LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Colpo al Ducale punti fermi e le domande senza risposta
Eleonora Biral
Corriere del Veneto 7/1/2018

Venezia. Una delle poche certezze del colpo di mercoledì al Ducale di Venezia, è che i gioielli sono stati rubati. Ai punti fermi (lorario del colpo, luso di guanti per non lasciare impronte) si aggiungono molte domande ancora senza risposta, a cominciare dal valore della refurtiva. Una su tutte: quanti sono realmente i complici dei due ladri che hanno agito?

VENEZIA. Lunica certezza è che i gioielli sono spariti. Sono passati quattro giorni da quando una banda di ladri ha messo a segno quello che è già stato definito il furto del secolo: una spilla e un paio di orecchini rubati alla mostra dedicata ai tesori del Moghul e dei Maharaja a palazzo Ducale, nel cuore di Venezia. Quattro giorni durante i quali la polizia ha visionato decine di filmati delle telecamere e cercato tracce utili a identificare gli autori del furto. I dubbi sono ancora tanti e per gli investigatori potrebbero volerci mesi per risolvere il caso. Intanto ieri la task force messa insieme dal questore ha fatto un nuovo sopralluogo al Ducale per cercare di rispondere alle molte domande ancora aperte.
LA REFURTIVA
I ladri hanno rubato una spilla e un paio di orecchini in oro, platino e diamanti di proprietà dello sceicco qatariota Hamad bin Abdullah Al Thani. Il valore doganale di cui si era parlato, 35mila euro, determina limporto dei dazi, ma quello commerciale sarebbe di circa tre milioni. Un valore comunque inferiore rispetto a quello di altri gioielli esposti alla mostra e questo porta gli investigatori a definire due piste.
IL MANDANTE
I ladri non hanno nemmeno toccato un collier riposto nella stessa teca. Quello che volevano erano gli orecchini e la spilla e li hanno prelevati con una facilità sospetta. Possono aver scelto proprio quei gioielli solo per due motivi. Il più ovvio è che abbiano agito su commissione, eseguendo lordine di un compratore. Laltra ipotesi è che vogliano smontare i monili per rivenderne il platino e le pietre preziose.
LA TECA
Resta da capire come siano riusciti ad aprire lo scrigno di vetro che custodiva i gioielli. La teca ha una serratura meccanica nella parte inferiore e, una volta inserita la chiave, è possibile aprire lanta. Gli accertamenti dimostrano che lespositore non è stato scassinato. Il ladro che lha aperto ha armeggiato per tre, al massimo quattro secondi sotto la teca e poi ha messo le mani sui preziosi. Questo modo di operare fa restringere il campo a due ipotesi: o il bandito aveva una copia della chiave (una sorta di passepartout) oppure la teca era aperta. Quanto basta per ipotizzare che ci fosse una talpa.
IL BASISTA
Un furto simile non può essere commesso solo da due persone. Il questore ha spiegato che la banda era composta da numerosi elementi. Quindi cerano dei complici allinterno, e probabilmente anche allesterno, della mostra. Un basista potrebbe averli aiutati in qualche modo ad aprire senza difficoltà la teca. Inoltre, il dispositivo di sicurezza prevedeva la presenza di due guardie armate e tre guardiasala. Non è chiaro se la persona che doveva controllare la Sala dello Scrutinio fosse presente.
LALLARME
Limpianto di allarme è di tipo luminoso e si attiva quando i gioielli vengono prelevati dagli espositori. Limpulso arriva alla control room. Da qui gli addetti ai lavori verificano da quale espositore provenga e avviano una sorta di catena avvisando la portineria, il caposervizio, i guardiasala e le guardie. Mercoledì il segnale si è attivato ma limpulso è arrivato alla centrale di sicurezza con un minuto di ritardo. I ladri potrebbero aver utilizzato un dispositivo in grado di disturbare le frequenze radio e, quindi, di disattivare momentaneamente limpianto.
LA FUGA
I ladri in meno di un minuto riescono a prelevare i gioielli e ad uscire mentre il protocollo di sicurezza ne richiede circa tre. Trascorsi i quali, i criminali erano già sulle passerelle per lacqua alta in piazza San Marco: è probabile che si siano incamminati verso Rialto.
LE INDAGINI
La squadra mobile e lo Sco da mercoledì hanno eseguito diversi sopralluoghi a palazzo Ducale. I ladri non si sono preoccupati che i loro volti venissero ripresi, perciò è probabile siano incensurati e stranieri. Luomo che ha estratto i gioielli dalla teca indossava dei guanti da benzinaio. La polizia non ha ancora chiarito se sono state trovate impronte e venerdì hanno presentato una prima relazione al pubblico ministero Raffaele Incardona.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news