LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Coste, il piano va in vacanza
11 AGO 2005 LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO BARI



Ritardi nella riqualificazione, «dai Comuni non arrivano gli atti»
Sotto voce e a ferragosto le notizie brutte dovrebbero fare meno male. Non tutti i sindaci hanno inviato la documentazione necessaria, e il piano di riqualificazione delle coste, messo a punto dalla Provincia, va in vacanza. Cioè, procede a singhiozzo. Eppure in tre, gli assessori Marchetti (ecologia e ambiente), Pace (protezione civile) e Palmieri (risorse del mare), meno di un mese fa avevano assicurato che il tabellino di marcia sarebbe stato rispettato.
Il ritardo è da ricercare altrove, dicono i tecnici della Provincia. Siamo al solito ping pong di accuse?
Forse, un luogo altro dove ricercare colpe è nei Comuni coinvolti nel processo di riqualificazione: non tutti hanno messo nero su bianco comunicando con esattezza quale tratto di litorale riqualificare. E chi ha comunicato dove, non ha trasmesso gli altri atti neces-, sari, come per esempio cartografie o progetti preliminari. E il caso del Comune di Bari.
Un passo indietro. L'individuazione delle zone di città è stata al centro di un dialogo non facile tra la Marchetti e l'assessora comunale all'Ambiente, Maria Maugeri. Che di proposte ne aveva fatte due: una, per una cala a Torre a Mare, vicino al lido dei carabinieri; l'altra, per la spiaggia del canalone, in pratica la zona terminale della Lama Lamasinata.
Iil Il piano della Provincia è stato concepito per intervenire su zone degradate, ma anche di un certo interesse paesaggistico. Ecco perché sulle prime battute la scelta di Lamasinata non era stata gradita. Poi bisognava ridurre la scelta da due a una, e la richiesta da parte della Maugeri è caduta sul canalone. Per una serie di motivi. Primo fra tutti, la necessità di inserire l'intervento in un piano più ampio che sta predisponendo anche l'altro assessore comunale, Simonetta Lorusso (Lavori Ubblici) per l'intera zona di Fesca e San Girolamo. Piuttosto che con un «cerotto», meglio curare la malattia con interventi radicali, compreso quello in sinergia con la Provincia: questa la filosofia della Maugeri. Sta di fatto che la stessa assessora comunale all'ambiente ammette il ritardo.
Raggiunta al telefono in Sicilia dove sta trascorrendo un periodo di ferie, la Maugeri spiega che un progetto di riqualificazione del tratto di spiaggia del canalone è complesso perché sono tanti i vincoli di legge posti per il rispetto della Lama. Quasi un assurdo: bisogna tener conto dei vincoli in una zona dove «l'ecomostro» del litorale Nord (una torre di appartamenti a 15 metri dalla spiaggia) è stata edificata con tanto di nulla osta burocratici da parte delle amministrazioni comunali precedenti. Aggiungere «mostri» non si può. Dunque, massima attenzione anche ai dettagli. L'impegno della Maugeri è di recuperare tempo e trasmettere una bozza di progetto preliminare subito dopo la pausa di ferragosto. Fin qui, Bari.
Il piano della Provincia, ovvio, interessa il litorale da Monopoli a Barletta. Le zone individuate sono nove, Bari compresa. E sono, a partire dalla costa a Sud: la spiaggia all'ingresso Nord dì Monopoli (davanti alla zona industriale), Cala Incina (Polignano), Cozze, Mola, Cala Arena a Giovinazzo, Torre Gavetone a Molfetta, Bisceglie (da definire) Ariscianne e Pantaniello a Barletta. Un piano che potrà essere rivisto, ma che non dovrebbe essere modificato nella sostanza.
I tre assessori provinciali, Marchetti, Pace e Palmieri, coinvolti in maniera collegiale perché gli interventi interessano più settori, da quelli sulla sicurezza a quelli che riguardano le acque e la ecosostenibilità delle strutture da realizzare, s'erano impegnati a formalizzare
le procedure per l'appalto delle gare dei lavori entro il ferragosto. Scadenza che non sarà rispettata.
Certo, nessuno immaginava che il piano potesse restituire il recupero delle zone prima della fine della stagione estiva in corso. Ma se il buon giorno si vede dal mattino, allora l'alba della riqualificazione è davvero grigia.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news