LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Nel bosco di Capodimonte unarea destinata a ristorante
Anna Paola Merone
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/1/2018

Il complesso si chiamerà Giardino Torre. Bellenger: sarà un luogo magico

Napoli. Un ristorante, un orto, unarea riservata ad iniziative ricreative. Attività riferite ad una nuova capacità di generare cultura attraverso il patrimonio artistico, storico e ambientale del Real Sito di Capodimonte. È a partire da questa idea che Invitalia nellambito di Mumex, il progetto Poli Museali di eccellenza nel Mezzogiorno ha elaborato un Piano di sviluppo del Museo e del Real Bosco di Capodimonte.

Realizzato in collaborazione con la Direzione generale di Capodimonte e presentato al Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo lo scorso novembre, il progetto punta a trasformare il complesso costituito dalla Reggia con le sue collezioni, dal Bosco e dalle Fabbriche in un sistema di offerta culturale integrato, che comprenda arte, storia, architettura, natura, spettacoli ed esecuzioni artistiche, ristoro e svago. In questa ottica il complesso del Giardino Torre sarà dato in concessione per 20 anni al vincitore di un bando pubblicato da Invitalia.

Il direttore di Capodimonte, Sylvain Bellenger definisce il Giardino Torre un luogo magico dal potenziale enorme come tutto il bosco, che non è solo il più grande parco pubblico della terza città italiana, aperto gratuitamente tutto lanno, ma anche un importante giardino storico. La riforma Franceschini ricorda ha unito sotto ununica direzione la gestione del museo e del bosco, operando una vera rivoluzione in tal senso e creando unopportunità unica in Europa. Questo bando è solo il primo step del masterplan, frutto di due anni di lavoro tra il Museo e Invitalia che trasformerà il Bosco di Capodimonte in un grande campus culturale.

Nato come riserva di caccia, il Real Bosco di Capodimonte si estende a ridosso della Reggia per circa 134 ettari: una distesa con più di 400 diverse specie vegetali e 16 edifici storici funzionali alle attività venatorie, attraversata da 34 chilometri di viali e da 10 ettari di praterie restaurate. Allinterno del Bosco è presente lunica testimonianza dei giardini produttivi presenti nel Settecento: unarea composta da zone con differenti destinazioni duso e una piccola masseria, conosciuta come Casamento della Torre. Proprio questa parte del Bosco, con il Giardino della Fruttiera, è al centro dei primi interventi di recupero del Parco. Il bando prevede la concessione del Compendio Giardino Torre per favorirne la valorizzazione attraverso attività connesse alla ristorazione, allutilizzo del frutteto e dellorto storico, alla commercializzazione di prodotti selezionati, ad attività didattico-ricreative, con particolare riferimento alle attività di educazione alimentare, agrono-mica, botanica e culinaria, il tutto nel rispetto della natura dei manufatti storici.

A breve anche al Mann sarà realizzato un progetto di offerta culturale integrata. Nel braccio nuovo ci sarà un ristorante che resterà aperto di sera e, attraverso una intesa con il Comune, al museo sarà accorpata la galleria Principe dove saranno realizzati spazi espositivi e informativi.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news