LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni Culturali: Paolucci, Pericoloso Rifugiarsi Solo Nel Turismo
(ASCA)
(ASCA) Marted 9 Agosto 2005, 14:59




(ASCA) - Firenze, 9 ago - ''Quello che sostiene la Frankfurter Allgemeine Zeitung e' preoccupante perche' e' vero'''. Cosi' il soprintendente al Polo museale fiorentino Antonio Paolucci risponde all'Asca, dopo l'articolo apparso sul giornale tedesco in cui si accusa l'Italia di ''essersi adagiata'' puntando solo sul proprio patrimonio storico- artistico. ''L'Italia - sottolinea Paolucci - e' un Paese in crisi, che perde i colpi, nella competizione, nella ricerca, nelle esportazioni e credo che questa idea di rifugiarsi nei beni culturali come nostra risorsa sia consolatoria da una parte ma pericolosa dall'altra perche' in un popolo di 60 milioni di cittadini non tutti possono diventare custodi di musei, restauratori, stilisti o modelli''. Un problema che coinvolge in primo luogo le citta' d'arte, e tra queste Firenze che, ricorda Paolucci, un tempo era una citta' ''plurale'' in cui c'erano industrie, editoria, edilizia, finanza, mentre oggi e' una ''citta' monoculturale in cui si vive solo di turismo culturale. La mia Soprintendenza, il Polo museale fiorentino, e' praticamente l'unica industria della citta', e questo e' un fatto abbastanza preoccupante. Il giorno in cui, per qualche ragione, non ci fosse piu' questo turismo, Firenze si troverebbe in ginocchio''. In questo senso rassicurano i dati sull'afflusso di visitatori nei musei statali fiorentini (+1,14 a luglio 2005 rispetto all'anno precedente secondo i dati della Soprintendenza) anche se ha fatto discutere il calo rilevato agli Uffizi (-11,5%). Un risultato negativo che pero' sembra non preoccupare Paolucci secondo cui e' dovuto al fatto che ''la gente si e' stancata di fare la coda'', preferendo indirizzarsi verso altri luoghi artistici. Una tendenza, secondo l'ex ministro, a ben guardare positiva perche' ''serve a distribuire in modo piu' equilibrato i flussi turistici all'interno dei musei cittadini''. Ma non e' possibile far si' che le code non ci siano? No, secondo Paolucci, perche' le code agli Uffizi sono ''fisiologiche'' e dovute principalmente alla legge 623 (''una norma tra le piu' severe in Europa'') che disciplina gli accessi ai luoghi pubblici e che, nel caso della galleria fiorentina, stabilisce un'affluenza massima contemporanea di 780 persone. ''D'altronde - conclude Paolucci - gli Uffizi sono un museo storico: non si possono allargare o tirare giu' i muri''.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news