LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Braschi, giù una parete "Danni alle tele". Il museo nega
ARIANNA DI CORI
21 ottobre 2017 LA REPUBBLICA




PASSEGGIANDO per le meravigliose sale di Palazzo Braschi, nelle scorse settimane qualche visitatore potrebbe essere rimasto colpito da una strana apparizione. Al secondo piano, sala 5, circondati da opere del Seicento e Settecento, ecco fare la loro comparsa alcuni ampi e sottili fogli di carta, disposti ordinatamente a terra, sotto i quali si scorgevano chiaramente alcune cornici. Un'installazione in stile Christo, commistione tra l'antico e il contemporaneo? No, quei fogli nascondevano l'evidenza di un giallo che si sta consumando nel museo comunale. È successo un paio di settimane fa spiegano i custodi, non nascondendo una certa preoccupazione sarà più semplice riparare le cornici, ma per i quadri speriamo bene. Li hanno portati a restaurare.

A quanto racconta il personale, chiedendo l'anonimato, sabato 7 ottobre si è staccato dalla parete uno dei grandi pannelli in legno su cui erano affissi i quadri. E, almeno fino al 12 ottobre, le opere, e/o i resti del pannello, sono rimaste a terra, sotto la carta bianca.

La sala 5 dedicata al "Gioco e divertimento" appare oggi, invece, spoglia e con solo due opere al suo interno. Tre i quadri mancanti: Il gioco del pallone, commissionato a metà del Settecento dalla famiglia Rospigliosi ad Adrien Manglard, Festa con giostra di tori alla Magliana, dipinto nel 1748 da Johan Reder, e una tela raffigurante il Teatro di strada, dove si riconosce la statua del Pasquino addossata al cantonale di Palazzo Orsini, in seguito demolito per la costruzione di Palazzo Braschi.

Tuttavia le versioni dei fatti sono contrastanti. Interpellati sull'accaduto, infatti, la Sovrintendenza capitolina e la direzione del museo smentiscono i custodi. Non è caduto niente, si tratta di normali lavori sottolineano i portavoce della Sovrintendenza Il pannello non era in condizioni ottimali ed è semplicemente stato smontato per un riallestimento della sala. Nulla di grave. Appena il 29 marzo di quest'anno è stato presentato il restyling del museo che ha previsto il generale ripensamento degli spazi attraverso una nuova allocazione delle opere al secondo e terzo piano.

Nel 2005 la "Fanciulla di Anzio" rimase lesionata al Colosseo, durante la mostra "Il rito segreto". Nella notte tra il 2 e il 3 agosto, infatti, la statua cadde a terra, subendo danni (l'opera venne poi restaurata nei laboratori della Soprintendneza statale). L'allora soprintendente Angelo Bottini escluse subito la pista vandalica: una piccola tromba d'aria notturna, infilatasi tra i corridoi dell'anfiteatro, aveva provocato il crollo. Faremo tesoro di questa esperienza per gli allestimenti futuri, dichiarò Bottini.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news