LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL RESTAURO: comincia oggi il restauro del soffitto del salone dei Corazzieri al Quirinale
Girogio Battistini
la Repubblica, 8 ago 2005


Roma
La storia d'Italia scorre anche lass, a sedici metri da terra, subito sotto il soffitto a lacunari, cassettoni oro e azzurro che come un tetto celestiale chiude il gran salone dei Corazzieri, al Quirinale. In quel luogo, calpestando i marmi del prezioso pavimento "rubato" alle terme di Caracal-la e lavorato in stretta armonia coi disegni del soffitto, si diedero il cambio tante stagioni. La Roma del p ap a- re, che quel palazzo aveva voluto come residenza salubre estiva per sfuggire alla calura umida del Vaticano; quella breve e fugace di Napoleone che per l non ha mai potuto metter piede; pi tardi fu la "citt proibita" dei Savoia, i regnanti che avevano sfrattato da quella che loro chiamavano con disprezzo la "casa dei preti" (riempiendola di mobili e suppellettili ri-mediatinelle regge minori d'Italia), l'ultimo legittimo inquilino "erede" d'un papato che l'aveva fatta costruire a fine Cinquecento. E, da ultimi, i presidenti eletti nell'Italia repubblicana.
stato per secoli, quel gran gioco di stucchi, dipinti e decorazioni del Quirinale, una sorta di spoil system artistico e iconografico (talora servile) per celebrare l'alternanza dei poteri. A ogni cambio di bandiera sui pennoni del palazzo, una mano di bianco agli affreschi precedenti e nuovi soggetti, nuove "ideologie" immortalati in parete.
Quasi mezzo millennio attraverso simboli, affreschi, decorazioni e allegorie in quel palazzo in cima al Colle.
Da oggi, e per sette mesi, lavori in corso.

Udienze sospese in quella che era stata la sala Regia del papa, poi salone dei Marescialli coi francesi, infine salone dei Corazzieri per i Savoia e i successivi presidenti repubblicani. Da oggi per alcune settimane si alzano i ponteggi. Poi comincia il restauro
(deciso l'anno scorso) che dovr concludersi il 15 marzo 2006. Giusto in tempo per restituire agli ultimi due mesi di presidenza Ciampi il salone appena rinfrescato, riscoperto esattamente com'era all'inizio.

La sala regia ritrover il suo aspetto di quattrocento anni or sono, ha annunciato Louis Godart, consigliere artistico del presidente, quando la citt eterna riscopriva l'amore della vita che aveva ispirato e fatto sognare i maestri del Rinascimento. Il piccolo cornicione del 1616 (opera di Tassi, Lanfranco, Saraceni e dei loro allievi), aggiunge l'architetto Franco Sapio - responsabile della conservazione degli immobili del Quirinale - il fregio che rappresentava figure e simboli della liturgia cattolica, fu coperto nel 1812 da un pi grande cornicione con emblemi napoleonici.

La classica N e altri simboli imperiali.
Quando due anni dopo nella reggia torn il papa Pio VII lo fece subito ricoprire da un largo fregio di finto marmo, poco so tto i grandi affreschi che magnificavano la stagione missionaria e internazionale della Chiesa, i nuovi ambasciatori dall'Africa e dal Giappone, in un trionfo di allegorie e puttini ricoperti di pudiche mutande. Il salone fu privato dell'ormai logoro parato in pelle e si decise di dipingerel'intera superfcie delle pareti fino a terra. Il cornicione che oggi vediamo tutt'intorno al soffitto a cassettoni ancora quello napoleonico. Tranne che per le metope ricoperte da un decoratore che nel 1814 raschi gli emblemi francesi per sovrapporvi il fnto marmo, ancora visibile, precisa Sapio. Ora si torna all'originaria immagine pensata dagli artisti del papa, calici, pissidi, tiare e quant'altro a decorare la stagione iniziale di quel palazzo. Pi sotto resteranno i grandi emblemi dei Savoia, e gli stemmi delle quaran-tasei citt italiane volute dai sovrani piemontesi, tuttora attuali.
Quel salone il cuore stesso del Quirinale, la casa degli italiani, come ama ricordare Carlo Azeglio Ciampi. Con una "cicatrice" ancora ben visibile davanti all'ingresso: la porta, sempre serrata, del carcere in
cui tu rinchiuso Galileo, processato e condannato per eresia dagli in-quisitori di papa Paolo V e Urbano Vili. Perio-dicamente ritoccato, restaurato e trasformato in vetrina simbolica d'ogni potere presente, il salone ha subito il penultimo, impegnativo intervento durante il settennato Scalfaro, quando, con la consulenza di Gae Aulenti, le pareti furono ri-coperte con stuoie di pelle intrecciata (corame) blu notte.
Poi ricoperte da successivi grandi arazzi per aumentare la luminosit del luogo. Adesso tocca a Carlo Azeglio Ciampi, bandiera indiscussa del laici-smo italiano, far ripristinare l'anima pi antica del palazzo. Quella papale.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news