LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'archeologo che si paga gli scavi col gioco a premi
Tomaso Montanari
17 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


In inglese patrimonio culturale si dice cultural heritage. Ma la traduzione letterale di questa espressione eredità culturale ha da ieri una nuova sfumatura di senso.

Paolo Storchi ha infatti annunciato che investirà una parte consistente della somma che ha vinto a L'Eredità di Fabrizio Frizzi in un progetto strettamente legato al patrimonio culturale: uno scavo archeologico.

Paolo, 32 anni, ha una laurea triennale in lettere classiche, una magistrale in archeologia, un master in bioarcheologia, paleopatologia e antropologia forense, la specializzazione in Beni archeologici e un dottorato in topografia antica. Quello che non ha, e non riesce ad avere, è un finanziamento per un sogno che coltiva fin da bambino: trovare l'antica Tannetum, un centro gallico tra la sua Reggio Emilia e Parma. Perché ha spiegato Paolo fare ricerca in Italia è già difficile se ti occupi di materie scientifiche. Quando vuoi fare l'archeologo, investendo tutto il tuo sapere nella cultura, diventa impossibile.

In questa Italia tutta concentrata sugli incassi di pochi supermusei, è inaudita l'idea che il patrimonio sia diffuso capillarmente sul territorio e che non viva se non attraverso la produzione di conoscenza.

Ma Paolo non si è arreso, e quando sua mamma l'ha iscritto all'Eredità non si è tirato indietro: Volevo andare in tv a raccontare agli italiani cosa fosse Tannetum. È questo il bello dell'Italia: il servizio pubblico gli italiani se lo fanno da soli.

Così come il finanziamento della ricerca.

L'associazione gioco-patrimonio culturale non è nuova. Nel 1997, Walter Veltroni ebbe la pessima idea di legare l'azzardo di Stato (il Lotto) al finanziamento della cultura. Erano gli anni dell'ubriacatura "modernizzatrice", sull'onda dell'Inghilterra di Blair. E un grande storico inglese, Tony Judt, scrisse poi che invece di riconoscere la necessità di determinati servizi pubblici si coprono tali spese con gli introiti delle lotterie, le quali contano sul sostegno dei segmenti meno informati e più poveri della società... Ai tempi della socialdemocrazia erano i ricchi e i ceti medi a essere tassati per garantire a tutti la disponibilità di biblioteche e musei. Ora che la socialdemocrazia l'abbiamo rottamata, rimangono i quiz televisivi.

Chissà si è chiesto Paolo se non è arrivato il momento che anche l'Italia si accorga che la ricerca ha bisogno di più sostegno. Chissà.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news