LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I grandi Uffizi fanno un passo
M. B.
Corriere Fiorentino 6/2/2018

Ora cè la sala Isozaki, ma la Loggia? Schmidt: buco nero. Nardella: urge soluzione

Nuove sale e un auditorium dedicato a Vasari. Così i Nuovi Uffizi prendono forma coi lavori ormai oltre il 50% ma con ancora un grande punto interrogativo: la Loggia di Isozaki.

In attesa degli Uffizi del futuro, che stanno faticosamente prendendo corpo sala dopo sala e scelta dopo scelta, il direttore delle Galleria Eike Schmidt vuole accelerare sulleterno cantiere di piazza del Grano, sulla loggia di Isozaki. Basta con quel buco nero a fianco del museo più famoso dItalia, ha tuonato, richiamando la politica alle proprie responsabilità.

Schmidt ha parlato in occasione dellinaugurazione dellauditorium intitolato al Vasari e delle adiacenti sale didattiche-museali, compresa la sala Arata Isozaki dove sono esposti i disegni ed il modellino con il quale larchitetto giapponese ha vinto nellormai lontano 1999 il concorso internazionale bandito dal ministero dei beni culturali, ma che non ha mai visto la posa della prima pietra e sulla cui realizzazione rimane lincertezza. Alla politica esprimo una sollecitazione molto chiara: qui abbiamo un cantiere dove succede poco per quel che riguarda una risoluzione di questo spazio urbanistico, così centrale per Firenze, e finora è un buco nero con una grande gru sopra. Un buco nero ed una gru su cui si affaccia anche Palazzo Vecchio, che il sindaco vede ogni giorno. È un problema che va assolutamente risolto. Va scelto se si preferisce uno spazio funzionale ad un grande buco nero nel centro di Firenze, con una gru sopra. Da qui anche al scelta di avere sala Arata Isozaki nel piccolo percorso collegato al nuovo auditorium. Il fatto di aver intitolato una sala ad Isozaki prima di realizzare la loggia è un anomalia. Lanomalia, però, non è la sala ma la mancanza della loggia ha sottolineato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Isozaki ha vinto questo grande concorso internazionale nel 1999, ormai 19 anni fa. Nel frattempo ha vinto anche il ricorso. LItalia è uno stato di diritto e ora non cè nessuna ragione amministrativa, legale, per non realizzare la loggia. Il problema non è se realizzarlo, ma quando. La politica decida. Anche perché il problema continua ad esistere: cè un cantiere in cui succede poco in uno spazio urbanistico così centrale per Firenze e va assolutamente risolta la situazione. Il sindaco Dario Nardella ha partecipato allinaugurazione dei nuovi spazi a pian terreno nellala di ponente e sullinvito di Schmidt ha detto: Sono fiducioso sul fatto che il ministro Franceschini trovi una soluzione, perché, in effetti, una soluzione è necessaria qualunque strada si prenda. Io non sono per principio contrario allarte e allarchitettura contemporanea, anzi ha aggiunto Nardella È un progetto promosso dallo Stato, da anni se ne stanno occupando tutti i ministeri, quindi noi come Comune non possiamo che svolgere un ruolo eventualmente di supporto. Ma non possiamo essere noi a fare il primo passo.

Loccasione è stata linaugurazione di un auditorium da 120 posti, intitolato a Giorgio Vasari, e tre nuove sale collegate per un mini percorso nella storia della Galleria realizzata dal grande architetto aretino, nellambito di lavori per 4,5 milioni di euro che fanno parte dei Nuovi Uffizi. Schmidt è tornato anche sulla recente decisione del Consiglio di Stato che ha bocciato i direttori dei musei stranieri, arrivato contro alcuni dei concorsi voluti dal ministro dei beni culturali ma non per il concorso che lo riguarda direttamente Dario Franceschini. Ed ha parlato anche del suo addio a Firenze già annunciato da tempo, per trasferirsi nel 2020 a Vienna e dirigere il Kunsthistorisches Museum. Restare agli Uffizi? Non è nemmeno sicuro se potrei restare. I massimi giudici amministrativi stanno dibattendo anche su questo. Non so se mi faranno restare... ha risposto sorridendo su un eventuale incarico bis Lavorare a Firenze mi piace ogni minuto. Mi piace tutto quello che si può fare nonostante le mille difficoltà e intoppi. Resta però il problema Italia: Qui cè un grande caos normativo prosegue In Austria hanno una struttura amministrativa semplicissima: lì le cose vengono decise anni prima poi nessuno le rimette in discussione. Invece, se qui in Italia venissero oggi Cesare o Seneca chissà come si sentirebbero a vedere cosa è diventata la lineare chiarezza del loro diritto romano....



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news