LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per proteggere i nostri capolavori, dobbiamo mettere in mostra solo copie?
11-AGO-2005 GENTE




PRO E CONTRO
di pochi giorni fa l'ultimo sfregio ai gioielli del nostro Paese: un balordo si arrampicato sulla statua di Nettuno di Piazza della Signoria, a Firenze, e cadendo ha distrutto la mano della statua

Solo l'autentico comunica. Le copie non sono l'opera. L'arte, dal paleolitico a oggi, sempre scomparsa: il suo destino, come lo pure il nostro. Inutile illudersi, giusto conservare. Il che vuoi dire solo rallentare il declino naturale delle cose. Solo l'autentico fa godere, fa sentire, comunica. In Germania, in Francia o fra gli inglesi, se vi avvicinate troppo alla statua che sta in mezzo alla piazza una manina anziana sposter la tendina dietro una finestra e l'occhio vigile della vecchietta vi accarezzer la schiena. Siete sotto controllo. A Firenze, i camerieri che lavorano nei bar di Piazza della Signoria si dimenticano di ringraziare le statue sulla piazza, che sono la fortuna vera dell'attivit turistica lucrosa che si svolge ogni giorno. Le statue, e l'hanno confessato pi di una volta, sono offese. In Francia le statue dei re e dei santi si sfregiano solo durante la Revolution. Da noi le state sono res nullius e vengono maltrattate per cialtroneria, proprio come si moltiplicano sulle facciate della pi bella architettura del mondo le pustole dei graffitisti. Non serve reprimere, inutile. ora di creare un'altra coscienza, quella che altrove si chiama civica. Per consentire alle statue di non andare in galera, mettendole sotto vetro, ma di invecchiare e sciogliersi lentamente nei meandri secolari della storia.


VITTORIO SGARBI, storico dell'arte, deputato di Forza Italia ed ex sottosegretario ai Beni Culturali
Ma sarebbe meglio una vigilanza fissa
Io non sono contrario a esporre all'aperto copie delle opere d'arte invece degli originali, anzi: serve a difenderle dagli agenti atmosferici, dai furti e dai vandali. E in Italia lo si fatto in molti casi che, per restare solo a Firenze, riguardano per esempio il David di Michelangelo, le sculture del campanile di Giotto, tutte quelle di Orsammichele. Per, deve trattarsi di copie assolutamente ben fatte, non orripilanti come quella del Marcaurelio, che sembra di cioccolata. Ma non possibile farlo sempre: come si fa a mettere in Piazza Navona a Roma una copia della fontana del Bernini? Togli l'originale? assurdo, e poi dove lo metti? Bisognerebbe affidare a una mente lucida (la mia, per esempio) un piano nazionale antivandalismo, all'interno del quale individuare una serie di piazze, che in Italia potrebbero essere pi o meno una quarantina, da mettere sotto il costante controllo di una vigilanza fissa. Ci sono custodi fissi nelle sale pi importanti di ogni museo? E allora bisogna rendersi conto che quelle piazze sono assolutamente simili alle stanze di un museo. Il problema che non ci sono solo i cretini, i ladri, gli ubriachi che fanno vandalismi alle opere d'arte, d sono anche cattivi amministratori che gli danno una mano, non impedendogli di far danni con una vigilanza adeguata.
a cura di Patrizia Rusconi



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news