LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura, spendiamo di più ma calano i consumatori
08 novembre 2017 LA REPUBBLICA



Il rapporto di Federculture: cresce il divario tra chi può permettersi libri, cinema e musei e chi resta escluso, una famiglia italiana su tre

Spendiamo di più in cultura, andiamo di più al cinema, alle mostre, nei musei, ma in fondo rimaniamo un paese a due velocità: da una parte chi può spendere e dall'altra una fetta cospicua di esclusi dai consumi culturali. Una fetta di popolazione tagliata fuori, che purtroppo è in continua crescita. È quanto emerge dal rapporto annuale Federculture presentato a Roma: nel 2016 gli italiani hanno speso 68,4 miliardi (+1,7 % sul 2015 quando erano 67,438 e il 7% in più sull'ultimo triennio), con una media di 130 euro al mese a famiglia. Un incremento di 4 miliardi rispetto al 2013, l'anno nero dei consumi.

Ma il dato della spesa contiene chiari e scuri. È vero, le famiglie hanno speso di più per il cinema (+5%), per il teatro (+2%), per i concerti (+7,7 %), per visitare mostre (+4%) e siti archeologici (+5,4%), ma a spendere sono sempre gli stessi, chi può permetterselo, mentre il 37,4% degli italiani, una famiglia su tre, non prende parte ad attività culturali di alcun tipo. Una percentuale in crescita, che nelle famiglie a basso reddito raggiunge e supera il 50%. E arriva al 70% (i 2/3 della popolazione) se consideriamo una partecipazione sporadica alla vita culturale. Il che significa che il Paese è spaccato in due. Spiega il direttore di Federculture Claudio Bocci: I dati ci mettono di fronte a una polarizzazione della spesa culturale. Consumano molto i più abbienti, mentre ci sono fasce di persone completamente escluse. Si tratta di fasce di consumatori più deboli, con redditi inferiori. Il nostro è un Paese pieno di divari, non solo tra fasce di reddito ma anche tra Nord e Sud. Lo squilibrio geografico è l'altro punto dolente. Il Mezzogiorno continua ad essere il fanalino di coda. Se il Trentino Alto Adige è la regione che mostra una maggiore propensione ai consumi culturali (209 euro a famiglia al mese), seguita da Lombardia (177 euro) ed Emilia Romagna (166), in fondo alla classifica ci sono Calabria (62 euro), Basilicata (60) e Molise (59). Anche il successo dell'Art bonus è distribuito male. La legge che garantisce importanti benefici fiscali a chi sponsorizza la cultura, ha portato in tre anni 5400 mecenati a donare più di 170 milioni per la realizzazione di oltre 1100 interventi in favore di musei, monumenti, siti archeologici e fondazioni lirico sinfoniche. Peccato però che ben l'80% dei finanziamenti si fermi a Nord: solo il 2% arriva a Sud e nelle isole. Tra i musei che più festeggiano ci sono i 20 statali dotati di autonomia speciale, che hanno registrato complessivamente 8 milioni di visitatori (+16,7%) e oltre 31 milioni di introiti lordi (+37,7 %). La lettura va male, ma non è una notizia: sapevamo, grazie al rapporto dell'Aie, che la quota di italiani che leggono almeno un libro l'anno è scesa al 40,5% della popolazione. Bassa anche la percentuale dei lettori di ebook: poco più dell'8%. Ma che peso ha la Rete nei consumi culturali? Il rapporto, basandosi solo su elementi monetarizzabili, non lo dice. I Millennials fruiscono della cultura in maniera diversa , dice Bocci. Ma qui dovremmo aprire un altro capitolo: quello del divario digitale tra l'Italia e l'Europa.



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

12-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 12 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news