LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arte a rischio: il Perseo divide Firenze
Ennio Macconi
NAZIONE Carlino GIORNO 10-AGO-2005

FIRENZE — Ci risiamo. Ogni volta che un capolavoro fiorentino viene ferito, e l'ultima volta, una settimana fa, è capitato al «Biancone» di Bartolomeo Ammannati (1575) in piazza della Signoria, si riaccende la diatriba. C'è chi invoca la sostituzione degli originali che arricchiscono le strade della città, per metterli al riparo nei musei, e piazzare al loro posto dei replicanti senz'anima; e c'è chi si oppone e difende l'unicità di Firenze, unica, appunto, anche se fragile, proprio per questa magìa di poter offrire sotto le sue stelle un Cellini, un Ammannati, le formelle di Della Robbia, le fontane del Tacca, i gruppi equestri del Giambologna di Cosimo e Francesco I de' Medici... Così, ora, il confronto, l'ultimo, è nato tra due «nomi» di tutto rispetto: la professoressa Mina Gregori, una delle più note storiche dell'arte italiana; e il professor Antonio Paoiucci, già ministro per i beni culturali (con Ciampi presidente del consiglio) e oggi soprintendente al polo museale fiorentino. La palla l'ha lanciata la professoressa Gregori, sulle pagine fiorentine de «La Nazione»: «Colgo l'occasione per lanciare un appello pressante: il Perseo del Cellini deve essere tolto al più presto dalla Loggia dei Lanzi, sistemato in un museo e sostituito con una copia». Secondo la Gregori «è assurdo che uno dei massimi capolavori al mondo rimanga esposto alle intemperie e ai vandali. E' una scelta che dobbiamo fare ora, perché di queste opere siamo responsabili anche di fronte ai secoli futuri». Un attimo appena e la risposta del professor Paoiucci non si è fatta attendere: «Solo l'idea che una città come Firenze diventi una Disneyland piena di cloni, mi fa accapponare la pelle».
Insomma, come si vede Antonio Paoiucci non la pensa esattamente coma la professoressa Gregori. I vertici dell'arte fiorentina si dividono dunque, ma anche Firenze fa lo stesso: la città si spacca (come da tradizione!) anche su questo e c'è chi sbraita per i rischi che le statue e i capolavori all'aria corrono se non si spostano; e c'è chi invece non è disposto a toglierli per nulla al mondo. Aggiunge la professoressa Gregori: il problema è anche quello del poco rispetto che molti cittadini sembrano nutrire per l'Arte. Alle fontane del Tacca, in piazza Santissima Annunziata: «ci tengono legate le biciclette!». Riprende Paoiucci, ripartendo dal Perseo: dopo l'ultimo eccellente restauro, la statua sta benissimo ed è sottoposta a check up ogni sei mesi. Oltre tutto è guardato a vista 24 ore su 24 dai vigilantes. La sua base sì che soffriva troppo per le intemperie e per questo è stata sostituita. Dunque, dice Paolucci, non può esistere una regola fissa. E finché si può, si lascino gli originali al loro posto.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news