terrorista, ma in fondo anche per un vandalo, non importante che F obbiettivo sia il Perseo o il David, quanto colpire l dove meno rischioso. Si dice che ci sono le telecamere, ma a che servono se poi dietro non e' nessuno a guardare? Ad arrestare, dopo, F autore dell' atto vandalico? Magra soddisfazione. Per Viggiano la sostituzione con copie degli originali F ultimo rimedio e, comunque, qualche cosa che offende F opera d' arte. Anche le porte del Battistero, se solo ci si avvicina un po', sono inguardabili, cos perfette, cos pulite, cos poco credibili. Prima, quella patina del tempo, quel loro essere un po' consumate aggiungeva un grande fascino. E' la storia che sta dietro alle opere d' arte e che vi ha lasciato le sue tracce, che le rende ancora vive.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news