LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Adriana, Ostia antica, Vulci l'archeologia dimenticata e offesa
ADRIANO LA REGINA*
07/08/2005 La Repubblica




COLPO su colpo all'archeologia di Roma e del Lazio viene inferto dal Ministero per i beni culturali un sistematico attacco mediante il progressivo indebolimento delle soprintendenze operanti nella città e sul territorio.
Due tra i più importanti istituti che si sono occupati per oltre un secolo della protezione del patrimonio culturale italiano, la Soprintendenza archeologica dell'Etruria meridionale e la Soprintendenza archeologica del Lazio, sono stati già unificati sotto il nome di quest'ultima in un ufficio posto alle dipendenze di un solo soprintendente.
Analoga sorte sembra ora incombere sull'assetto della tutela archeologica nella città di Roma con il declassamento della Soprintendenza archeologica di Ostia e del Museo nazionale di arte orientale, i quali verrebbero inglobati nella Soprintendenza archeologica di Roma.

Le due soprintendenze dell'Etruria e del Lazio erano istituti molto diversi, ma entrambi di rinomanza scientifica internazionale.
Il primo doveva far fronte, tra l'altro, alle esigenze di complessi monumentali come quelli di Tarquinia, Cerveteri, Vulci, Veio, nonché del Museo etrusco di Villa Giulia a Roma e di importanti musei minori.
Il secondo istituto, la Soprintendenza archeologica del Lazio, si occupava di una miriade di località antiche della Sabina e del Lazio meridionale, tra le quali spiccano per celebrità le città di Anagni, Alatri, Segni, Cori, Ferentino, Formia, Gaeta, Terracina, nonché complessi monumentali d'incomparabile interesse quali la villa di Adriano e il santuario di Èrcole vincitore a Tivoli, il santuario della Fortuna primigenia a Palestrina.

PROVVEDIMENTI che riguarderanno anche la grotta di Tiberio a Sperlonga e, ancora, un numero straordinario di residenze «suburbane» di imperatori, da quella di Subìaco a quelle dei Colli albani, di Anzio, e così via. A tutto questo sono da aggiungere 83 musei statali e di enti locali, i quali costituiscono una rete di strutture preposte alla difesa ed alla conoscenza dei caratteri storici territoriali senza pari in Italia e nel mondo.

Scoperte archeologiche di prima importanza, che influiscono in maniera rilevante sull'evoluzione delle conoscenze storiche, si susseguono con ritmo incalzante in tutta la regione, e gli uffici preposti al loro controllo hanno dovuto adoperarsi sempre al limite delle proprie forze.

In conseguenza di tale impegno si era tuttavia formata in entrambi gli istituti una consolidata tradizione di studi e
di ricerca sul campo. Studiosi illustri si sono avvicendati tra le fila degli archeologi che vi hanno operato e che sono poi passati all'insegnamento universitario, Giovanni Colonna, Mario Torelli, Enrico Paribeni, Giorgio Gullini. Gli altri due istituti che dovrebbero perdere la propria autonomia, la Soprintendenza archeologica di Ostia e il Museo nazionale di arte orientale hanno una storia non meno gloriosa. A Ostia, ora diretta da Anna Gallina Zevi, hanno prestato sevizio Giovanni Becatti, Maria Floriani Squarciapino, Fausto Zevi. Il Museo orientale, che conserva tra l'altro una delle più importanti collezioni di arte del Gandhara (la provincia di Kandahar in Afganistan), è stato fondato circa mezzo secolo fa a seguito dall'attività scientifica di Giuseppe Tucci e di Domenico Faccenna.

La Soprintendenza archeologica di Roma, in cui dovrebbero confluire gli uffici diOstia e del Museo orientale, è già oberata da un enorme carico di lavoro. È del tutto evidente come in tal modo si venga sempre piùasminuirerefficienza delle nostre soprintendenze.

Appare inconcepibile, e imperdonabile, che tutto ciò avvenga poi non per contenere la spesa mediante la riduzione di organico, ma solamente al fine di incrementare a dismisura, come è stato fatto, i posti di dirigente generale per motivi estranei al pubblico interesse. Ne è conseguito, infatti, che compiti dirigenziali delicatissimi e di alta responsabilità, i quali presuppongono ampia consapevolezza critica e dottrinaria di carattere storico, sono ora tenuti da persone del tutto prive di idonea qualificazione.

Nel silenzio e nel disinteresse generale si sta dunque portando a termine il disastroso riordinamento del Ministero della cultura concepito dal precedente ministro, Giuliano Urbani. Durante la sua gestione con il Codice dei beni culturali e del paesaggio sono stati attenuati gli strumenti giuridici già esistenti per la protezione del patrimonio storico e artistico italiano, il quale avrebbe piuttosto meritato l'emanazionedinorme maggiormente severe contro abusi e devastazioni. In concreto si è resa così veramente difficile ogni azione di tutela.


Non contenti di questo si è dato seguito al disegno di indebolire le soprintendenze con il declassamento di istituti di antica tradizione, con l'abolizione della configurazione autonoma per musei che avevano guadagnato reputazione scientifica nel contesto internazionale, con lo svilimento di quei compiti di studio che da sempre erano stati ritenuti un'indispensabile qualificazione per archeologi, storici dell'arte, architetti, e infine con la totale mortificazione di ogni funzione che comporti elaborazione teorica e ricerca scientifica nelle attività di conservazione e di incremento del patrimonio storico e artistico.

Questo è fonte di conoscenza e strumento di crescita culturale per i cittadini o, come dicevano bellamente gli illuministi, «per il progresso del genere umano», prima ancora di essere bene di rilevanza economica e soprattutto oggetto di vile mercificazione.
Il ministro Rocco Buttiglione ha dato segnali di ben altra sensibilità nei confronti del patrimonio culturale e di altaconsiderazione del proprio ufficio.
Vi è quindi da sperare che egli voglia porre rimedio ai guasti giàprovocatidalsuo predecessore, ed a quelli ancora incombenti, con l'accorpamento di soprintendenze e con la soppressione di musei archeologici.

* Presidente dell'Istituto nazionale di archeologia e storia dell'arte



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news